Corso online di editing

Corso SEC

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Tutti i contenuti di Antonello Rimaldini

  • Tipo: Blog
    Dom, 02/02/2014 - 12:34

    Che tipo di lettore sei? 52 categorie per te: ci sei?

     

    Quale tipo di lettore sei è facile da capire e, per favore, lascia che per una volta faccia una risata. Mi preme ringraziare da subito la redazione di Sul Romanzo che ha contribuito per gli aspetti fotografici.

     

    Il compulsivo collezionista da acquisto (1)

    Che tipo di lettore sei? 52 categorie per te: ci sei?

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Non quale titolo, l’importante è comprare. La lettura è un atto secondario e comunque non fondamentale. Avete presente gli inserti di libri a pagamento dei quotidiani? Li colleziona tutti. Insegue l’accumulo dell’acquisto come Balotelli cerca il goal. I libri proposti da Fazio? Li compra la settimana successiva, massimo dopo una...

  • Tipo: Blog
    Dom, 26/01/2014 - 10:30

    InsegnantiQualche giorno fa, il nostro direttore, Morgan Palmas, forse con intenti provocatori, forse come reazione allo stress di giornate di lavoro troppo lunghe, ha pubblicato un breve post su Facebook:

    «Qualcuno è riuscito a dirmi che 18 ore sono tante come ore di lavoro per gli insegnanti. Tante?! La gran parte dei lavoratori fa fra le 36 e le 40 ore a settimana, per non parlare degli straordinari che spesso sono pagati una miseria, inoltre le ferie annuali pagate non sono 15 giorni a Natale più quasi 3 mesi di estate, ma molto meno. 
    Gli insegnanti si difendono e dicono che ci sono i compiti e le lezioni da preparare. Benissimo. Supponiamo un'ora al giorno per correggere i compiti e un'ora per preparare una lezione che nel corso degli anni sono lezioni che si standardizzano, supponiamo da lunedì a venerdì, aggiungiamo così alle 18 ore altre 10 ore, e fa 28 a settimana, e siamo stati generosi. Rimane il fatto che ci sono 15 giorni a Natale di ferie e quasi 3 mesi d'estate. 
    E non dimentichiamo che nel pomeriggio sono non pochi gli insegnanti che fanno ripetizioni. 
    Ora, con tutta la prudenza del caso e con tutto il rispetto che gli insegnanti meritano, se l'argomento è 18 ore sono troppe,...


  • Tipo: Video
    Dom, 19/01/2014 - 11:48

    «Ho vissuto i miei vent'anni, i miei trenta, i miei quaranta, voglio vivere i cinquanta, i sessanta, quello che ci sarà, in prima persona, presente, consapevole, con gli occhi aperti, guardando gli altri, non solo me stessa, non con l'attenzione centrata in ogni istante sui miei buchi da coprire, le mie cicatrici, le mie labbra, i miei zigomi. Come sto? Come appaio? Come mi vede? Io, io, io, io. Questo placa l'assenza di un noi. Analfabeti emotivi, assistiamo alle guerre, all'infelicità di padri e figli costretti dalla crisi a impedirsi a vicenda di vivere, a bambini che muoiono di fame in terre lontane eppure vicinissime, alla nostra Italia distrutta dall'incuria, a uomini e donne che sguazzano nella corruzione e nell'oscenità. E tutto si ferma nella retina, tutto è una fotografia, una verità piatta, senza spessore e profondità, e senza conseguenze. Concentrati su noi stessi, il mondo lo portiamo avanti per abitudine».

    Questa settimana, vorrei lasciare spazio a Monica Guerritore e a una sua intensa riflessione sul talento e sul teatro. In venti minuti, l'attrice, da poco nominata Presidente della Giuria dei Letterati del Premio Campiello 2014, ci racconta cosa vuol dire dare voce al proprio talento, dove trovare il proprio vero sentimento, che è parte integrante del talento: «State calmi, state calmi e...

  • Tipo: Blog
    Dom, 12/01/2014 - 10:30

    MasterpieceSì, anch’io scriverò di Masterpiece, o meglio non del programma in sé, quanto dell’effetto Festival di Sanremo di cui è stato vittima: un atteggiamento di critica preventiva, che si auto-conferma indipendentemente da ciò che è stato messo in scena. E uso l’espressione “messo in scena” perché tutto ciò che succede in televisione è di per sé una messa in scena, lo è quando accade in diretta, figuriamoci quando si tratta di una trasmissione registrata di cui vediamo un montaggio che di per sé non può che essere una ricostruzione ex post. È questa una critica a Masterpiece? No, è una semplice definizione di campo, giusto per iniziare a dire che un giudizio negativo su Masterpiece a partire da quest’osservazione è come dire che Pippo Baudo non ci piace perché è un uomo di spettacolo o che Margherita Hack non ci era simpatica perché era un’astronoma e non un’astrologa. Ed è questo, a mio avviso, il tranello in cui è caduto Andrea Coccia, quando su «Linkiesta»...

  • Tipo: Blog
    Dom, 05/01/2014 - 10:30

    Lecco patata? La Cina che ci aspettaMancano pochi anni, chi l’avrebbe detto fino ai Novanta del secolo scorso, la Cina diventerà la prima potenza mondiale dal punto di vista economico. Secondo il CEBR (Centre for Economic and Business Research) il sorpasso rispetto agli USA, nazione da medaglia d’oro da molto tempo, avverrà nel 2028, fra quattordici anni. Il nostro paese uscirà addirittura dalla top ten.

    Nell’ultimo decennio la Cina è cresciuta con ritmi impressionanti, ridicolizzando gli sforzi di altre nazioni, prese dalla crisi di sistema che tanto sta influenzando anche l’Italia.

    Uno sviluppo cinese che punta crudamente ai fatturati, a svantaggio di diritti che noi europei consideriamo sacri, o almeno riteniamo importanti.

    [I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed...

  • Tipo: Blog
    Dom, 22/12/2013 - 10:30

    Silvio BerlusconiParlare dell’eredità di Silvio Berlusconi potrebbe risultare azzardato dal momento che i lasciti sono tali solo post mortem. Il Cavaliere ci ha abituati a così tante trasformazioni che qualunque previsione può apparire antiquata prima ancora di essere pronunciata. Il punto, però, è che vorrei parlare di un altro tipo di eredità, quella che, pur essendo formalizzata oggi in vista del futuro, può senz’altro ritenersi valida in riferimento al passato, incluso il pre-ventennio berlusconiano. Ma prima di entrare nel merito, sono necessarie due premesse, una di carattere personale, l’altra più generale; entrambe, a mio avviso, indispensabili per sgombrare il campo da possibili equivoci.

    ***

    Premessa n. 1
    Io non sono berlusconiano, né un uomo di destra o di centro-destra. A dire il vero, faccio fatica a riconoscermi in una rappresentanza politica. Per essere franco e diretto, non ritengo che Alba Parietti sia più intelligente di Iva Zanicchi solo perché la prima è la coscia lunga del Partito Comunista e la seconda una ex parlamentare europea di Forza Italia; allo stesso modo,...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.