Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Consigli di lettura

Interviste scrittori

HabanerO, Genova: quando l'editoria nasce su Facebook

Facebook può essere un'autentica manna per gli scrittori. È l'occasione per stringere amicizia, confrontarsi, promuovere le proprie opere e condividere iniziative. Attraverso il popolare social network autori ed editori possono incontrarsi e sottoscrivere cause comuni. Ne è un esempio la diffusione a macchia d'olio del Writers dream, progetto a cui SulRomanzo ha dato ampio spazio (se ve la siete persa, ecco l'intervista di Morgan a Linda Rando), o le iniziative del portale per scrittori esordienti curato da Andrea Mucciolo.
Ogni scrittore, ogni casa editrice, ogni sito web letterario non può esistere senza prescindere da Facebook.
Ne sanno qualcosa anche nella mia città, Genova, notoriamente mugugnona e spesso cieca alle aperture. I luoghi comuni si sprecano: a Genova non succede mai niente, Genova è triste, a Genova sono tutti “orsi” (inteso come chiusi, refrattari, dall'umore sempre tendente al nero).
Fortunatamente non è sempre così. Genova è sede di stupende, piccole librerie di nicchia – come Books in the casba in Via Pré, Finisterre in Piazza Truogoli di Santa Brigida e la Portoanticolibri al Porto Antico – e anche di piccole realtà editoriali che non si accontentano di restare in secondo piano.
Un esempio è il progetto editoriale HabanerO, nato dalla costola della casa editrice Erga. Capofila è Emanuele Podestà, classe 1987, che per la neonata editrice ha appena pubblicato il romanzo La sindrome di Bob Dylan. Una storia che, tra un pizzico di giallo e una spruzzata fantasy, esordisce con l'assassinio di Alessandro Baricco in una camera d'albergo, a opera di un serial killer pronto ad azzerare – in senso fisico e simbolico – i grandi nomi della narrativa italiana.
Ho avuto occasione di conoscere e intervistare Emanuele lo scorso anno in occasione dell'uscita del suo romanzo d'esordio, La vera storia del fegato di C. Bukowski, pubblicato sempre con HabanerO. Un omaggio – stilistico ma non solo – all'autore di Storie di ordinaria follia, ispirato anche da Gesualdo Bufalino e Gabriele D'Annunzio. Un curioso gioco di intrecci e citazioni, in un libro il cui protagonista si chiama Andrea Sperelli ed è autore di un libro intitolato E il cagnolino rise (e qui non aggiungo altro, dovete indovinare voi!).
Il progetto HabanerO intende specializzarsi nella promozione di giovani scrittori underground, scovati nel panorama genovese ma anche oltre (e in questo senso Facebook è vera manna). Un percorso volto a valorizzare i talenti senza sfruttarli economicamente, in una visione – quella della lotta alle case editrici a pagamento – molto cara a SulRomanzo. Questa la dichiarazione di Emanuele in proposito: «è la cosa di cui più andiamo fieri. Non calcolare il profitto in termini economici a carico dei lettori ci rende liberi di pubblicare qualunque cosa trovi in noi gradimento. Forse non faremo i facili guadagni di certe case editrici, ma siamo sicuro che questa politica ci porterà maggiori soddisfazioni e una credibilità altrimenti impossibile».
Due i titoli di prossima pubblicazione: il collettivo Guida alle più bastarde vie del mondo, antologia di otto racconti scritti da altrettanti giovani esordienti genovesi, ognuno ambientato in una diversa città del pianeta; I giorni dell'assenza, raccolta poetica del professore genovese Bruno Cicchetti.
In ultimo, una curiosità: il nome HabanerO deriva da una particolare varietà di peperoncino tipica dello Yucatan. Ed ecco spiegato il perché della foto che trovate in testa al post.
 
Se vi capita di passare da Genova, giovedì 13 maggio alle 17.00 sarà presentato il libro presso la Galleria d'Arte Studio 44, in Vico Colalanza.
Altrimenti c'è sempre Facebook. Questo progetto è al momento tutto Web 2.0, diffuso al di là dei carrugi genovesi tramite un blog (anzi, un tumblelog per essere precisi), e un profilo, una pagina e un gruppo sul celebre social network. La via più rapida ed efficace per scovare nuovi talenti e promuoverne ad ampio raggio le opere. Insomma, per entrare in contatto con questi giovanissimi pioneri dell'underground c'è l'imbarazzo della scelta.
Nessun voto finora

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.