Consigli di lettura

Conoscere l'editing

Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Note di prosa - 18

Di Anna Costalonga

Gli spazi del sonno

Naturalmente di notte ci sono le sette meraviglie del mondo e la grandezza il tragico e la grazia.
Le foreste si urtano confusamente con creature di leggenda e nascoste nel folto.
Ci sei tu.
Nella notte c'è il passo del passeggiatore e quello dell'assassino e quello
del sergente di città e la luce del lampione e quella della lanterna
del raccoglitore di stracci.
Ci sei tu.
Nella notte passano treni e navi e il miraggio dei paesi dove fa giorno.
Gli ultimi soffi del crepuscolo e i primi fremiti dell'alba.
Ci sei tu.
Un'aria suonata al piano, uno scoppio di voce.
Sbatte una porta. Un pendolo. E non soltanto gli esseri e le cose e i rumori materiali.
Ma ancora io che mi seguo o mi oltrepasso senza fine.
Ci sei tu l'immolata, tu che attendo.
Strane figure nascono talvolta al momento del sonno e scompaiono.
Se chiudo gli occhi compaiono fioriture fosforescenti
e appassiscono e rinascono come carnosi fuochi d'artificio.
Paesi sconosciuti che percorro in compagnia di creature.
Ci sei tu senza dubbio, o spia bella e discreta.
E la palpabile anima della distesa.
E i profumi del cielo e delle stelle e il canto di un gallo di duemila anni fa
e il verso del pavone nei parchi in fiamme e dei baci.
Mani che sinistramente si chiudono in una luce pallida e
assi scricchiolanti su strade medusoidi.
Ci sei tu senza dubbio che io non conosco, che conosco al contrario.
Ma che presente nei miei sogni ti ostini a lasciarti indovinare senza giudizi.
Tu che resti inafferrabile nella realtà e nel sogno.
Tu che mi appartieni a causa della mia volontà di possederti nell'illusione ma che non avvicina il tuo viso al mio se non ai miei occhi serrati sia
al sogno che alla realtà.
Tu che a dispetto d'una facile retorica dove il flutto smuore sulle spiagge dove la cornacchia vola tra le officine in rovina, dove il legno marcisce scricchiolando sotto un sole di piombo.
Tu che stai alla base dei miei sogni e scrolli il mio spirito colmo di metamorfosi e mi lasci il tuo guanto quando ti bacio la mano.
Nella notte ci sono le stelle e il movimento tenebroso del mare,
dei fiumi, delle foreste, delle città, dei prati, dei polmoni di milioni e milioni di esseri.
Nella notte vi sono le meraviglie del mondo.
Nella notte non angeli custodi ma soltanto il sonno.
Nella notte ci sei tu.
E anche nel giorno.

Robert Desnos


Witold Lutoslawski - Les Espaces du Sommeil (Primo video e secondo video)

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=u-nxHSu9Uu8?fs=1]

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=su36GSgPIik?fs=1]

Nessun voto finora
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.