Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Corso SEC

Corso online di editing

"La messa all'indice" di Zap & Ida

Sul+Romanzo_La+messa+all%27indice_Zap+Id

Di Cristina Orlandi

"La messa all'indice" di Zap & Ida, un sacro sorriso?

Da leggere in una sorsata, proprio come una bibita fresca.
Al momento di partire per le vacanze, non può mancare in valigia una copia di questa divertente raccolta di vignette e aforismi, legati tra loro da un unico filo conduttore: lo scherzo rivolto alla Chiesa e ai vari ordini religiosi.

Per i meno religiosi quindi, ma anche per chi continua a credere nella Chiesa ma possiede abbastanza elasticità mentale da accettare che questa venga messa in discussione, o all’indice.
Perché qui non è la Chiesa che mette all’indice una particolare opera d’arte, ma il contrario.

Ironico e dissacrante, ma al tempo stesso leggero, semplice e disarmante come i dubbi esistenziali di un bambino. Per esempio “Se Dio è infallibile, allora la creazione dell’uomo deve averla data in appalto”, oppure “Se il mondo è un disegno divino, allora qualcuno dovrebbe suggerire a Dio di seguire un corso di grafica”.
Nelle vignette, infatti, sono spesso rappresentati bambini, che rivolgono al prete o frate di turno le classiche, semplici e spietate domande da ragazzi, volte a cogliere e svergognare le contraddizioni (filosofiche o di comodo? Dipende dai punti di vista) di tutto il sistema ecclesiastico.

Non mancano ogni tanto le battute, più o meno velatamente maliziose, ma senza mai trascendere nella volgarità. Che vorrà mai dire, per esempio “S. Pompeo, protettore delle bolognesi”?

Divertente quindi per la geniale semplicità delle battute, e per il “tocco magico” delle vignette: da non sottovalutare l’estrema bravura dell’autore nel rappresentare, con pochi tratti, la scenetta proprio come vorrebbe dimostrarla, senza trascurare l’espressione soddisfatta di “gatto con la pancia piena” del religioso di turno, e quella di sgomento, difficoltà, rassegnazione, dubbio dell’interlocutore che di volta in volta gli sottopone quesiti da S. Trinità.

Non c’è quindi una vera e propria trama, siamo alla filosofia delle “strips” o delle vignette alla Jacovitti, ma il libro contiene anche aforismi non illustrati, un ipotetico glossario di termini prettamente biblico religiosi. Ogni riga è una risata garantita. Un assaggio? “Kibbuz: domanda dell’ebreo che sente dei colpi alla porta” oppure “Diacono: richiesta di un cliente ad un gelataio”.

Assolutamente da leggere se, durante il catechismo domenicale, al momento del congedo dalla Santa Messa, che più o meno suona così:
- Parroco: “La Messa è finita, andate in pace”.
- Fedeli: “Rendiamo grazie a Dio”.
Avete condiviso quanto segue:
- Pensiero della dolce scolaretta: “Ma non è un po’, come dire, irriverente, ringraziare Dio che, finalmente, la Messa è finita e possiamo per un’altra settimana stare in pace?”

Da non trascurare, se capita l’occasione, di assistere alla presentazione: è un libro un po’ particolare, e anche la presentazione si discosta dalla tradizione: si tratta di un vero e proprio show da cabaret, con la lettura in tono semiserio di alcuni aforismi, e della rappresentazione di tantissime vignette in poco tempo su una lavagna da lucidi, con il commento dell’Autore in diretta ed in tempo reale; è una vera e propria prova di comicità e bravura, è uno spettacolo in tutto e per tutto.

È tutto estremamente simpatico e semplice, l’ironia è lieve, senza attacchi feroci: da far sbellicare dalle risate chi non è molto religioso e credente, ma allo stesso tempo assolutamente non offensiva per i praticanti più fervidi. Da poter allegramente dimenticare anche nello zainetto del catechismo dei figli: anche al parroco deve essere concesso farsi quattro risate, ogni tanto! Risate, innocenti risate; tranquilli, se verrete sorpresi con una copia non incorrerete nella scomunica.

Nessun voto finora

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.