Corso online di scrittura creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di editing

Le ultime dal blog...

  • Autore: Cinzia Prestianni
    Mer, 08/05/2019 - 12:30

    Dieci storie e il bisogno di verità. “Dov’è casa mia” di Davide ColtriDov’è casa mia nasce dalle stampe di minimum fax a marzo di quest’anno. Davide Coltri, autore e insieme interprete dei suoi personaggi, raccoglie in queste pagine dodici racconti cuciti sulle proprie esperienze personali lungo il sentiero delle emergenze umanitarie a Beirut, città dove attualmente vive, e quelle del suo passato in altre terre in cui il colore del sangue si ricorda anche nei vessilli nazionali: Turchia, Iraq, Siria, Nepal, ecc.

    Il titolo scelto per l’opera è anche quello che troviamo, in forma interrogativa, al suo interno per il racconto di chiusura e che sembra significare la chiave di lettura dell’intera opera. Qui l’autore ci proietta al 4 ottobre del 2013, a Dohuk, nel nord dell’Iraq, durante la sua prima missione umanitaria; in questo luogo oggi abitato da curdi e considerato autonomo dopo la Guerra del Golfo, in questo luogo organizzato senza alcuna pianificazione logica, conosce Kaniwar che lo aiuta a pronunciare il proprio...

  • Autore: La Redazione
    Mer, 08/05/2019 - 10:30

    La storia d’amore tra Pablo Picasso Ol'ga Chochlova in 10 ritrattiSiamo nel 1918, per la precisione è il 18 giugno, quando Pablo Picasso e Ol'ga Chochlova convolano a nozze a Parigi presso una chiesa russo-ortodossa sita a Rue Daru. A fare da testimoni ci sono Jean Cocteau e Max Jacob.

    Lui era già Picasso, e non crediamo abbia bisogno di presentazioni, lei una ballerina russo-ucraina, molto famosa all’epoca. I due si conobbero proprio grazie all’attività di lei, dato che Picasso si era occupato dei costumi e dello scenario per lo spettacolo Parade, nel quale Ol’ga era intervenuta come danzatrice nel 1917 presso il Théâtre du Châtelet.

     

    Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

     

    L’unione tra i due fu abbastanza serena in un primo tempo, fino alla nascita del figlio Paulo...

  • Autore: Barbara Scalco
    Mer, 08/05/2019 - 10:30

    “È tempo di ricominciare” di Carmen Korn. Fra macerie e sogni di rinascitaCarmen Korn torna in libreria con È tempo di ricominciare, pubblicato da Fazi Editore e tradotto da Manuela Francescon. Trattasi del secondo volume di una trilogia che si affaccia sulla vita di Amburgo fra gli anni in cui nasce e si alimenta la Seconda guerra mondiale fino alla Guerra fredda.

    Con Figlie di una nuova era, il primo romanzo della saga, l’autrice ha accompagnato il lettore all’interno di una Amburgo vissuta attraverso lo sguardo di quattro giovani donne molto distanti fra loro. Estrazione sociale, carattere, ideali e sogni sono completamente, o in parte, diversi; ma ciò che si mostra ai loro occhi non lo è altrettanto. Nel corso di pochi anni la città e lo sfondo sociale si trasformano lasciando libero sfogo all’...

  • Autore: Alberto Spinazzi
    Mar, 07/05/2019 - 12:30

    Storia di un uomo perseguitato dalla fortuna. “Benevolenza cosmica” di Fabio BacàNel recensire Benevolenza cosmica di Fabio Bacà (Adelphi) viene da pensare che si tratti di un'occasione mancata. Bello lo spunto, ma forse troppo difficile da sviluppare. Il tema della nevrosi derivata dalla soverchiante fortuna sembra prevaricare lo svolgimento, la scrittura si dilunga oltre il necessario, al punto di rischiare di andare “fuori tema” per troppa premeditazione e autoreferenzialità. Scrittura virtuosistica. Libro fin troppo abilmente scritto, da perdersi in se stesso e allontanare il lettore da un’intensa partecipazione.

    Il dramma sofferto dal protagonista Kurt O’Reilly (padre inglese, madre italiana) consiste nella propria “seriale” fortuna. Tutto gli va bene. Troppo bene da suscitare in lui angoscia. L'uomo fortunato si tormenta della regolarità e del disvalore della propria fortuna. Perseguitato dalla buona sorte. Possibile che tutto gli vada bene? Cosa c'è che non va in lui? Assurdità...

  • Autore: Pierfrancesco Matarazzo
    Mar, 07/05/2019 - 12:30

    L’età straniera in cui siamo tutti immersiPoco meno di due anni fa usciva per Einaudi Exit West dello scrittore pachistano Mohsin Hamid. Il romanzo immagina l’esistenza di porte segrete sparse per il mondo che permettono al fuggitivo che le oltrepassa di materializzarsi in un altro luogo, lontano dalle guerre e dagli orrori in cui vive. Un posto dove poter ricominciare, come se l’orrore potesse generarsi da sé e non dalle scelte che ogni uomo difende. Leggendo il nuovo romanzo di Marina Mander (L’età straniera – edito da Marsilio e nella dozzina di attuali candidati al Premio Strega) mi è tornato alla mente il romanzo di Hamid per la stessa capacità di costringere il lettore a porsi domande scomode sulla possibilità (e voglia) di difendere la diversità, anche a costo di scoprirla inaccettabile per il proprio sistema di valori.

    L’età straniera è lastricato di prese di posizione che...

  • Autore: Riccardo Bonini
    Mar, 07/05/2019 - 10:30

    La delusione de “Il sangue dei codardi” di Jean-Yves DelitteLa prima impressione che si trae da un’attenta lettura dei due volumi che, ad ora, compongono la versione italiana de Il sangue dei codardi a firma di Jean-Yves Delitte, uscito in Italia nel corso dell’ultimo anno per i tipi di Mondadori Historica grazie alla traduzione di Marco Cedric Farinelli, è quella di un’operazione riuscita solo in parte.

    L’indiscutibile talento narrativo dell’autore belga, solitamente evidenziato nel calcolare con grande precisione gli incastri delle svolte del racconto, non appare in questo caso supportato da un materiale narrativo all’altezza.

    Cerchiamo di capire perché. Sicuramente non è una novità il tentativo di collocare la figura di un detective ante-litteram in un contesto storico ricostruito con precisione ed efficacia (ce lo ha ricordato anche la recente messa in onda de Il nome della rosa, più per i rimandi al libro che per i risultati effettivamente...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.