Corso online di Scrittura Creativa

Corso online di Editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Le ultime dal blog...

  • Autore: Annamaria Trevale
    Ven, 17/07/2020 - 09:04

    Scrittori da (ri)scoprire – Stefano D’ArrigoIn quasi tutte le letterature ci sono scrittori o scrittrici la cui fama è legata a un’unica opera (pensiamo a Margaret Mitchell, autrice di Via col vento): in Italia questo destino è toccato a Stefano D’Arrigo (Ali Terme, 1919 – Roma, 1992), scrittore siciliano il cui nome è legato quasi esclusivamente all’imponente romanzo Horcynus Orca, pubblicato da Mondadori nel 1975 al termine di una lunghissima fase di elaborazione iniziata quasi vent’anni prima.

    D’Arrigo nasce al termine della Prima guerra mondiale in un borgo di pescatori della costa messinese, dove trascorre l’infanzia, per poi trasferirsi a Messina con la madre dopo la separazione dei genitori e la partenza del padre, emigrato in America. Deve interrompere gli studi per arruolarsi tra i presunti “volontari” universitari e da militare assiste allo sbarco americano in Sicilia e alla disfatta dell’esercito italiano. Segue le truppe alleate fino a Napoli, ma poi riesce a tornare a Messina per discutere la tesi di laurea sul poeta tedesco H...

  • Autore: Gabriele Ferrari
    Gio, 16/07/2020 - 12:30

    Corrado Stajano – “La cultura italiana del Novecento” e l’era del postCorrado Stajano, scrittore e giornalista, commenta, nell’introduzione alla raccolta di saggi La cultura italiana del Novecento, alcune affermazioni di protagonisti del XX secolo. In primis, egli afferma che, in esse, vi è un «po’ tutto quanto accaduto» nel Novecento: dalle due guerre mondiali ai campi di sterminio, dalla bomba atomica ai mutamenti della carta geografica d’Europa, fino al progresso tecnologico e alla conseguente crisi delle certezze e sconfitta delle utopie. Secondariamente, egli continua sostenendo che tutto, in breve tempo, è cambiato nel profondo: si è passati, per esempio, «dalla campana della chiesa» che scandiva le ore e il tempo «alla sirena della fabbrica».

    Stajano insiste su questo cambiamento radicale occorso all’interno della società e, per certi versi, anche nell’uomo stesso tanto che giunge ad affermare che, in seguito alla caduta del muro di Berlino, si è entrati nell’era del “post”, una sorta di “ricominciamento globale”. Lo...

  • Autore: La Redazione
    Gio, 16/07/2020 - 12:30

    I 10 libri di narrativa italiana più venduti della settimanaVi presentiamo i 10 libri di narrativa italiana più venduti nella settimana dal 06 al 12 luglio 2020.

     

    La classifica è proposta da iBuk e riprende i dati elaborati dal Servizio Classifiche di Arianna sulla base di 1.600 librerie aderenti e diffuse sull’intero territorio nazionale.

     

    Sul podio troviamo libri editi da La nave di Teseo, Mondadori ed Einaudi. Einaudi è la casa editrice più presente in Top10 con tre libri. Tutti gli altri editori hanno un solo romanzo in classifica.

     

    10. Come il mare in un bicchiere di Chiara Gamberale (Feltrinelli)

    ...

  • Autore: Alberto Spinazzi
    Mer, 15/07/2020 - 12:30

    Un libro che non va oltre la banalità. “Finché il caffè è caldo” di Toshikazu KawaguchiA volte il compito del recensore pone grossi imbarazzi. Che dire del recente romanzo del giapponese Toshikazu Kawaguchi Finché il caffè è caldo (Garzanti, traduzione di C. Marseguerra)? L'imbarazzo si fa quasi senso di colpa nel non sapersi ritrarre dai pregiudizi che accompagnano la lettura di questo testo: il Giappone, l'alone favolistico, la quotidianità macchiata e non illuminata da rifrazioni magiche, il minimalismo lezioso, eccetera. Dispiace debuttare in maniera pregiudizievole ma è difficile non attribuire alle soluzioni narrative del testo il senso compiuto di un’originalità a buon mercato nel trattare la “macchina del tempo”.

    Lo si è scelto tra i romanzi che i giornali chiamano “i casi letterari dell’anno” e già questo dovrebbe far riflettere. Cosa vuol dire caso letterario? Cosa vuol dire vendere milioni di copie ed essere tradotti in tutto il mondo? Quali possono essere le aspettative del lettore? Cosa ci...

  • Autore: Erika Pau
    Mer, 15/07/2020 - 10:30

    Via col vento, storia di un successo senza tempoNel 1936, ormai ottantaquattro anni fa, venne pubblicato il primo e unico romanzo di Margaret Mitchell, Via col vento, un vero e proprio successo editoriale che in pochi mesi vendette un milione di copie e che l’anno successivo vinse il premio Pulitzer. Attualmente è considerato uno dei romanzi più venduti, grazie alle 30 milioni di copie vendute in tutto il mondo. Via col vento è uno di quei libri che non smettono mai di ammaliare il pubblico, tanto che nel gennaio 2020 è stata pubblicata una nuova edizione, pubblicata da Neri Pozza nella traduzione di Annamaria Biavasco e Valentina Guani.

    Dietro al successo di Via col vento, ci furono dieci anni di lavoro e oggi sembra quasi inverosimile pensare che l’autrice fosse titubante riguardo alla pubblicazione del suo manoscritto. Chissà cosa penserebbe oggi, nell’apprendere tutto il successo che negli anni il suo romanzo ha avuto, soprattutto se si pensa all’omonimo colossal del 1939, con Vivien Leigh e Clark Gable e vincitore di ben otto premi Oscar.

    ...
  • Autore: Annamaria Trevale
    Mar, 14/07/2020 - 12:30

    “Alibi” di Fabio Giallombardo, alla ricerca della verità sulla morte di BorsellinoFabio Giallombardo è tornato nelle librerie con Alibi (Dario Flaccovio Editore, 2020), dopo essersi fatto notare con il suo interessante romanzo d’esordio La bicicletta volante (Autodafé, 2014), a cui ha fatto seguito Cosa Vostra. Mafia e istituzioni in Italia (Autodafé, 2017), un’antologia molto esauriente di articoli e saggi che si proponeva di offrire uno strumento didattico per affrontare il tema “mafia” sotto tutti i punti di vista.

    Anche in Alibi si parla molto di mafia, perché affronta un argomento ancora oggi assai scottante, il depistaggio delle indagini relative all’attentato di via D’Amelio a Palermo, in cui morirono il giudice Paolo Borsellino e i cinque agenti della scorta (...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.