Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Scrittura Creativa

Le ultime dal blog...

  • Autore: Marco Scarlatti
    Mar, 06/10/2020 - 12:30

    Fra truffe farmaceutiche e insider trading. “L’ultimo processo” di Scott TurowTorna in Italia l’avvocato Alejandro “Sandy” Stern, in quello che probabilmente sarà il suo Ultimo processo (Mondadori, traduzione di Sara Crimi e Laura Tasso). E con lui, oltre al suo autore Scott Turow, tornano i tribunali, i personaggi e le atmosfere della Kindle County, l’immaginaria contea all’interno dello stato dell’Illinois dove si svolgono i romanzi che hanno come protagonista l’ormai ottantacinquenne principe del foro.

    Sono passati molti anni, nella realtà e nella finzione letteraria, da quel primo Presunto innocente che diede inizio non solo alla carriera dell’avvocato Stern, ma anche a quella dello Scott Turow scrittore. Era il 1987, poco dopo il libro sarebbe diventato un film di enorme successo (con Harrison Ford), e il legal thrilleravrebbe acquisito la dignità d’un nuovo...

  • Autore: Annamaria Trevale
    Mar, 06/10/2020 - 10:30

    Il nuovo romanzo di Mina Settembre, intervista a Maurizio De GiovanniMaurizio De Giovanni torna nelle librerie con Troppo freddo per Settembre (Einaudi, 2020) il secondo volume dell’ultima serie di romanzi, dedicata a Mina Settembre. Questo nuovo personaggio seriale, già protagonista di Dodici rose a Settembre (Sellerio, 2019), non è una poliziotta, ma un’assistente sociale, che svolgendo tra mille difficoltà il suo lavoro in uno dei quartieri più degradati e difficili di Napoli, entra facilmente a contatto con criminali e si trova a dover affrontare misteri da risolvere, magari attravreso personalissime indagini in parallelo a quelle delle forze dell’ordine. In questo caso, si tratta della morte di un anziano, ufficialmente deceduto per il monossido di carbonio prodotto dal cattivo funzionamento di una stufa: ma le condizioni in cui viene trovato suscitano forti dubbi, e non solo in Mina.

    A differenza di altri personaggi...

  • Autore: Francesco Borrasso
    Mar, 06/10/2020 - 10:30

    Uno sguardo autentico su Napoli. “San Gennaro non dice mai no” di Giuseppe MarottaPuntata n. 118 della rubrica La bellezza nascosta

     

    «Il dolore dei napoletani di tutti i ceti è purtroppo autentico, pensai, essi inventano Napoli, si raccontano con qualche enfasi, con qualche compiacimento; ma trovano sollievo e consolazione in questo recitarsi: il giorno in cui deponessero o frantumassero lo specchio innanzi al quale si mettono a soffrire, non vorrei essere né a Napoli, né vivo».

     

    Ci sono luoghi, su questa terra, che posseggono una diversa maniera di respirare, un diverso modo di stare al mondo; luoghi che appartengono a tutti e che tra le loro strade, nei loro vicoli, nelle espressioni del viso dei loro abitanti, raccontano una storia antica, parlano di qualcosa di atavico che è di tutti ma che non tutti conoscono.

    Napoli è...

  • Autore: Gerardo Perrotta
    Lun, 05/10/2020 - 12:30

    Arte, potere, donne e capitani di ventura. Matteo Strukul torna in libreriaÈ da oggi in libreria La corona del potere (Newton Compton Editori), il secondo volume della trilogia che Matteo Strukul ha dedicato alla Saga delle sette dinastie.

    Strukul è di nuovo alle prese con il romanzo storico e il XV secolo, con un’ampia riflessione sulla storia e sul potere, che però sa cogliere bene anche la bellezza prodotta dall’Italia di quel periodo, una bellezza che Strukul non vuole che vada dimenticata o, peggio ancora, perduta.

     

    Mi sembra di poter affermare che nella sua produzione letteraria si sia ormai consolidata un’inclinazione verso il romanzo storico, declinato in varie forme. Cosa rappresenta la Storia per lei?

    La nostra memoria. La nostra eredità. Scrivo romanzi che mescolano storia, avventura, storia dell’arte. La chiamerei semplicemente letteratura. I miei riferimenti sono Eco, Dumas, Vassalli, Manzoni, Bellonci, Balzac, Dumas, Shakespeare, Marlowe, Austen. Penso che sia...

  • Autore: La Redazione
    Lun, 05/10/2020 - 12:30

    Un giovanissimo Anton Čechov preoccupato per la madreNel maggio del 1877 Anton Čechov ha da poco compiuto diciassette anni e tra i suoi legami più solidi e importanti c’è quello con il cugino Michaíl M. Čechov, al quale si rivolge spesso con il nomignolo affettuoso di Miša.

    È a lui infatti che il giovanissimo Anton scrive per confidare una profonda preoccupazione per la mamma e, in un certo senso, affidarla a colui che, in altre lettere, non esiterà a definire suo «fratello».

    La lettera che riportiamo ha inizio subito con una manifestazione di affetto molto fortee Čechov si spinge a prevedere che la distanza che li separa non inciderà in nessun modo sulla loro relazione:

     

    Taganròg, 10 maggio 1877

    Caro cugino Miša,

    non avendo avuto la fortuna di vederti ancora una volta, ricorro alla penna. Permettimi in primo luogo di ringraziarti fraternamente per tutto il bene che...

  • Autore: Gabriele Ferrari
    Lun, 05/10/2020 - 10:30

    Al Festival Filosofia Massimo Cacciari ci introduce il lavoro dello spiritoNonostante tutte le contingenze della situazione pandemica, anche quest’anno il “Festival Filosofia” di Modena, Carpi e Sassuolo ha aperto i lavori il 18-19-20 settembre. La tematica del Festival 2020 è stata “Macchine”, ovvero come la rivoluzione tecno-scientifica degli ultimi decenni ha influenzato e continua a influenzare la realtà sociale odierna. Questo tema però, nel corso dei i vari interventi, ha assunto declinazioni e pieghe differenti, talché sarebbero tutte da approfondire con una serie di discussioni con-filosofiche; tuttavia, a nostro parere, v’è stata una lezione magistrale che merita particolare attenzione, ossia quella di Massimo Cacciari a Sassuolo (con diretta streaming a Carpi – ciò per elogiare gli organizzatori del Festival che ne hanno permesso la fruizione in presenza e a distanza) sul “lavoro dello spirito”.

    ...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.