Corso SEC

Conoscere l'editing

Corso online di editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

“Giardini di loto” di Andrea Melone – GFL Step 1

Sul+Romanzo_Giardini+di+loto_Andrea+Melo

Di Morgan Palmas

Primo step con la nuova lettura condivisa del Grande Fratello Letterario

Premessa, prime frasi del romanzo:

“Solenne passai sul prato serico e raggiunsi il dondolo. Deborah mi osservò e mi trovò ridicolo.
Avevo ancora le narici orlate di sangue. Mi preoccupai di assumere una posizione che rompesse quella simmetria di comploranti: aprii le gambe sopra i cuscini. Restituii alla mia faccia un ridere fratesco. Mi strinsi le narici con pollice e indice. Deborah mi ignorò con dedizione, il volto austero”.

‘Ecco,’ mi sono detto ‘un romanzo affetto da barocchismo’, perché il rischio con Giardini di loto è di farsi traviare dal linguaggio, assumendo un atteggiamento di difesa nei suoi confronti, come se Melone desiderasse farci faticare di proposito. Ed è così, non c’è dubbio, vedere anche l’intervista pubblicata oggi, ma c’è ben altro. Come già vi dicevo, ho già letto questo romanzo, Gaffi ha scommesso su un testo non complesso a livello narrativo, è l’intercedere fra le parti amalgamato all’enorme lavoro sui registri e sul linguaggio che mi ha colpito. Non solo. 

Il signor Mensi si presenta misteriosamente, non si intende per quale ragione visiti la famiglia. Il secondo capitolo si apre con il rapporto fra Liliana e il marito, tranquillo ma non felice. I primi capitoli scorrono con continui strappi alla dimensione spaziale, ben tuttavia armonici se si considera il punto di vista focalizzato di volta in volta.

“Quante volte mi sono guardata nello specchio e mi sono chiesta: dove sono io? Io dove risiedo? Non sono nei piedi, nelle gambe, nell’inguine, non sono nel petto, non sono nelle mammelle, nel collo, nella bocca, non sono nelle braccia, nelle mani. Forse sono negli occhi, pensai, ma li chiusi e non ero negli occhi, ero nella testa e nuotavo nello spazio cerebrale più piccola di una noce, a uguale distanza dagli incavi degli occhi e la bocca, al centro dei sensi. Poi mi tappai le orecchie e gli occhi e subito mi sembrò di essere in un luogo appena al di sotto della sutura sagittale, tra la fronte e l’occipite, ed ero alata, ed ero costretta, limitata, ridotta dalle ossa. Ma mi ravvidi: ero un corpo senza io. La coscienza è solo una modalità degli elementi materiali. Non serve il fiato di alcun dio”.

Prossimo step fino a pagina 141.

Nessun voto finora

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.