Corso SEC

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Corso online di editing

Conoscere l'editing

L'incipit

Dalla finestra di camera mia; da una finestra della mia camera; dentro la mia camera, vicino alla finestra; dalla camera… Dalla finestra. Di incipit parliamo oggi.

Qui il mare finisce e la terra comincia. Piove sulla città pallida, le acque del fiume scorrono limacciose di fango, la piena raggiunge gli argini. Una nave scura risale il flusso tetro, è la Highland Brigade che va ad attraccare al molo di Alcântara […].
[L’anno della morte di Ricardo Reis di José Saramago]

Conquistare il lettore con l’incipit è una questione delicata, incuriosirlo non è un argomento banale. Quando fare cominciare la storia? Dall’inizio delle vicende? Al momento culminante? In media res? Allorché la situazione è conclusa? Da una descrizione senza tempo o un pensiero generale?. Le modalità possono essere numerose.
Inoltre, useremo la prima o la terza persona? Potremmo pensare di raccontare una storia con più punti di vista, più persone che narrano: il noi.
Tematiche che non devono essere trascurate, se riusciremo ad armonizzarle con cura saremo in grado di fornire un quid necessario al romanzo, un quid che attaccherà gli occhi del lettore alla pagina. Doneremo sensazioni. Mi spiego con due esempi.

Dalla finestra di camera mia guardo, penso subito che ho la pentola che bolle, chi se ne frega, io voglio guardare fuori, ora, senza pensare ad altro, con gli occhi fissi al cielo, ah, l’azzurro del cielo, forse gli altri così lo vedono, a me sembra grigio, nero, marcio.

Dalla finestra di camera mia osservo. C’è la pentola con l’acqua che bolle? Ci penseranno gli altri. Intanto voglio guardare fuori… Tentando di non pensare ad altro. Che cielo azzurro! Un azzurro che a me sembra grigio. Nero. Marcio.

I due periodi sono strutturati quasi al medesimo modo, le sensazioni sono diverse. Non vi sembra che nel primo caso vi sia ansia, rabbia, inquietudine? Non notate invece che nel secondo caso v’è una distaccata rassegnazione, una tristezza malinconica?.

Ultimo consiglio, parleremo ancora dell’incipit, fondamentale in un romanzo. Leggete il vostro incipit a voce alta se potete, di seguito, numerose volte, quasi da interiorizzarlo. Poi abbandonatelo per qualche ora, non pensateci più. Ritornate nuovamente a leggerlo, quali sono le sensazioni? Vi sembra debole o intenso? Incuriosisce o sembra piano, concluso, senza suspense?
Il tuo voto: Nessuno Media: 4.6 (9 voti)
Tag:

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.