Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Le ultime dal blog...

  • Autore: Chiara Dell'Acqua
    Sab, 16/10/2010 - 15:01
    Sul+Romanzo_Per+l%27alto+mare+aperto_Eug

    Di Chiara Dell'Acqua

    “Per l’alto mare aperto” di Eugenio Scalfari





    Nessun personaggio della letteratura mondiale, probabilmente, è famoso come Odisseo. Per la sua intelligenza, l’astuzia, la curiositas e il gusto per la ricerca, Odisseo ha raffigurato, da Omero a Saba, «l’aurora della modernità».
    Anche Eugenio Scalfari si ispira all’eroe omerico, in Per l’alto mare aperto. La modernità e il pensiero danzante (Einaudi, pagg. 281), scegliendo il verso 100 del celebre XXVI canto dell’Inferno: «ma misi me per l’alto mare aperto/sol con un legno e con quella compagna/picciola da la qual non fui diserto». L’Ulisse di Dante, attraverso il suo viaggio alla ricerca di “virtute e canoscenza”, metafora della condizione umana, è un monito contro la “brutalità”. E come testimoniano i versi di...
  • Autore: Morgan Palmas
    Ven, 15/10/2010 - 11:39
    Di Morgan Palmas


    Krishnamurti: Che cos’è l’abitudine?
    Interlocutore: Non essere consapevoli.
    K: No. Che cos’è l’abitudine? – non come si forma.
    I: Il ripetersi di un movimento.
    K: Giusto. Perché c’è un ripetersi di questo movimento? Perché si forma l’abitudine? Vedrete qualcosa di straordinario se andrete adagio. Tutti abbiamo i capelli corti o lunghi – perché? Perché lo fanno gli altri.
    I: È abitudine o imitazione questa?
    K: Vedete ciò che avviene. Prima imitate gli altri, poi dite che i capelli corti sono conformistici.
    I: Un’abitudine è anche un costume?
    K: Sì. Non voglio addentrarmi in questo troppo speditamente. Non è forse abitudine il pensiero? Siete d’accordo?
    I: Be’, è qualcosa che facciamo ripetutamente.
    K: Avanti, vedete che cosa potete scoprire da soli quando ci addentriamo nell’intero problema dell’abitudine.
    I:...
  • Autore: Morgan Palmas
    Ven, 15/10/2010 - 11:07
    Sul+Romanzo_gabriele_picco.jpg

    Di Morgan Palmas

    Un incontro con Gabriele Picco





    Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinato/a alla scrittura e se è stato o meno un caso fortuito.


    Da bambino mi appassionarono molto due romanzi: L’isola del tesoro e Pinocchio. Poi per molto tempo lessi solo libri di storia. Così cominciai a scrivere di viaggi immaginari nell’antico Egitto. Mi piaceva molto inventare storie. Era come viverle. Mi ispiravo anche agli album di figurine di animali e dei personaggi famosi. Ho riempito anche quaderni e poi floppy e cd e chiavette con il mio diario dal 1992 a oggi (negli ultimi anni sempre meno). L’ho scritto sul frontespizio del primo quaderno: “Nessuna pretesa letteraria, queste sono solo parole che mi aiutano a vivere, scrivere”.


    ...
  • Autore: Jacopo Mariani
    Ven, 15/10/2010 - 10:31
    Sul+Romanzo__Acqua+in+bocca_Andrea+Camil

    Di Jacopo Mariani



    “Acqua in bocca” di Andrea Camilleri e Carlo Lucarelli


    E va bene, lo ammetto! Non ho mai letto un libro di Camilleri.
     La cosa che mi ha sempre fermato nell'acquistare un libro di una persona che stimo umanamente per le iniziative a cui partecipa e per le dichiarazioni che rilascia (soprattutto per quanto riguarda la vicinanza con Don Ciotti e Libera), era quella specie di “gramelot” siciliano, quella commistione tra dialetto e italiano che Camilleri usa nelle vicende del commissario Montalbano.
    Lucarelli invece è sempre stato uno dei miei scrittori e personaggi televisivi preferiti; ho letto e visto molti prodotti in cui era protagonista...
  • Autore: Marcello Marinisi
    Gio, 14/10/2010 - 15:29

    di Marcello Marinisi

    Per proseguire le nostre elucubrazioni sull’essere scrittori e sul mestiere di scrivere, mi viene incontro una questione personale che da qualche mese tiene banco nelle mie peregrinazioni sinaptiche alla “ricerca di me stesso”.

    Uno scrittore si confronta giornalmente con la propria creatività, è inevitabile. Coloro i quali si avventurano nella scrittura di un romanzo, si ritrovano infischiati in intrecci interminabili, tele che si tessono e da sole di sciolgono e poi si rimescolano talmente tanto che...

  • Autore: Anna Costalonga
    Gio, 14/10/2010 - 14:49

    Di Anna Costalonga



    Da The Age of Anxiety di W.H. Auden


    "(..)
    MALIN pensò:
    Per gli altri come me, c'è solo il lampo
    Della conoscenza negativa, la notte che ubriachi
    Si brancola verso il bagno e si fissa allo specchio
    Faccia a faccia la nostra pazzia; la notte che le parole
    Dette da nostra madre ci appaiono
    Deliziose sciocchezze, e i prudenti consigli
    Dei settimanali liberali un'arte tanto perduta
    Quanto la terracotta contadina; le nostre passioni
    - È chiaro, ormai - non invocano
    La Croce, la Clarté o il Senso Comune,
    Ma totem primitivi, assurdi
    Quanto selvaggi; scienza o non scienza,
    È Bacco o il Demonio, o il Gran Baal,
    La ruota della fortuna di Ferris o il puro suono fisico
    Dei nostri nomi che esse oggi di...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.