Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoliChi sono i nuovi schiavi? Com’è possibile che il sistema agricolo trasformi semplici lavoratori in veri e propri schiavi? Questi sono gli interrogativi che ci hanno animato e spinto a condurre un vero e proprio reportage, insieme a Leonardo Palmisano, curatore della rubrica e autore (con Yvan Sagnet) di Ghetto Italia, edito da Fandango.

L’obiettivo è raccogliere e raccontare le storie di chi vive nell’ombra, costretto a subire le angherie e i soprusi di caporali che si fanno sempre più violenti e minacciosi. Esistenze a cui il ricatto economico sembra aver tolto la dignità e a cui il racconto può restituire uno spazio per emergere nell’opinione pubblica.

***

Schiava a sedici anni – L’ultimo viaggio di Silvia

I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

***

Morire di lavoro – Antonio, l’ultimo guerriero suicida

I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

***

La nuova schiavitù, dalla Romania fino in Sardegna

I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

 

***

I pellegrini della stagionalità – Issà: da Nord a Sud, andata e ritorno

I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

***

La ferocia della fatica – Gert, lo schiavo pendolare

I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

***

Tra ‘ndrangheta e caporalato – Arancia meccanica a Rosarno

I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

***

La macchina del caporalato – Il capo Rom

I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

***

I nuovi sfruttati – Carlo che lavora senza orario

I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

 

***

Lavoratrici ridotte a merce – Il braccio morto di Maria

I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

***

Il laureato sfruttato – Abù, lo schiavo agronomo

I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

***

Da bracciante a prostituta, due volte schiava

I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

***

Uno schiavo marocchino in Piemonte

I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

***

Braccianti, una vita al limite – L’occhio di Ahmed

I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

***

Lo schiavismo agricolo in Puglia: la denuncia della Flai-Cgil Puglia

I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

***

Per consigli, suggerimenti e/o proposte sulla rubrica I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli, non esitate a scriverci a info@sulromanzo.it.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.