Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Le ultime dal blog...

  • Autore: Linda Mazzeo
    Gio, 12/09/2019 - 12:30

    In libreria l’ultimo capitolo della famiglia Aubrey. “Rosamund” di Rebecca WestDopo La famiglia Aubrey e Nel cuore della notte esce in libreria Rosamund (Fazi Editore, traduzione di Francesca Frigerio), terzo e ultimo capitolo della trilogia firmata dalla scrittrice inglese Rebecca West, una grande saga avvincente che narra le vicende di una famiglia di artisti vissuti in Inghilterra, in un’epoca alle soglie dei grandi cambiamenti storici, dall’affermazione del movimento femminista ai due conflitti mondiali. Nella loro stesura originaria i tre romanzi dovevano costituire un unicum narrativo di oltre mille pagine, ma su consiglio degli editori Macmillan e Viking, West decise di suddividerli e di pubblicarli come romanzi a se stanti.

    Ne La famiglia Aubrey è Rose che a distanza di cinquant’anni, con uno sguardo retrospettivo che la riporta indietro nel tempo tra le note di un passato oramai sepolto, narra le...

  • Autore: Pierfrancesco Matarazzo
    Gio, 12/09/2019 - 12:30

    Ian McEwan, l’intelligenza artificiale e la questione moraleAlla XXIII edizione del Festivaletteratura di Mantova siamo in tanti a partecipare all’incontro con Ian McEwan dedicato alla stampa. La location è quanto mai sorprendente per discutere di un libro (Machines like me, appena tradotto da Susanna Basso e pubblicato da Einaudi) che racconta di un triangolo fra un uomo, una donna e un robot.

    Per capire cosa ha spinto il grande romanziere britannico a confrontarsi con l’Intelligenza Artificiale e le sue implicazioni (morali, economiche, sociali e amorose), l’organizzazione del Festival ha scelto una sala che avrebbe fatto invidia a Tolkien. Con il suo lampadario in ferro battuto che si aggancia alle volte lignee con tanto di stemmi di cavalieri e un filare di sedie che sarebbero andate bene per circondare la tavola rotonda di re Artù. Eppure il contrasto fra location e tema del libro è solo apparente. Se infatti il romanzo di McEwan ci racconta di un 1982 alternativo in cui la Gran Bretagna ha perso la guerra delle Falkland e Alan Turing non si è suicidato nel 1954...

  • Autore: Annamaria Trevale
    Gio, 12/09/2019 - 10:30

    “Alle porte della notte”, intervista a Paolo Roversi per il suo nuovo romanzoÈ in libreria dal 5 settembre Alle porte della notte (Marsilio, 2019) di Paolo Roversi, settima avventura del fortunato personaggio di Enrico Radeschi, giornalista d’assalto appassionato di cronaca nera e capace di muoversi in rete con l’abilità di un hacker, anche se le sue trasgressioni informatiche sono sempre a fin di bene.

    La storia è ambientata ancora una volta a Milano, città di cui Roversi, nato a Suzzara nel basso mantovano ma trasferitosi da molti anni nel capoluogo lombardo, è palesemente innamorato: in via Montenapoleone, celebre strada del lusso e della moda, avviene una rapina in una gioielleria di alto livello. La ricostruzione dell’accaduto evidenzia subito che qualcosa non quadra nella dinamica dei fatti: le successive ricerche di Radeschi e del vicequestore Loris Sebastiani mostrano un collegamento con un’altra rapina, avvenuta in modo clamoroso quindici anni prima nel Diamond Center di Anversa, i cui autori non erano mai stati...

  • Autore: Silvia Scapinelli
    Mer, 11/09/2019 - 12:30

    Immaginare l'immigrazione con un'altra sensibilità. “Gaijin” di Maximiliano MatayoshiQuesta estate, per Funambolo Edizioni, è stato pubblicato Gaijin di Maximiliano Matayoshi, tradotto a cura di Ilia Pessoa, primo libro della nuova collana Vertigo che la casa editrice reatina dedica alla narrativa contemporanea.

    Kitaro, un ragazzino di undici anni, in seguito alle conseguenze della Seconda guerra mondiale si trova a dover lasciare il Giappone e i suoi affetti più cari: la mamma e la sorella Yumie.

    La madre, grazie al denaro risparmiato, riesce a comperare a Kitaro un biglietto di terza classe a bordo della Ruys e un documento di identità valido per l'espatrio. Ed è con spirito di diffidenza che il ragazzo in solitudine abbandonerà la sua isola di Okinawa dirigendosi verso l'Argentina. Il padre muore durante la guerra senza avere il tempo di insegnargli i valori della vita:

    «Non avevo mai fumato prima, fatte salve le rare volte in cui chiedevo a papà di offrirmi la pipa. Lo...

  • Autore: Claudia Castoldi
    Mer, 11/09/2019 - 12:30

    L’amore di Proust per Reynaldo HahnDopo tre anni di assenza, Lorenza Foschini torna in libreria con un nuovo testo, edito da Mondadori: Il vento attraversa le nostre anime. Il poetico titolo s’inserisce in una produzione consolidata della scrittrice, quella degli studi proustiani, cui si era già dedicata con testi come Ritorno a Guermantes, traduzioni di inediti proustiani (1988) e Il cappotto di Proust. Storia di un’ossessione letteraria (2010).

    Questa volta l’oggetto della sua indagine è un particolare aspetto della vita dell’autore francese: la misconosciuta relazione di costui con il musicista e compositore Reynaldo Hahn, incontrato nell’estate del 1894 grazie alla protezione di Madame Lemaire. Infatti “La vedova” – come la chiamava Reynaldo – garantisce alla sua relazione con Marcel un riparo dagli sguardi indiscreti della società benpensante, prontissima a emarginare coloro che non fossero rientrati negli schemi previsti.

     

    ...
  • Autore: Francesco Borrasso
    Mer, 11/09/2019 - 10:30

    Libri che ci conoscono. "Autoritratto entro uno specchio convesso" di John AshberyPuntata n. 89 della rubrica La bellezza nascosta

     

    «Un’attesa protratta che inoltre è notte.

    Fanno ridere i paletti della staccionata bianca

    che vanno e vanno e vanno, silenzioso rimbrotto

    che si ferma mentre il giorno finisce

    anche se la geometria rimane,

    una specie di nudità alla fi ne

    di un lungo rettifilo. “Fa un’enorme differenza.”

    OK. E così è il “davvero niente affatto la stessa cosa”,

    vista dal capo...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.