Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Le ultime dal blog...

  • Autore: Morgan Palmas
    Mer, 07/04/2010 - 11:14
    Sul+Romanzo_entusiasti.JPG

    Di Morgan Palmas



    Premessa doverosa e perdonate la schiettezza, ne parlavo anche ieri con uno scrittore. 
    I primi due step del libro di Vasta hanno raccolto due commenti, dico, due. C’è chi mi ha scritto spiegandomi che per motivi legittimi faceva “passo” per questa volta oppure per altri motivi. Non metto certo in discussione le problematiche altrui, ma devo riconoscere che sottratte queste persone dal numero di mail che mi erano giunte all’inizio della costituzione del gruppo, beh, si rimane di sasso perché sono una ventina circa coloro che mancano all’appello.
     
    Domanda: dove sono finiti?


    Non voglio buttare alcol sul fuoco, eppure è poco gratificante constatare che anche le più stimolanti...
  • Autore: Morgan Palmas
    Mar, 06/04/2010 - 16:46
    Sul+Romanzo_emisferi+cervello.gif

    Di Morgan Palmas



    Luca è un ragazzo in gamba, studia Lettere con profitto all’università, il patto è stato chiaro con i suoi genitori: «Se avrai la media alta, ti lasceremo studiare fino alla fine senza alcun problema economico». 
    Lui così ha iniziato con un 30, 30, 30 e lode, minimo voto ottenuto in tre anni uno sfortunato 29. Tutte le sue giornate sono dominate dai libri, perlopiù universitari. È ambizioso: lezioni, studio, lezioni, studio. È fissato con l’eccellenza e la perfezione.


    A una ragazza che lo tentava con gentilezza ha risposto dopo un timido avanzamento da parte di lei che le donne non sono nella sua testa, neppure come tentazione perché si deve dedicare agli studi, almeno finché non avrà concluso il dottorato. Dire cerebrale è dire poco. 
    ...
  • di Annalisa Castronovo


    Sempre più spesso siamo portati a rendere attraverso la scrittura delle espressioni tipiche del linguaggio orale, basti pensare alle chat, ai forum, ai social network sites e al Web in generale. Ma ovviamente non è tutto. Già nelle forme di scrittura più antiche è sorta l'esigenza di rendere per iscritto esclamazioni varie. Cosa si intende allora per esclamazione? Be', il termine esclamazione deriva dal latino exclamatio, -ōnis, che a sua volta viene dal verbo exclamāre che significa chiamare distintamente. Più in generale l'esclamazione (o interiezione) è una parola invariabile, a sé stante dal punto di vista sintattico, che può costituire da sola un'intera frase ed esprime per lo più sentimenti e stati d'animo. A ben vedere esse vengono classificate in proprie e improprie, le prime infatti assolvono esclusivamente tale funzione, si pensi a interiezioni quali: ahi! e ahimè! (per esprimere dolore e dispiacere), mah! e boh! (per dubbio), puh! e puah! (per disgusto), uff! e uffa! (per noia), urrà! (per gioia);...
  • Autore: Morgan Palmas
    Mar, 06/04/2010 - 07:45
    logo.gif
    Di Morgan Palmas


    Buongiorno, vorrei anzitutto chiederle qual è stato il percorso professionale che l’ha portata a divenire editor in una casa editrice.


    Sono arrivato a lavorare in editoria, oltre che per un morboso rapporto con la lettura e i libri in quanto oggetto, per sfuggire alla prospettiva di lavoro nel mondo giuridico, naturale sbocco dei miei studi in legge. Mentre terminavo la tesi di laurea ho seguito un corso per redattori, in cui uno degli editori ospiti era Marco Cassini, uno dei due fondatori di minimum fax: ci siamo piaciuti, e alla fine del corso (e dopo essermi laureato) ho iniziato uno stage nella sua casa editrice. Lì sono rimasto per quasi otto anni – tranne che per una piccola parentesi con Arcana – facendo tanta gavetta (lettura manoscritti, redazione, gestione dei corsi editoriali, gestione dei copertinari promozionali)...
  • Autore: Giovanni Turi
    Mar, 06/04/2010 - 07:28
    Sul+Romanzo_68.gif

    Di Giovanni Turi



    Sono stato a lungo indeciso se intitolare questo articolo Ribellione e non piuttosto Voragine, poiché la rivolta in questione è anche quella scaturita con i moti sessantottini, che ha generato un vuoto di valori mai più colmato. Si correva tuttavia il rischio di distogliere l’attenzione dal fulcro dei due romanzi su cui voglio soffermarmi, Pastorale americana e La guerra dei figli: in entrambi l’ispirazione è data dalla conflittualità tra genitori e figli esplosa con particolare virulenza al termine degli anni ’60, quando emerse ormai chiaramente che i valori tradizionali non potevano più essere inculcati nelle nuove generazioni. Ecco allora perché ho scelto Ribellione: per includere sia quella riconducibile a un preciso contesto storico, sia quella intergenerazionale che con modalità proteiformi si rinnova e si ripete stagione dopo stagione.


    ...
  • Autore: Michele Ruele
    Sab, 03/04/2010 - 19:07
    Sul+Romanzo_De+Laurentiis.jpg

    Di Michele Ruele



    I tempi sono bui per chi ha il buio dentro di sé.


    Sono tempi bui. Ho accettato di seguire il campionato di calcio per “Vanity Fair”. L’ho fatto per i soldi. Mi hanno dato l’accredito per la tribuna stampa e mi hanno procurato degli appuntamenti con dei vip.
    Dalla tribuna stampa di San Siro non si vede quasi niente, la partita te la vedi anche lì alla tv. Dalla tribuna stampa del San Paolo di Napoli invece si vede benissimo.
    Il primo appuntamento con un vip è stato con il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis.
    All’inizio ero in una sala stampa insieme a altri tre giornalisti. Cioè gli altri tre erano giornalisti sportivi della “Gazzetta”, del “Corriere dello Sport” e di una tv, io no. Cioè...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.