Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Le ultime dal blog...

  • Autore: Alessandro Puglisi
    Ven, 16/04/2010 - 09:04

    di Alessandro Puglisi



    La lettura non è un atto passivo, poniamolo come assunto personale da cui procedere. Assunto opinabile, per carità. Esiste altresì, crediamo, una necessità stringente – che però, evidentemente, non molti hanno – di interrogarsi sulla forma-romanzo, tanto più nel tempo presente. Alla luce di una considerazione, magari un poco impressionistica ma, speriamo, almeno equilibrata, e per quanto sommaria, (considerazione di cui si darà conto), di alcune esperienze “letterarie” tra le più recenti, a certuni potrebbe venire da chiedersi (e infatti è la domanda da cui sboccia il presente articolo): morirà il romanzo? Questione ambigua, da esplicitare subito, modificando l’interrogativo in: morirà il romanzo così come lo “conosciamo”?



    Missione ardua, quella a cui, muniti di spirito d’avventura, sprezzo del pericolo e umiltà, pazientemente attendiamo. Si accolga la presente dissertazione come un insieme di...

  • Sul+Romanzo_Milano.jpg

    Di Morgan Palmas



    A volte basta un’idea precisa, la volontà di schiodare dalla poltrona l’amato lato B e un sorriso sulle labbra. Spesso invece le idee sono troppe, l’ultima fiction non si può perdere (e che diamine!) e un muso lungo quanto la grande muraglia cinese. 


    Così si perdono occasioni di conoscere magari persone interessanti e scambiare qualche parere su argomenti che frequentiamo.
    Inoltre, internet ci ha drogato di internet, a discapito talvolta della realtà fisica. Tanti leggono Sul Romanzo da tempo, ma non ci siamo mai incontrati, eccetto qualcuno.


    Ecco l’occasione giusta!


    Il sottoscritto, dittatore cristiano e...
  • Sul+Romanzo_India.jpg

    Di Alessia Colognesi



    Te lo regalano già a otto anni e non so perché ma dopo che hai soffiato le candeline e hai scartato il pacco lo guardi stranita. Col lucchetto, di cartoncino bordato d’oro. Sembra un oggetto d’altri tempi, un giocattolo antico e inutile nell’era moderna, quando la vita ti fagocita di realtà e alla fine chiede il conto del suo scorrere veloce.
    Se più avanti d’età ne possiedi uno, non lo chiudi più in un cassetto e preferisci portarlo con te per annotarci i pensieri o semplicemente parole, che evocano ricordi.


    La scrittura può essere terapeutica, tenere un diario ti obbliga a fermarti a pensare e a rivivere nelle parole la vita fuori.
    Analizzi i fatti, li ripulisci, ne estrapoli ciò che è stato. È un processo che impone allo scrittore di fermarsi e mettere...
  • Autore: Paolo Melissi
    Gio, 15/04/2010 - 09:20
    thoreau2.jpg

    Di Paolo Melissi



    Con Henry David Thoreau e il suo Camminare il percorso sul legame tra letteratura e camminare si avvia verso il suo compimento. Thoreau non poteva mancare, anche se ciò significa compiere un salto indietro nel tempo e, sopratutto, all'interno dell'evoluzione che il concetto di camminare ha seguito adattandosi ai tempi e alle trasformazioni della società. Ma non poteva mancare perché, come si vedrà in seguito, un filo rosso idealmente congiungerà questo autore con altri che tutt'ora continuano a camminare e a scrivere.


    Il libro e lo stesso pensiero di Thoreau “vivono” in un mondo in cui la natura, o la wilderness per rievocare i grandi spazi vergini degli Stati Uniti, non è ancora retrocessa sensibilmente dinanzi all'avanzata delle città, dell'antropizzazione. Camminare si identifica con la possibilità di stare nella natura, rinnovando il contatto e l'...
  • Sul+romanzo_al+cinema.jpg

    Di Roberto Orsetti



    "Vedere un film dopo aver letto un romanzo è spesso sorprendente."
    Questa frase di Alessia Colognesi, collaboratrice di Sul Romanzo, è presa dal suo post "Libri e cinema: le parole hanno suoni e colori".
    Un bellissimo post, come sempre, ma questa frase mi ha fatto venire in mente tante pellicole, derivate o ispirate dalla letteratura.
    La lista è lunga e, per quanto mi riguarda, anche piena di insuccessi.
    Quasi tutte le volte che ho visto un film dopo aver letto il libro, sono rimasto deluso. In maniera più o meno marcata, ma quasi sempre deluso.
    A volte ne ho apprezzato la scelta degli attori, il taglio della sceneggiatura, l...
  • Autore: Morgan Palmas
    Mer, 14/04/2010 - 15:22
    Sul+Romanzo_Il+tempo+materiale_Giorgio+V
    Di Morgan Palmas


    Siamo giunti al quarto step del libro di Vasta, vorrei in questa occasione, anche a seguito del post di mercoledì scorso, più che riflettere io ulteriormente sulle parole, indicarvi un approfondimento, in modo che ognuno di voi, se vuole, possa proseguire il percorso su “Il tempo materiale”, un romanzo non di una stagione ma che farà parlare ancora di sé.
    La segnalazione va a Barbara Gozzi, mi sembra che abbia indicato alcuni elementi interessanti.


    ...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.