Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Consigli di lettura

Interviste scrittori

"Tranquillo, fratello!" di Alex Wheatle

Sul+Romanzo+Blog+tranquillo+fratello.jpg

Di Claudia Verardi

Tranquillo, fratello!, di Alex Wheatle, è un bel libro uscito nel giugno 2009 per Edizioni Spartaco che racconta la storia di Dennis Huggins, un detenuto ventitreenne inglese di origini giamaicane che, dal carcere di Pentonville, ripensa agli anni della sua vita di adolescente che lo hanno portato dietro le sbarre.
Dennis rivive come in un flashback le storie criminali, il desiderio di vendicare l’amico morto, l’amore per la sua ragazza. E poi le esperienze di convivenza (che pare impossibile) tra gruppi etnici diversi, la religione vissuta come nuova – e pericolosa – moda per placare una rabbia interiore e la realtà sociale in cui disagio e degrado purtroppo, qualche volta, sono legge. Siamo a Brixton, violento e suggestivo quartiere periferico londinese già celebrato da Geoff Dyer come village locale e la vita di Dennis si snoda tra momenti amorosi, amicizia, teppismo e voglia di crescere. Una lettura sociologica di questo libro lo inserirebbe nel genere del racconto di formazione, anche se lo stile e i contenuti sono, forse, troppo coraggiosi per il tipo di narrativa.
Wheatle scrive con uno stile ricco, incalzante e molto forte, e ha un modo di raccontare onesto e diretto, che punta a tratteggiare una storia che nasce dalla sostanza delle cose osservate senza inutili elucubrazioni e cavilli mentali. Dai suoi libri sono stati tratti opere teatrali e film che hanno raccontato gioie (poche) e dolori (molti) di un mondo giovanile che vive la periferia di una grande metropoli. L’autore, membro dell’English Pen, porta avanti la sua attività di lotta alle droghe, alla violenza giovanile e alla disoccupazione con numerosi workshop e laboratori nelle carceri, oltre a tenere corsi di scrittura creativa. Alcuni suoi libri sono adottati nelle scuole inglesi.
Il romanzo va avanti a ritmo di reggae e hip hop e considerazioni sulla complessità sociale di Londra, una delle città europee più internazionali, crocevia ormai da tempo di culture, religioni e stili di vita diversi e spesso di difficile convivenza. E in questo romanzo c’è tutto: disordini, banlieue, politiche dell’immigrazione, ma anche sentimenti, sensibilità, voci ed emozioni che qualche volta rimangono dolorosamente inespressi. Un racconto interessante e geniale che vale la pena di leggere perché riguarda anche noi e del quale ho voglia di riportare un passaggio: Fu circa in quello stesso periodo che smisi di avere amici bianchi. Niente a che vedere con questioni razziali. È solo che abbiamo gusti musicali diversi. Alla maggior parte dei bianchi piacciono gli Oasis, i Coldplay e cagate del genere, si sa, musica che non ti richiede di alzarti in piedi e ballare. A loro piace quella stronzata di suonare la chitarra per finta. Noi amiamo l’R&B;, l’hip hop e il reggae… il nocciolo della questione è che la maggior parte dei fratelli bianchi che conosco non sa ballare, proprio come la maggior parte dei neri che conosco non sa nuotare.
Da traduttrice voglio sottolineare l’ottima traduzione della collega Francesca Orlati, che ho avuto il piacere di incontrare insieme all’autore (e all’editore) a Bologna qualche mese fa e che, con la sua trasposizione, ha saputo ricreare perfettamente la voce di Wheatle, ritrovando le stesse pennellate di colore e la stessa energia. Solo un piccolo appunto: avrei preferito il titolo originale, “Dirty South”, Sporco Sud.


Sostieni Sul Romanzo, un link non si nega a nessuno!

Nessun voto finora

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.