Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Le ultime dal blog...

  • Autore: Alessandro Puglisi
    Mer, 08/09/2010 - 09:52

    di Alessandro Puglisi

    "Rosso Floyd" di Michele Mari





    Rosso Floyd, l’ultimo romanzo di Michele Mari, edito da Einaudi, è di sicuro un libro ostico, almeno per i lettori meno smaliziati. “Ostico” è in questo caso aggettivo da riferirsi esplicitamente e quasi esclusivamente all’architettura della narrazione, frammentata, divisa, sezionata fino ad una parcellizzazione quasi estrema. Ricordare il sottotitolo ci verrà qui incontro: Romanzo in 30 confessioni, 53 testimonianze, 27 lamentazioni di cui 11 oltremondane, 6 interrogazioni, 3 esortazioni, 15 referti, una rivelazione e una contemplazione.


    Se la storia, infatti, com’è facile intendere, è (per dirla con intento di semplificazione) quella dei Pink Floyd, la vicenda della band inglese emerge dalla storia del ventesimo secolo come pazientemente raccontata, passo dopo passo, ma senza un’impalcatura...
  • Autore: Marta Traverso
    Mer, 08/09/2010 - 09:46


    Di Marta Traverso

    Editoria a pagamento o no?






    Oggi faccio una marchetta. O meglio, la faccio a me stessa. Non so se fare pubblicità a se stessi basti per considerarmi una prostituta dell'editoria, anche se è per una buona causa.
     
    I primi giorni di agosto Francesco Troccoli, amministratore su Facebook de Il gruppo contro l'editoria a pagamento, ha inviato un messaggio a tutti gli iscritti spiegando di dover passare il timone del suo incarico a qualcun altro, e invitando eventuali candidati a farsi avanti.
    Credo di aver impiegato meno di un minuto a dare la mia disponibilità. E così sono diventata...
  • Sul+Romanzo_Bruno++Vespa+Avallone.jpg

    Di Angelica Gherardi

    Vespa e i corpi, la donna e la femminilità





    “Prego la regia di fare un bel primo piano sul pacco del Dottor Vespa”. Così avrebbe dovuto replicare ieri al sunnominato Silvia Avallone se non fosse stata giustamente distratta dalla felicità e dall’emozione per aver vinto il Campiello del primo romanzo. Perché io ieri mi sono sentita offesa come donna, come scrittrice e come giornalista. Non aggiungo anche come cittadina italiana solo perché quello oramai è uno stato quotidiano.


    Come giustamente ha sottolineato Gad Lerner in un suo fondo di ieri su Repubblica, il buon Vespa ha...
  • Autore: Carlotta Susca
    Mar, 07/09/2010 - 08:45
    Sul+Romanzo_A+testa+in+sud.jpg

    Di Carlotta Susca

    Che cosa è stato A testa in sud?





    Per tre giorni, a cavallo fra agosto e settembre (avrò ripetuto le date migliaia di volte a chiunque, da due mesi a questa parte), in un periodo rischioso perché ancora – di strascico – vacanziero, in un paese che di turistico non ha che la Cattedrale (peraltro bellissima, ma non inserita in circuiti di visite guidate e promozioni del territorio), per tre giorni di questi tempi e in questi luoghi si è registrata una altissima affluenza ad un festival letterario. 


    Se non siete stupiti, vi invidio, perché significa che dalle vostre parti un lettore non è raro al punto che il libraio sappia additarvelo, fra tutta la popolazione, con sicurezza. Per Acquaviva delle Fonti (BA), vi assicuro, non c’era da scommettere che a nomi di...
  • Autore: Marcello Sacco
    Mar, 07/09/2010 - 08:39
    Sul+Romanzo_Bambino+per+sempre_Crist%C3%

    Di Marcello Sacco

    “Bambino per sempre” di Cristóvão Tezza (Sperling & Kupfer, trad. di M. Baiocchi)





    Il mercato editoriale italiano, checché se ne dica, è un mercato ricco. A volte, come ogni famiglia ricca che si rispetti, dovrebbe solo limitare gli sperperi. Dal 2008 è entrato “in famiglia” un romanzo tenuto praticamente sotto silenzio, a eccezione, da quel che si evince dal documentato sito dell’autore (http://www.cristovaotezza.com.br/index.htm), di un bell’articolo di Sebastiano Triulzi sul supplemento culturale del Manifesto. Ma un libro come questo corre un rischio peggiore del silenzio: quello di passare per il racconto compassionevole di un caso patologico. Cosa che forse gli procurerà una nicchia di mercato,...
  • Autore: Adriana Pedicini
    Mar, 07/09/2010 - 08:32
    Sul+Romanzo_poesia.jpg

    Di Adriana Pedicini

    Domanda provocatoria: risposta di un vecchio filosofo.





    La domanda sembra essere quasi assurda in un momento storico in cui si vede e si legge ogni sorta di cose e in cui i confini dell’etica coincidono con l’orizzonte.
    Non fu così per Plutarco che nello scritto il cui titolo è la domanda stessa si rivolge all’amico Marco Sedato, il cui figlio Cleandro è, come Soclaro, figlio di Plutarco stesso, proprio in quella età in cui si incomincia a prendere in considerazione la lettura dei poeti.


    “È naturale, sostiene il Filosofo, che persone giovanissime non si sentano ancora attratte da letture decisamente filosofiche, bensì da quelle che si rivolgono alla fantasia, e cioè dalla poesia. Necessariamente bisogna preoccuparsi che l’animo della gioventù non ne riceva danno, poiché la...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.