Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Corso SEC

Corso online di editing

Conoscere l'editing

Scrivere un romanzo in 100 giorni - Lezione 67

La spiritualità compenetra la vita. L’ateo convinto nega la credenza ma nel farlo ne parla, ne discute, si distingue, si difende. Il mondo interiore è con tutta probabilità uno dei viaggi più affascinanti da osservare. Perfino gli indifferenti, di fronte alla sofferenza o alla morte, sono costretti a porsi le domande più importanti dell’esistenza.
Astruso dunque evitare a piè pari tale tematica in un romanzo, se accade una morte tragica un personaggio indagherà sul senso dell’anima del defunto; se vi è un matrimonio in chiesa gli sposi penseranno al significato spirituale contratto; se nasce un figlio si rifletterà sulla bellezza del mistero del concepimento. Innumerevoli i possibili esempi.

E la spiritualità – spesso così celata o evidente in forme bizzarre – crea talora grandi equivoci. Non di rado chi si ritiene essere non credente viene etichettato come ateo, ma l’ateismo è una delle forme di trattare i mondi interiori. E non intendo soltanto una conversione in altre religioni (un cattolico che diventa per esempio buddista). Esistono i panteisti, gli agnostici, i panpsichisti, i deisti, i neopagani, ecc, oltre alle numerose modalità di essere atei. Giudicare un non credente semplicemente ateo è una forma di ignoranza. Un’ignoranza comoda, un giudizio netto, un modo di difendersi da chi si ritiene diverso, ma pur sempre una pigrizia spirituale.

Vi starete chiedendo che cosa c’entrino questi discorsi per la creazione di un romanzo. C’entrano eccome. Se intendete narrare le psicologie di un personaggio bisognerebbe fare attenzione anche alla sua spiritualità, alle sfumature della spiritualità, ai percorsi interiori. È solito pregare? Parla di metafisica e religione? Legge i testi sacri? È confuso o sereno pensando alla morte? Quale rapporto ha con la sua vita? È devoto ai santi? Si reca qualche volta al cimitero? Che cosa pensa della cremazione, dell’aborto o del matrimonio? È disinteressato a tali argomenti? E per quali ragioni? Come si rapporta alla sofferenza altrui? È egoista, altruista, si fa coinvolgere o no?.

La visione del mondo di un personaggio
è intimamente legata alla sua spiritualità.

L’unico punto fermo è che il mondo interiore non è dato e definito, è un viaggio, un cammino. Se volete coinvolgere ancor più il lettore dovreste fare comprendere quel cammino appunto, rivelandolo per ognuno dei personaggi, non in forma indubbiamente didascalica, bensì con azioni, pensieri, gesti, sguardi, monologhi, parole.

“Come tanti altri, sono uno che senza troppi pregiudizi, senza paura del nuovo o del ridicolo, cerca. Cercando, ho forse trovato la cura perfetta per il mio cancro? Certo no, ma almeno ora son sicuro che quella cura non esiste, perché non esistono scorciatoie a nulla: non certo alla salute, non alla felicità o alla saggezza. Niente di tutto questo può essere istantaneo. Ognuno deve cercare a modo suo, ognuno deve fare il proprio cammino, perché uno stesso posto può significare cose diverse a seconda di chi lo visita”.
[“Un altro giro di giostra” di Tiziano Terzani]
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (499 voti)

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.