Conoscere l'editing

Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Consigli di lettura

Zhang Jie e Gao Xingjian – BINARI (8)

Sul+Romanzo_Piazza+Tienanmen.jpg

Di Giovanni Turi

La letteratura del dissenso in Cina

Ad accomunare Zhang Jie e Gao Xingjian non è soltanto la nazionalità cinese, ma sono soprattutto il coraggio con cui hanno espresso le proprie idee e il loro dissenso (per cui hanno dovuto scontare la “rieducazione” del governo di Mao), nonché l’attenzione a dare voce al disagio: in particolare quello della collettività nel caso di Jie, quello personale per Xingjian.

Zhang Jie, nata a Pechino nel 1937, è stata riproposta al pubblico italiano dalla casa editrice Salani con i romanzi Senza parole (2008) e Anni di buio (2010); ormai introvabile, invece, è la raccolta di racconti Mandarini cinesi, pubblicata nel lontano 1989 dalla Feltrinelli e mai ristampata, nonostante i tanti riconoscimenti internazionali ricevuti dall’autrice (per altro più volte candidata al Nobel). In Mandarini cinesi sono due i nuclei precipui di interesse della Jie: gli assurdi privilegi di cui gode una pletora di funzionari neghittosi e opportunisti e il labile confine che conduce alla follia.

“È davvero così netta la linea di demarcazione tra normalità e follia? Solo un paio di milligrammi separano una dose curativa di arsenico da una dose mortale.” (Zhang Jie, Mandarini cinesi, Feltrinelli)

Sullo sfondo dei suoi testi si agita l’umanità dolente e variegata del popolo cinese, rassegnato al sopruso e abbrutito dalla miseria, colto con sguardo caustico, ma velato da una mesta compassione. Particolarmente godibile è il racconto Una persona fuori posto: un ironico affresco del mondo intellettuale, della sua ipocrisia; narra le vicissitudini di un artista di provincia, virtuoso quanto ingenuo e genuino. Sorprende come i vizi degli uomini siano gli stessi a ogni latitudine (ma quest’ultimo brano è anche oltremodo istruttivo per gli aspiranti scrittori)…

Quasi coetaneo della Jie, Gao Xingjian vive a Parigi dal 1989 ed è nella capitale francese che ha concluso e pubblicato, nel 1990, La Montagna dell’Anima. È un originale romanzo autobiografico, con ambizioni onnicomprensive: le due voci narranti che si alternano a ogni capitolo, un io e un tu, ripercorrono la storia e le tradizioni della Cina, indagano sul senso della vita e su quello della letteratura, contemplano la natura e ne rivelano i segreti, ma se una insegue la visione della Montagna dell’Anima, l’altra (di un intellettuale “insubordinato”) è inseguita, o meglio perseguitata, dal regime. Xingjian ha saputo descrivere l’essenza violata della Cina e la fragile interiorità dell’uomo, senza accettare compromessi di alcun tipo; una caparbietà e un talento che gli sono valsi il premio Nobel nel 2000.

“Attraverso l’ebbrezza della lingua lui ha raccontato l’uomo e la donna, l’amore, la passione, il sesso, la vita, la morte, l’anima, la gioia e la sofferenza della carne, l’impegno politico, il rifiuto della politica, l’impossibilità di fuggire la realtà, l’immaginazione, l’irreale, la ricerca del vero, […] la nascita delle strutture della grammatica generativa, il non aver ancora detto tutto che non equivale a non aver detto nulla, l’inutilità della parola nella discussione delle funzioni, l’assenza di vincitori nella lotta tra uomo e donna, gli scacchi come disciplina che rileva le capacità dell’uomo, la necessità dell’uomo di mangiare, la scarsa importanza del morire di fame di fronte alla gravità della perdita dell’integrità morale malgrado la difficoltà di riconoscere la verità, l’inaffidabilità dell’esperienza, l’errore se di errore si tratta, il romanzo rivoluzionario che sovverte l’idolatria per la letteratura, la rivoluzione del romanzo e la morte del romanzo.
Questo capitolo si può saltare, ma ormai l’avete letto.” (Gao Xingjian, La Montagna dell’Anima, Biblioteca Universale Rizzoli)
Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.