Conoscere l'editing

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Corso SEC

Corso online di editing

“Devozione” di Antonella Lattanzi

Sul+Romanzo_+Devozione_Antonella+Lattanz

Di Michela Polito

Le dipendenze, il nuovo libro di Antonella Lattanzi

Devozione è un romanzo che si situa all’interno di una tradizione letteraria ormai consolidata, quella del buco, che ha come capostipite la berlinese Christiane e che passa per maestri quali Andrea Pazienza, GiPi, Irvine Welsh, tanto per citarne alcuni. Devozione si situa in questa tradizione solo per una questione tematica, perché per tutto il resto, invece, lo stile, il punto di vista, la voce, è un’opera innovativa a trecentosessanta gradi.

La storia è quella di Nikita e del suo fidanzato Pablo, due eroinomani poco più che ventenni, lei di Bari lui di Catanzaro Lido che vivono a Roma, dove Pablo è studente fuori sede e risiede in uno studentato e Nikita accollata a lui dopo aver vissuto per strada e aver passato le esperienze più terrificanti possibili. Tutto quello che fanno ruota intorno al buco, a cercarsi la roba quando sono a rota (=in astinenza) e passare da un sert all’altro per il metadone o per analisi epatologiche di sorta. Comunque l’impulso che li spinge ad agire è soltanto quello di soddisfare l’unica necessità vitale che gli è rimasta: quella di farsi. Questo è anche il motivo per cui rapiscono Annette, ragazzetta di origini francesi che loro credono ricca e che pensano di tenere in ostaggio per poi chiedere un riscatto molto alto e sistemarsi economicamente per la causa. 

Il romanzo fluisce armoniosamente, sempre che di armonia all’inferno si possa parlare, tra un allucinato tempo presente da incubo che si snoda per lo più per associazioni mentali e una visionarietà alla Munch, per altro citato due o tre volte nel corso dell’opera, e vari flashback, anche questi spesso connessi al tempo presente per associazioni mentali. Il ritmo del parlato è reso compulsivo dalle tante frasi coordinate e ansiogene di cui è composto il romanzo, che gli conferiscono un che di poetico, come una specie di filastrocca dell’orrore che ti tiene incollato alla pagina e ti tira dentro, ti “risucchia”, tanto che in corso di lettura mi sono addormentata e ho sognato che non erano Nikita e Pablo, bensì io e il mio fidanzato, ad aver rinchiuso una ricca punk a bestia francese nel cofano della macchina e che io, come Nikita, non avevo il coraggio di aprire quel cofano per controllare che la poveretta fosse ancora viva.

Antonella Lattanzi sostiene che quest’opera sia il frutto di uno studio antropologico durato anni e condotto tra i tossici di strada e di vari sert. Trovo estremamente difficile credere che non ci sia un forte autobiografismo in quello che viene narrato, proprio nel modo in cui viene narrato, a meno che la Lattanzi non sia una specie di Zelig che empatizza talmente tanto con le persone con cui ha a che fare che ne assorbe caratteristiche fondanti, come in questo caso il ritmo martellante e paranoico di mondi interiori alterati dalle droghe o dalla mancanza di droghe. Comunque non voglio di certo mettere in discussione le parole dell’autrice, il cui talento è, in un caso o nell’altro, fuori discussione. 

Mi pare poi degno di nota il modo in cui viene trattato l’argomento anche perché, se ai tempi del mitico Paz o di Christiane, in cui per altro c’era molta più disinformazione in tema di eroina, il buco e tutto quello che gli ruota intorno veniva concepito in una maniera positiva per il fatto di essere la forma di ribellione più estrema e quindi gli eroinomani andavano piuttosto fieri della loro tossicodipendenza, qui invece Nikita, giacché il punto di vista è il suo più che di Pablo, è anche lei fiera della sua tossicodipendenza ricercata e cresciuta con tanta cura, ma anche disgustata dalla gabbia di quella vita assurda in cui lei si è messa consapevole di tutte le conseguenze che avrebbe comportato. È come se avesse una doppia personalità. Inoltre, per il fatto di venire da una famiglia bene smentisce il cliché che l’eroina sia prerogativa di chi ha avuto un’infanzia difficile. 

Ho amato molto questo libro e trovo che sia assolutamente molto democratico e non di nicchia perché non è tanto un libro sulle droghe quanto un libro sulle dipendenze, argomento, quest’ultimo, che riguarda chi più chi meno, chi in un modo chi nell’altro, suppongo tutta la popolazione mondiale e amo molto Nikita perché penso che sia l’espediente per imparare ad amare una parte ferita di noi stessi che abbiamo tutti.
Nessun voto finora

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.