Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Docufilm – “No Burqas Behind Bars” di Nima Sarvestani

No burqas behind barsNella prigione di Takhar le donne afghane si sentono libere e protette, perché No Burqas Behind Bars: “non ci sono burqa dietro le sbarre”, e non vi domina la violenza di cui il burqa è simbolo.

Il documentario, prodotto nel 2012 ma tuttora in viaggio per sale e festival di tutto il mondo, non è l'opera prima ma certo la più rischiosa che Nima Sarvestani abbia mai girato. Nato nel 1958 in Iran, dove ha svolto per anni la professione di giornalista, il regista ha deciso di trasferirsi in Svezia nel 1984. Nel Paese scandinavo, tre anni dopo ha fondato una casaproduttrice di film di testimonianza e denuncia. Come No Burqas Behind Bars, che ci permette di entrare – ed è caso senza precedenti – in un carcere afghano di una zona rurale a forte influenza talebana.

In locandina, una donna di spalle, vestita di un rosso splendente, è rivolta verso un cancello chiuso. Il suo volto non si vede: è assente, o obbligato a nascondersi. Ma quello è il cancello di una prigione in cui la donna sta entrando o da cui sta uscendo? Lei prova paura o gioia e sollievo? Domande legittime, però mal poste, nel contesto dell'Afghanistan post-talebano. Le donne afghane non vogliono entrare in prigione, ma hanno paura a uscirne. Lì, niente è cambiato.

Per un responsabile della prigione, è colpa dell'ignoranza. Ma anche di nuove leggi scritte solo sulla carta e di consuetudini che perdurano. Per cui una donna non può mai lasciare il marito, anche se costui ha già ucciso una delle sue mogli e uno dei suoi figli. È il caso di Sima, che ci dice: «Gli uomini non dovrebbero uccidere le loro mogli per sposare altre donne. Ma, se protesti, vieni picchiata anche se sei incinta. Se scappi, finisci in prigione e lo partorisci lì, tuo figlio». E, in prigione, puoi rimanere fino a 15 anni. Per salvare tuo figlio, puoi essere costretta a venderlo, se la famiglia ti ripudia e non ti invia denaro, come è accaduto a Nadzhiba. Una donna non può scappare con quello che pensa sia il suo vero amore. Se osa, è prigione per lei e il suo amante. E se, al termine della detenzione, si trova abbandonata anche dall'uomo in cui ha creduto, è condannata a morte dalla famiglia. Così è per Sara. Non è meglio allora il carcere, dove si può crescere il proprio figlio, anche se lo si vede giocare con matasse di filo spinato?

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

40 donne e 35 bambini si trovano a Takhar nel periodo in cui Sarvestani visita la prigione e gira il suo documentario. La vita scorre in una surreale normalità. Le donne indossano abiti colorati, si truccano e mostrano il volto. Cantano e ricamano, ridono e piangono, litigano e si aiutano. A chi non ha mai preso coscienza della propria femminilità, viene insegnato a mettersi lo smalto. E sono grida di gioia. Soprusi e furti ci appaiono incidenti scontati. Litigi e incomprensioni portano a conflitti che sembrano naturali in quella società parallela che è il carcere, dove le donne possono finalmente esprimersi e mostrarsi senza essere picchiate.

No Burqas Behind Bars ci mostra la vita delle detenute, i loro pensieri, le loro emozioni, le loro speranze e la loro bellezza. L'occhio della telecamera indaga i piccoli spazi in cui muovono, i buchi attraverso cui inviano messaggi, il cortile in cui si ritrovano e svolgono le attività quotidiane che ogni donna compie. Scene corali e confessioni intime si alternano. Ma a colpire è il colore che le donne indossano o che le circonda. Altrimenti sono pareti grigie e polvere. E, a refrain e memento, il filo spinato alto sui muri contro un cielo azzurro.

Occorre dunque chiedersi perché Sara confessa che la prigione è l'unico luogo in cui si sente libera? O perché l'uscita dal carcere non è festeggiata in allegria? Perché la donna che sta per andarsene piange, triste come le sue compagne che la incoraggiano? «Vai e vivi come un leone», viene detto a Sara, che, indossato il suo burqa scuro, si ritrova sola, su una strada polverosa, lungo la quale lentamente si incammina.

Forse allora la donna che compare sulla locandina non sta uscendo dal carcere, né desidera ardentemente uscirne. È il simbolo di una donna afghana costretta all'immobilità.

See video
Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.