Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Le ultime dal blog...

  • Autore: Irina Turcanu
    Mer, 13/11/2019 - 13:30

    E se l’uomo inventasse gli animali?L’invenzione degli animali, il nuovo romanzo di Paolo Zardi, esce per Chiarelettere ed è una lettura intensa e profonda che lascia il segno, che stimola la riflessione e spinge a pensare che è libero, o liberato, non colui che vive il presente, bensì colui che intuisce il futuro attraverso le coordinate del presente. Sono liberi i visionari. E sono sempre loro a instradare le altre due categorie: chi vive proiettato nel passato e chi vive incagliato nel presente. È questa la scrittura di Paolo Zardi: una via per vederci chiaro, per liberare la propria mente.

    In un futuro prossimo, alla Ki-Kowy si investe nelle menti brillanti, nella cultura, anzi si fa profitto grazie alla cultura e si cerca di ottenere ciò che l’umanità sta cercando da millenni: la vita eterna.

    Con uno stile asciutto, Zardi dà vita a un’indagine che coinvolge la dimensione della coscienza umana, della responsabilità morale dell’individuo, delle relazioni tra genetica e mente in un mondo in cui è l’economia a delineare i criteri dell’etica e della cultura.

    ...
  • Autore: Elena Ramella
    Mer, 13/11/2019 - 11:30

    “Le nuove Eroidi”, la parola alle donneLe nuove Eroidi sono otto scrittrici, otto donne, otto miti, otto voci per tutte le donne del passato, del presente e del futuro.

    Le nuove Eroidi (HarperCollins Italia) è una raccolta di otto racconti, otto miti riscritti oggi da Caterina Bonvicini, Teresa Ciabatti, Antonella Lattanzi, Michela Murgia, Valeria Parrella, Veronica Raimo, Chiara Valerio.

    Duemila anni fa Ovidio scriveva le Eroidi inaugurando il fortunato genere letterario della “raccolta di lettere d’amore” e sovvertendo l’ordine che aveva sempre visto gli uomini protagonisti e narratori delle vicende della vita.

    Nelle Eroidi a parlare sono le donne: Didone, Fedra, Medea, Elena, Arianna, Laodamia, solo per citarne alcune. Le loro parole, i loro sentimenti e i loro pensieri sono riversati in...

  • Autore: Annamaria Trevale
    Mer, 13/11/2019 - 11:30

    “Non siamo mai stati qui”, Il dottor Zivago e la Guerra Fredda di Lara PrescottNon siamo mai stati qui (DeA Planeta, 2019 – traduzione di Chiara Baffa) è il romanzo d’esordio di Lara Prescott, autrice di racconti pubblicati su varie riviste letterarie e con un passato di consulente politica nelle campagne elettorali statunitensi, che arriva in Italia dopo il successo riscontrato negli Stati Uniti, dove è già in programma una trasposizione cinematografica.

    La trama intreccia due storie parallele che si sviluppano nel corso degli anni Cinquanta, in piena Guerra Fredda. Ci vengono narrate prima di tutto le vicende di Boris Pasternak, il grande poeta e narratore russo, alle prese con la stesura del suo capolavoro, Il dottor Zivago, ma anche con una complicata vita familiare che lo vede dividersi tra la moglie e una giovane amante, Olga Ivinskaja, a cui si ispira per tratteggiare il personaggio di Lara, protagonista del romanzo.

    In parallelo, il lettore è introdotto nella sede centrale...

  • Autore: Irina Turcanu
    Mar, 12/11/2019 - 13:30

    Alla scoperta delle favelas. Intervista a Geovani MartinsSono tredici racconti e alcuni sono un pugno allo stomaco, altri una scrollata di spalle per svegliarti e scoprire l’esistenza di un mondo lontano, eppure riconoscibile. Il sole in testa è il titolo del libro del giovane scrittore brasiliano Geovani Martins, uscito in Italia per Mondadori nella traduzione di Anthony Cilurso.

    La prima cosa che colpisce è il linguaggio. Nel primo racconto, è quasi estraniante, diventa uno strumento per trasportarti nella dimensione di cui Geovani Martins vuol parlare al lettore. Le favelas. Un mondo in cui si cresce in fretta, che stigmatizza, che pone etichette spingendo chi ci abita a identificarcisi. Si innesca così un circolo vizioso, perché dà piacere far paura, convalidare i pregiudizi, se non c’è alcun modo per annullarli.

    Da estraniante, si trasforma in scelta consapevole, in linguaggio ben calibrato e distaccato quando il narratore si ritrova all’esterno, mentre guarda le...

  • Autore: Annamaria Trevale
    Mar, 12/11/2019 - 11:30

    “L’uccellino rosso” di Astrid Lindgren, narrativa di qualità per bambiniL’uccellino rosso (traduzione di Laura Cangemi) di Astrid Lindgren è una delle ultime uscite della collana “I miniborei”, che la casa editrice Iperborea, specializzata nelle letterature nordiche, ha da poco inaugurato per festeggiare i suoi trent’anni di attività: è dedicata ai lettori più piccoli, quelli compresi nella fascia di età dai sette ai dodici anni, ai quali offre volumi di alta qualità, molto curati nella stampa, nella grafica e naturalmente nei contenuti.

    Nella collana trovano infatti spazio i migliori autori di libri per bambini provenienti da diversi paesi nordici, da Ulf Stark a Selma Lagerlöf, di cui verranno pubblicate sia alcune opere classiche già note, ma con nuove traduzioni, sia dei testi più recenti e mai apparsi fino a oggi in Italia, sempre corredati dalle immagini di ottimi illustratori contemporanei. Anche il formato è stato pensato per poter...

  • Autore: Maria Cianciaruso
    Mar, 12/11/2019 - 11:30

    E se l’amico fedele all’improvviso non c’è più?L’amico fedele è il titolo del romanzo di Sigrid Nunez, tradotto in italiano da Stefano Beretta e pubblicato da Garzanti.

    Parlare di qualcuno che non c’è più non è mai facile e se questa persona ha accompagnato la tua intera esistenza, allora è ancora più complicato. Un diario, una narrazione rivolta a chi non c’è più, a quell’amico fedele che ha deciso di andarsene troppo presto, questa è la trama del libro. Una donna, una giovane studentessa che si lega al suo professore, con un filo invisibile che non si spezzerà mai. Da quelle lezioni universitarie sono passati anni, le loro vite si sono svolte in parallelo, loro due non hanno mai smesso di vedersi.

    «Avrebbe, avrebbe. I morti dimorano nel condizionale, il modo dell’irrealtà. Ma c’è anche la sensazione straordinaria che tu sia diventato onnisciente, che niente di ciò che facciamo, pensiamo o sentiamo possa esserti tenuto nascosto. La sensazione straordinaria che tu legga queste parole, che tu le conosca ancor prima che io le scriva.»

     

    ...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.