Corso SEC

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Corso online di editing

Recensione: "Nel bianco" di Simona Vinci

Sul+Romanzo+Blog+nel_bianco.jpg

Di Alessandro Puglisi

Quella dei diari di viaggio è una tradizione letteraria/memorialistica di grande rilievo. Sembra quasi connaturata al concetto di viaggio, l’idea del raccontarlo. Volendo essere semplicistici, è quanto fa Simona Vinci in questo libro. Raccontare, a tratti ricreandolo, un viaggio.

La Vinci, milanese di nascita ma bolognese d’adozione, irrompe sulla scena letteraria italiana nel 1997, col discusso Dei bambini non si sa niente, vincitore tra l’altro del Premio Elsa Morante opera prima. Da allora, tempo e libri ne sono passati, In tutti i sensi come l’amore, Stanza 411, Strada Provinciale Tre, e Simona Vinci ha condotto un percorso letterario di tutto rispetto.

Nel bianco è la storia di un viaggio, appunto; uno spostamento geografico, ma non solo. Ancora di più, forse, un cambiamento drastico, dato dalla necessità di adeguare, oltre al fisico, anche il proprio pensiero, all’estrema solitudine del Nord. Il testo, a metà fra saggio, diario e romanzo, si apre a Freetown, in Sierra Leone, nel cuore dell’Africa; è qui che Simona riesuma le proprie paure infantili (ancestrali?), le insicurezze, la ritrosia di fronte alla «complessità delle cose», e concepisce la Groenlandia come destinazione: 6671 chilometri separano la città africana da Tasillaq, punto di arrivo (ma anche di “ripartenza”). Dalla lista dell’attrezzatura necessaria, attraverso le antiche leggende, per arrivare alla desolazione della meta, e alla descrizione, profondamente letteraria nel suo essere documentaristica, della vita degli abitanti della minuscola cittadina, il libro si compone quasi sotto gli occhi del lettore; i capitoli si susseguono, quasi sfuggono via, e lo stile si conferma quello di sempre, lirico ma asciutto, costantemente poggiato su immagini fortemente rivelatrici.
Le distese di bianco, apparentemente senza fine, diventano metafora stringente della condizione umana e la protagonista-autrice si trova nella condizione di narratrice e narrataria allo stesso tempo. Duplice ruolo con cui si confronta mirabilmente.

Sostieni Sul Romanzo, un link non si nega a nessuno!

Nessun voto finora
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.