Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Le ultime dal blog...

  • Autore: Marco Scarlatti
    Mar, 07/01/2020 - 11:30

    Sulla gioventù e sulla giovinezza. “Il sacrificio dei pedoni” di Gian Ruggero ManzoniÈ da poco uscito per i tipi della Castelvecchi Il sacrificio dei pedoni, di Gian Ruggero Manzoni, romanzo sulla giovinezza e sulla gioventù.

    La gioventù della seconda metà degli anni Settanta, ormai lontana, distante da quella di oggi: per gli ideali, per l’impegno o il disimpegno politico, per il linguaggio.

    E la giovinezza di sempre, coi suoi ideali, il suo impegno o disimpegno politico, il suo linguaggio.

    Ci sono dei passaggi che, nonostante parlino dei ragazzi di quegli anni, molti dei quali – come recita la dedica all’inizio del libro – «non ci sono più», sembrano riferirsi al nostro oggi, alle sue tensioni e ai suoi disinganni.

    «Molti pensano che siamo in fondo,» dice la voce narrante a suo padre, quando per un brevissimo periodo tornerà al suo paese natale, in Romagna, «che ormai è vicina la resa dei conti, il Movimento fa sempre nuovi adepti, molti...

  • Autore: Virginia Addazii
    Mar, 07/01/2020 - 09:30

    “Il treno dei bambini” di Viola Ardone viaggia spedito nel cuore dei lettoriIl treno dei bambini di Viola Ardone, pubblicato da Einaudi Stile Libero, è uno dei casi editoriali dell’anno. Basti pensare che alla fiera del libro di Francoforte le case editrici hanno fatto a gara per aggiudicarsi la pubblicazione e che il romanzo verrà tradotto in almeno venticinque lingue. Un successo internazionale insomma. Ma cosa lo rende così speciale?

    La storia catapulta il lettore all’indomani della Seconda guerra mondiale, in una Napoli devastata dal conflitto. Qui la popolazione allo stremo fatica a mettere in tavola anche un semplice pezzo di pane. Proprio come l’Amalia della Napoli milionaria di Eduardo De Filippo, Antonietta Speranza, mamma di Amerigo, il piccolo protagonista del romanzo, tira a campare con il commercio illegale di caffè. Nei bassi dei vicoli della città tutti si arrangiano come possono e quando il Partito Comunista escogita il modo per strappare i bimbi dalle misere condizioni in cui vivono, sono tante le famiglie che aderiscono...

  • Autore: Gabriele Ferrari
    Ven, 03/01/2020 - 11:30

    Quando l’amore esplode, il furor di FedraDopo aver analizzato le passioni travolgenti della Medea e dell’Atreo senecani, è opportuno analizzare un nuovo versante passionale: l’amore che, quando degenera in furor, diviene sentimento debordante e incontenibile.

    L’amore della Fedra di Seneca si configura come sindrome psichiatrica poiché il carattere elegiaco dello stesso viene sublimato, sussunto e oltrepassato; in conseguenza di ciò, è possibile analizzarlo nell’ottica della medicina Pneumatica e dei suoi paradigmi. L’entrata in scena della protagonista ha i caratteri di una melancolia covata a lungo: parlando pateticamente alla sua patria natìa, si lamenta di essere ostaggio consegnata in “penatos invisos” e sposata a un nemico che ella non esita a definire “profugus” in quanto egli si sta facendo complice di un adulterio aiutando Piritoo a rapire Persefone, dea dell’Ade. La critica nei...

  • Autore: Francesco Borrasso
    Gio, 02/01/2020 - 11:52

    Come nasce un’amicizia. “Scavare” di Giovanni BitettoPuntata n. 100 della rubrica La bellezza nascosta

     

    «Tu avevi trovato la salvezza nei libri, nelle vite dei grandi filosofi; io invece mi affannavo a perpetuare le pratiche di provincia, solo in un contesto più grande, forse più feroce. Una ferocia che ti era estranea, quando la mattina ti svegliavi di buonora e andavi a lezione, e poi in biblioteca per tornare a sera inoltrata. Una ferocia che vituperavi quando mi trovavi stravaccato sul letto dopo una giornata d’inoperosità, pochi libri e lezioni sulle spalle, molta noia e voglia di qualche sostanza. Almeno stanotte riesci ad ammettere quante e quali differenze ci separavano nonostante un destino simile?»

     

    Capita, talvolta, di trovare delle persone che ci sono vicine per affinità, per movimenti, per gusti; persone che diventano amici per una decisione forzata che ci impone la vita. Ci si ritrova così a vagare per le stesse strade, con la...

  • Autore: Fulvia Mezi
    Gio, 02/01/2020 - 09:30

    Difesa della libertà. “Fuga di morte” di Sheng KeyiNon è facile inquadrare il romanzo di Sheng Keyi, Fuga di morte, pubblicato da Fazi Editore lo scorso novembre e tradotto da Eugenia Tizzano. Protagonista è Yuan Mengliu, un chirurgo con alle spalle un passato difficile da dimenticare. Yuan, affetto da «artrite spirituale», ama prendersi cura del suo corpo, «non ha ideali né ulcere», e ha però, come apprendiamo in un secondo momento, un solo grande amore: la giovane Qu Zi.

    Il romanzo è ambientato nella Cina del futuro, nella città di Beiping. Unica data a noi nota è il 2039. Uno strano avvenimento fa da spartiacque e cambia per sempre la vita di Yuan: un enorme escremento a forma di pagoda appare, da un giorno all’altro, nella Piazza Rotonda, al centro della città. Il giovane Yuan è impiegato, come i suoi amici, nell’Ufficio della Saggezza, è un poeta discretamente famoso e suona lo xun, una sorta di flauto, unico baluardo rimasto della sua famiglia di origine....

  • Autore: Irina Turcanu
    Lun, 30/12/2019 - 11:30

    Una lettura speciale. “Tracce dal silenzio” di Lorenza GhinelliCi sono molti passaggi che rendono l’ultimo romanzo di Lorenza Ghinelli una piacevole lettura, ma ci sono almeno due dettagli che lo rendono una lettura speciale. Uscito per Marsilio, Tracce dal silenzio ha questo: la consapevolezza che i gesti umani hanno sempre una radice e che le persone non cambiano. Capirlo è come sporgersi sopra l’abisso, scrutarlo e farsi scrutare.

    Nina ha dieci anni, ed è una bambina fortunata, nonostante tutto. È sorda, ma ha un apparecchio che le permette di sentire, quando è acceso, o di piombare in una specie di silenzio confuso, se spento. Non è un fatto accidentale. In più di un’occasione, la scienza ha affermato che, perdendo uno dei sensi, altri si acuiscono. A Nina sembra sia successo qualcosa di molto simile; da quando non sente il mondo fuori, quello convenzionale, ne sente un altro, più nascosto, sottostante a quello che gli altri riconosco come reale. C’è una musica a svegliarla nel cuore della notte, all’una, per la precisione. È una musica che arriva da un luogo difficile da identificare...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.