Conoscere l'editing

Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Interviste scrittori

Tutti i contenuti di Dario D'Ubaldo

  • Tipo: Blog
    Ven, 12/10/2018 - 10:30

    Restare in “Sospensione” è l’unica strada possibile?Sospensione il romanzo di Michele Neri, edito da Centauria, mi ha incuriosito fin da subito per una semplice ragione: “Quale potrà essere lo stile di scrittura di un uomo abituato a due linguaggi ben diversi: il gornalismo culturale e il mondo della letteratura?”, mi sono chiesto.

    Per rispondere a questa domanda mi sono addentrato nel romanzo con due possibili aspettative. La prima ipotesi sullo stile era che fosse professionale, nell’ottica di quanto espresso parlando delle quattro fasi della scrittura. Uno stile che avesse trovato un suo modo unico e speciale. La seconda ipotesi, o pregiudizio, è che fosse uno stile da esordiente (la precedente pubblicazione di Neri è un memoir famigliare scritto insieme al figlio e pubblicato da Mondadori, Scazzi) poiché, se è vero che non è il suo primo libro, è...

  • Tipo: Blog
    Gio, 27/09/2018 - 10:30

    “Mato Grosso” di Ian Manook, un metaromanzo tropicaleMato Grosso è il nuovo romanzo noir-tropicale di Ian Manook, ambientato in Brasile epubblicato da Fazi, per la collana Darkside, tradotto dal francese da Maurizio Ferrara.

    Il protagonista, Jacques Haret, è uno scrittore che viene invitato nello stato di Rio de Janeiro, dove scopre di essere invischiato in una vicenda riguardante un soggiorno di alcuni mesi nel Mato Grosso, soggiorno che, avvenuto al tempo di un’inondazione storica del Pantanal, è l’argomento del suo Romanzo brasiliano, nel quale il protagonista racconta la storia di come ha ucciso un uomo per puro orgoglio. Ian Manook, i cui viaggi in Brasile sono ben noti fin dalla dedica iniziale del libro, utilizza la tecnica del metaromanzo per presentare al lettore il Romanzo brasiliano, scritto dal suo protagonista, e finisce egli stesso nel gioco di specchi autobiografici, che collegano...

  • Tipo: Blog
    Mar, 11/09/2018 - 12:30

    Scrivere come i grandi. “Lolita” e i giochi di paroleLolita (1955) di Vladimir Nabokov, maestro dei giochi di parole, non ha bisogno di presentazioni. È impossibile non conoscerlo, fosse anche solo per l’incipit. Che lo si sia letto o meno in quest’articolo si parlerà di un brano tratto dal capitolo 18, perciò ci saranno degli spoiler della trama. Fortunatamente il lettore avveduto sa che un bel romanzo, a differenza del racconto, si affida in minima parte ai colpi di scena. Il romanzo si concentra sui dettagli, nell’accumulare scene per creare situazioni. Se un romanzo (o anche un film) ci piace molto non esistiamo a rileggerlo. Ora che si è superata la diatriba e la paura degli spoiler procediamo con un breve riepilogo del romanzo in questione: Lolita è un romanzo in lingua inglese pubblicato a Parigi da parte di uno scrittore russo. È il racconto, in prima persona, di un pedofilo (immaginario) europeo emigrato in America, scritto in carcere poco prima della sua morte...

  • Tipo: Blog
    Gio, 26/07/2018 - 12:30

    3 brevi lezioni di scrittura tratte da “Titivillus, il demone dei refusi” di MontañésTitivillus, il demone dei refusi, è un brevissimo saggio, tanto piccolo quanto curato, sulla figura demoniaca della tradizione medievale associata agli errori tipografici. Il libro è di Julio Ignacio González Montañés, edito da Graphe.it che porta l’autore per la prima volta in Italia, grazie alla traduzione di Roberto Russo.

    Montañés, professore spagnolo, si cimenta in un excursus storico-artistico della figura di Titivillus, scaturita nel dodicesimo secolo dall’immaginario medievale, la cui funzione è quella di annotare su una pergamena le sillabe e le parole omesse dai chierici durante la messa, la recita delle Ore e nel canto liturgico, per poi presentarle a Dio come prova incriminante nei loro confronti nel giorno del Giudizio. Non solo, nel corso dei secoli il demone Titivillus è stato associato a differenti funzioni, annotare omissioni liturgiche nelle preghiere dei monaci e dei fedeli, oppure pettegolezzi, per poi...

  • Tipo: Blog
    Sab, 30/06/2018 - 11:28

    Le 4 Fasi della scrittura, sul rapporto tra stile e casa editriceSpesso di parla di scrittura come percorso, allora mi sono chiesto quali siano le fasi della scrittura, d’altronde scrivere è un mestiere che necessita di molteplici competenze e conoscenze. In particolare, necessita di tante attitudini positive. Per poter fare esperienza di tutto ciò, è ragionevole pensare che uno scrittore o aspirante tale passi attraverso delle fasi, in cui sperimenta maggiormente un certo stile o approfondisce un determinato genere di contenuti. Crescere artisticamente significa spendere del tempo che, essendo una risorsa limitata purtroppo, non è sufficiente per tutto. Ogni scrittore fa le sue personali scelte artistiche, decidendo talora di avvicinarsi alla letteratura russa, o fare “binge watching” di una serie tv o, ancora, coltivare la propria vita...

  • Tipo: Blog
    Ven, 08/06/2018 - 11:36

    “Tanti piccoli fuochi” di Celeste Ng, un mondo che arde di vita propriaTanti piccoli fuochi di Celeste Ng (pronuncia: Ing) è un romanzo dal carattere polifonico, un piccolo mondo dotato di vita propria. A questo mondo l’autrice ha dato un nome: Shaker Heights, Ohio, una piccola ma perfettamente organizzata comunità, che viene scossa da un evento di profonda ribellione. Il fulcro della storia non sono tanto l’evento in sé e le sue conseguenze, quanto gli accadimenti della vita di due famiglie: i Richardson, benestanti con quattro figli, e Mia, la fotografa squattrinata, con sua figlia Pearl. Tutto il romanzo indaga gli effetti del trasferimento di Pearl e Mia nella comunità altolocata, fino a quando la mutua influenza diviene una presa di coscienza e, infine, ribellione. È la storia a ritroso dei tanti focolai emotivi da cui ha origine l’incendio, e in questo ricorda un giallo, ci si sente detective o vigili del fuoco, alla ricerca del momento esatto – ammesso che ci sia – in cui tutte le previsioni di Mrs Richardson sulla figlia minore andranno letteralmente in...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.