Consigli di lettura

Conoscere l'editing

Interviste scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Scrivere un romanzo (II) – Lezione 1.b La gestione del tempo

Durante la giornata avete una serie di faccende da sbrigare, alcune più importanti, altre meno. Per riuscire a risparmiare tempo è impellente comprendere se vi sono priorità.
Andare a prendere vostro figlio all’asilo è, in una scala da zero a dieci, il massimo punteggio, nel senso che se non ci andate voi chi ci va? Non potete insomma evitarlo, a meno che non abbiate una persona che lo faccia al posto vostro.
Sono tuttavia sicuro che alcune cose le potete o eludere o rimandare (nel rimandare potreste magari associarle ad altre e farle confluire nel medesimo momento, per quale ragione acquistare prima il giornale in edicola e poi recarsi al supermercato per la spesa se là potete trovare i quotidiani?).

Riflettete sulle azioni, l’efficacia sia un vostro nuovo obiettivo. È o non è fondamentale trovare tempo per scrivere? Procuratevi un’agenda, organizzatevi, se già la utilizzate cercate di produrre soluzioni che vi permettano di rubare alla giornata qualche minuto prezioso.
La pianificazione delle ore potrebbe sembrare a taluni un inflessibile vaso in grado di bloccare la vostra creatività, nulla di più falso. L’intento è di liberare tempo, meglio vivere nel caos e scrivere ogni cinque giorni dieci minuti oppure aiutarsi con un metodo di gestione del tempo e avere tutti i giorni venti minuti da dedicare al vostro romanzo? A voi la scelta.

È chiaro che le seccature sono tante e che gli imprevisti sono frequenti, il consiglio è di affrontare subito le prime per poter avere più serenità e tempo per trattare i secondi. In poche parole: rendersi più semplice la vita.
Un piccolo e banale esempio. In quale modo gestite la casella di posta elettronica? La guardate ogni dieci minuti o pattuite con voi stessi dei momenti per farlo? Avete cartelle divise per nomi e cognomi o navigate nel caos sia nelle mail in entrata che in uscita? Gli strumenti legati alla rete sono ottimi per perdere tempo, ecco, quanto potete risparmiarne per scrivere se solo aveste la cura di darvi alcune priorità nell’uso di internet e dei suoi mezzi?

Inoltre, sicuri che tutto ciò in cui vi impegnate debba essere sempre una vostra responsabilità? Se volete plasmare un romanzo non ritenete giusto per un periodo delegare qualcosa? A volte serve iniziare nel migliore dei modi, poi, riprenderete in mano quanto avevate delegato con il vento della scrittura in poppa.
Il pensiero che intendo trasmettervi è che ogni cosa che fate ha di sicuro una modalità migliore di esecuzione. Meditate non soltanto su ciò che dovete fare, anche su come lo farete. Risparmierete così una quantità di tempo che non avreste mai immaginato prima.

Un’altra piaga sociale è la procrastinazione, essa crea tensioni famigliari, rovina rapporti amicali o lavorativi, complica la vita in sostanza. Tutti, chi più chi meno, possiedono tale difetto o ci si è scontrati in passato con argomenti simili. L’indecisione e le vicissitudini, i timori e la bassa autostima portano a procrastinare, divenendo con il tempo una pessima abitudine. Pensate davvero di scrivere il vostro romanzo se non riflettete con serietà su questa tematica?.
La strategia per vincere i rinvii è di cominciare ora, sì, avete capito bene, ora. Organizzate l’agenda, fate quanto vi ho scritto, abbandonate le cattive abitudini stupendovi già oggi.
Frazionate in piccole porzioni ogni impegno considerevole. Se avete un progetto di lungo periodo spaccatelo in tante parti più vicine nel tempo e concentratevi poi sulla prima e via di seguito. Avere obiettivi più semplici da raggiungere allevia l’ansia e vi dona una migliore concentrazione.

Qualcuno, come nella prima sfida, si chiederà perché punto molto sulla gestione del tempo in maniera oculata. Risposta spontanea: chi dice di non avere tempo, non sempre, ma il più delle volte, ne perde tanto senza accorgersene.

Adesso, vi prego di sorridere con questo video.
Nessun voto finora
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.