Conoscere l'editing

Interviste scrittori

Consigli di lettura

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Le ultime dal blog...

  • Autore: Morgan Palmas
    Gio, 24/09/2009 - 08:58

    Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinato alla scrittura e se è stato o meno un caso fortuito.

    Ho iniziato a scrivere racconti parecchi anni fa, poi i casi della vita mi hanno deviato su altri percorsi. Ho ripreso qualche anno fa, riflettendo sulla mia esperienza di testimone diretto di un fatto storico tragico e grandioso: la dissoluzione dell’URSS, la fine del PCUS e il trapasso drammatico alla Russia di Eltsin nei primi anni Novanta. Poiché dalla fine del ’90 alla fine del ’93 per lunghi periodi ho vissuto in Russia, ho infatti assistito in prima persona alla trasformazione politica, sociale, culturale di quel paese, l’ho vissuta assieme ai russi con cui lavoravo e con cui ero in contatto. Questa esperienza è stata la molla che mi ha spinto a riprendere in mano la scrittura e a stendere il mio primo romanzo, "La fossa comune", in cui quegli avvenimenti sono non solo lo scenario della vicenda narrata, ma fatti con cui il protagonista si confronta e si scontra. Il fatto che il romanzo sia stato apprezzato da chi l’ha letto mi ha...

  • Autore: Morgan Palmas
    Mer, 23/09/2009 - 15:33
    La sfida di "Scrivere un romanzo in 100 giorni" si è conclusa, ora, con più calma, intendo approfondire gli argomenti, sia proponendoli sia accogliendo i vostri contributi (anche nel forum che da pochi giorni è on line e che trovate bene indicato sulla colonna di destra del blog).

    Che cosa saranno gli approfondimenti?
    Da un lato riprenderò dalla prima lezione inserendo nuove prospettive ed elementi su cui riflettere, dall'altro lato chiederò ad alcuni scrittori di fornire la loro visione sui più disparati temi. Credo che unendo i miei modesti appunti che condivido nel blog e i punti di vista di scrittori affermati si possa ottenere un piccolo bagaglio di informazioni utili per coloro che intendono migliorarsi nella scrittura. Non solo.
    Una volta che avete il romanzo in mano, che cosa fare se intendete tentare la pubblicazione? Quindi, come preparare il manoscritto, la rilegatura, la sinossi, a...



  • Autore: Morgan Palmas
    Mer, 23/09/2009 - 12:06

    Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinato alla scrittura e se è stato o meno un caso fortuito.

    Come accade a molti, mi sono avvicinato alla scrittura prima di saper scrivere. A scarabocchiare (a fingere di scrivere!) ho cominciato molto presto, riempiendo fogli bianchi e agende. Poi, mi viene in mente che intorno ai sette anni – su una spiaggia, d’estate – immaginavo, sempre con una vecchia agenda tra le mani, forma e contenuto del mio primo libro. Un’inchiesta sull’esistenza della Befana. I primi veri racconti sono venuti fuori nell’estate dopo la maturità liceale – la più libera e spensierata che abbia vissuto finora. È stato un caso? Non so. Dovrei chiedermi se lo è stato l’amore per i libri, per la lettura, senza il quale non avrei mai desiderato scrivere.

    Se consideriamo come estremi l’istinto creativo e la razionalità consapevole, lei collocherebbe il suo modo di produrre scrittura a quale distanza dai due?

    La parola consapevolezza mi piace molto. Non ho il mito dell’ispirazione. Certo, c’è qualcosa di inspiegabile...





  • Autore: Morgan Palmas
    Mer, 23/09/2009 - 11:51
    Leggo qui e penso che forse quest’anno potrebbe essere italiano, dopo dodici anni, con Tabucchi o Eco o Magris, fra i favoriti del nostro paese.

    Il premio Nobel per la letteratura è assegnato nel mese di ottobre e, se si prendono per buone le previsioni più quotate, sembra che il 2009 sarà la volta di un autore nord americano: Vidal e Roth, fra gli altri.

    L’ultimo italiano a conquistare il prestigioso premio fu nel 1997 Dario Fo “che seguendo la tradizione dei giullari medioevali, dileggia il potere restituendo la dignità agli oppressi”.
    Proviamo a fare un gioco/scommessa: chi vince quest’anno il Nobel per la letteratura?






  • Autore: Morgan Palmas
    Mar, 22/09/2009 - 14:12

    “Le donne intellettualmente più evolute, quelle che possono diventare le Muse dell’uomo, si trovano fra la categoria delle prostitute” scrisse Otto Weininger in “Sesso e carattere” (1903). Che cosa accomuna August Strindberg o Cecco Angiolieri, Arthur Schopenhauer o D.H.Lawrence, e molti altri? Un rapporto conflittuale con la donna, sfociato in più occasioni in vera e propria misoginia.
    Sembrano tempi lontani, il femminismo radicale ha fatto la sua epoca, eppure, nonostante gli slogan di pari opportunità acclamati e sostenuti nella forma, la sostanza del rapporto fra uomo e donna è ancora oggi complessa, a danno della seconda: dal lavoro alla famiglia, dal linguaggio alla considerazione sociale. Passi decisi e consapevoli sono stati portati avanti con intensità, l’accesso all’istruzione di tante donne ha mutato spesso modalità e contenuti.

    La misoginia dichiarata è sempre più rara, ma quanto nella sostanza l’approccio maschile è cambiato? Si pensi ai ruoli in televisione delle donne, tante veline, quanti velini? Si pensi ai posti di responsabilità nel lavoro, qual è il rapporto fra...


  • Autore: Morgan Palmas
    Mar, 22/09/2009 - 08:31

    Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinato alla scrittura e se è stato o meno un caso fortuito.

    Molto presto, a dire il vero, ma è diventato un mestiere solo da poco tempo. Scrivere mi è sempre piaciuto, fin da piccolo. Poesie, raccontini brevissimi già a sette-otto anni. Naturalmente ho avuto anch’io la mia fase adolescenziale in cui scrivevo canzoni. Sembra sia una specie di passaggio obbligato, come l’acne. Poi, qualche anno fa, ho capito che avevo parecchie cose da dire nella forma che mi è più congeniale ed ho dato ordine e senso a ciò che prima era solo un hobby.

    Se consideriamo come estremi l’istinto creativo e la razionalità consapevole, lei collocherebbe il suo modo di produrre scrittura a quale distanza dai due?

    Esattamente al centro, località molto di moda per altro, di questi tempi. In realtà credo ci sia bisogno di entrambe le componenti. Nel mio caso cerco di aver sempre presente ciò che voglio effettivamente dire, “ il messaggio”, tanto per usare un termine desueto, che voglio trasmettere. Però è l’...





Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.