Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Consigli di lettura

Scrivere: i ferri del mestiere

Sul+Romanzo+scrivere.jpg

Di Marta Traverso


Nello scorso post ho brevemente accennato a Google Define, lo strumento che permette di conoscere i vari significati di una parola semplicemente digitandola sulla home page del motore di ricerca, preceduta dalla stringa “define:”.

Anzitutto grazie per non avermi presa in giro per aver scoperto l'acqua calda! :-) In secondo luogo, tra i commenti al post ho trovato alcuni link interessanti che mi fa piacere condividere ancora una volta con voi. Mi accingo dunque a toccare un tasto a dir poco fondamentale per chiunque si approccia alla scrittura: la conoscenza (e relativa applicazione) della lingua italiana.

Di cosa ha bisogno uno scrittore? Tre cose, fondamentalmente.
Proviamo a tracciare un rapido elenco.

1- Dizionario della lingua italiana: oltre al già citato Define, le opzioni sono davvero numerose. Stephen King (in On writing, off course) definisce il vocabolario ricordando ciò che la prostituta diceva al marinaio timido: «Non importa quanto ne hai, ma come lo usi». Che tradotto in lingua significa: non importa se hai lo Zingarelli 2010 o il vecchio dizionario che la mamma usava alle elementari.
Basta che contenga i fondamentali, e il resto va da sé.

2- Grammatica italiana: alzi la mano chi tra voi ha prontamente cestinato il manuale formato oversize della scuola media? Come, solo io? Andiamo bene... Peccato, perché ricordo che era strutturato in maniera quasi eccellente. Impaginazione ottima, riquadri colorati con le regole da ricordare, esempi distinti con un altro colore ancora, e così via. Non ricordo neppure l'editore.
La regola che vale un po' in tutti i casi è comunque questa:
pochi aggettivi, ancora meno avverbi, rispetto per il congiuntivo e attenzione alle congiunzioni. Soprattutto alla d eufonica: «ad altri» va sempre bene, «ed altri» un po' meno.

3- Enciclopedia: la narrativa è la culla dei bloopers, e ne sanno qualcosa soprattutto gli sceneggiatori. Non vogliamo far indossare anche noi un Rolex a un gladiatore romano, vero? :-)

Personalmente vado su Wikipedia almeno una volta al giorno, e a suo tempo ho anche contribuito a qualche voce. Ogni tanto minaccia di chiudere, ma per il momento resiste strenuamente (ma se a qualcuno
interessa, con l'applicazione WikiTaxi la si può scaricare sul pc).

Marco nel commento al mio scorso post ha consigliato questo link: il sito è www.paginainizio.com, uno dei tanti portali web che contengono di tutto un po'. La pagina è ottima e funzionale: in poco spazio ingloba, fra le varie funzioni, un dizionario della lingua italiana, uno multilingua (dialetti inclusi), uno di sinonimi e contrari, un link a Wikipedia e un coniugatore di verbi.

Mruele ci ha invece proposto l'immancabile Treccani: il sito web della regina delle enciclopedie è una vera miniera (hanno anche la web tv!),  hanno anche dei giochini per tenere la mente allenata.

Riassumendo... Stephen King parlava di una cassetta degli attrezzi con almeno quattro, cinque o sei livelli. Roba che se ti casca a terra non riesci più a rimetterla insieme, e per questo va maneggiata con cura. Al primo posto c'è il dizionario, al secondo la grammatica e al terzo le regole di impaginazione.

Che altro si può aggiungere? Restando in tema di manuali, non si può dimenticare la frase che Vincenzo Cerami ha scritto in quella che è la mia personalissima pietra-miliare-numero-due, ovvero Consigli a un giovane scrittore: «Mai svelerei la mia speranza più segreta: che un giovane, una volta letto il libro e imparato forse una serie di cose, dimentichi tutto e cominci a scrivere andandosene con disinvoltura per la tangente».

A questo punto potrebbe partire un interessante dibattito di natura linguistico - filosofica: quanto contano le regole nella creatività? Trasgredire le norme della lingua è un errore o una forma alternativa di espressione? Ma questa forse è un'altra storia.

Buona scrittura!

Nessun voto finora

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.