Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Wolfgang Amadeus Mozart e il viaggio in Italia insieme al padre Leopold

Wolfgang Amadeus Mozart e il viaggio in Italia insieme al padre LeopoldLa corrispondenza dei giorni trionfali trascorsi dal giovane Mozarrt in Italia dal 1769 al 1773 è raccolta nel secondo volume di Lettere della famiglia Mozart edito a giugno da il Saggiatore, con la traduzione di Elli Stern per le lettere. La cura di Patrizia Rebulla si rivela nella costruzione dell’apparato critico e delle ricche appendici divise in tre particolari capitoli dedicati all’iconografia, ai luoghi e alle persone con i quali Leopold Mozart e il figlio Wolfgang sono entrati in contatto nei quattro anni di viaggio.

Queste centoquaranta lettere, numerate e commentate, sono la testimonianza ancora viva dei racconti e delle raccomandazioni di Leopold e del figlio Wolfgang alla moglie e madre Anna Maria e alla figlia e sorella Maria Anna, detta affettuosamente Nannerl, che leggevano divertite e orgogliose dalla loro casa di Salisburgo.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Il padre di cinquant’anni e il figlio di quattordici hanno sopportato il freddo dell’inverno, i pasti a volte frugali per contenere le spese degli spostamenti in carrozza, il sonno spesso troppo breve, e tutto perché il talento musicale del piccolo prodigio fosse reso noto in quell’Italia di fine Settecento che dava merito e formazione ai giovani musicisti di area tedesca.

Leopold, instancabile violinista dallo spirito ribelle, si rivela, in questo ricco epistolario, l’appassionato regista del lungo viaggio in tre tempi condotto con il figlio e ammaliato dal linguaggio dell’arte italiana che ha sempre studiato in gioventù insieme alla sua amata musica; le emozioni e le soddisfazioni di Wolfgang Amadeus le troviamo quasi sempre in chiusura di lettera: sono le brevi e accese descrizioni per le amate madre e sorella che raccontano, giorno per giorno, i sodalizi con l’aristocrazia, gli eventi culturali, gli inviti presso i “bei palazzi” e i teatri e le accademie, i pranzi raffinati e quelli molto più modesti nelle locande per la notte.

Wolfgang Amadeus Mozart e il viaggio in Italia insieme al padre Leopold

Un percorso per corrispondenza che proietta il lettore indietro di due secoli e più, immergendolo in quel carnevale di Venezia, in quel Regio Ducal Teatro di Milano, in quella Parma con la “Bastardella”, in quella Firenze del granduca, in quella Roma di papa Clemente XIV e in quei due rientri a Salisburgo per poi ripartire verso il Belpaese un’ultima, agognata volta; sullo sfondo Amadeus con le sue esibizioni e le nuove composizioni che hanno segnato la storia della musica e la sua storia, dentro e fuori la famiglia Mozart.

I successi del Maestrino sono inaspettati anche per il padre che nella lettera n. 225 scrive alla moglie:

« Sia lodato Iddio, la prima rappresentazione dell’Opera ha avuto luogo il 26 con plauso unanime: e sono accadute due cose che a Milano non erano mai successe; ossia che (contro ogni consuetudine della prima Sera) un’aria della prima Donna è stata bissata, […], e secondo, che dopo quasi tutte le arie, tranne forse qualcuna di quelle delle ultime Parti, è seguito un applauso clamoroso e grida di Viva il Maestro, viva il Maestrino».

 

Si tratta dell’opera Mitridate, re di Ponto K 87 il cui lavoro di scrittura inizia durante il primo soggiorno di Amadeus a Milano, in casa del conte Firmian, nei giorni di carnevale dell’anno 1770. Nel libretto di Mitridate Wolfgang viene presentato come “«Il Sig. Cavaliere Amadeo Wolfango Mozart, Accademico Filarmonico di Bologna, e Maestro della Musica di S.A.R.ma il Principe, ed Arcivescovo di Salisburgo».

 

LEGGI ANCHE – Mozart e la sua lettera d’amore alla moglie

 

Dopo il trionfo milanese, padre e figlio scelgono di ripartire per raggiungere Venezia. Qui, tra un invito e un altro, prolungano il soggiorno; le gondole dei signori che se li contendono in visita presso le proprie dimore nobiliari sono fisse davanti alla loro casa e pronte a navigare il Canal Grande. Leopold scrive alla moglie che i suoi programmi prevedono di ritornare a Salisburgo per Pasqua: intanto è l’1 marzo 1771. Da alcune note alle lettere di questi giorni veneziani, inserite da Patrizia Rabulla, si evince però che le aspettative di Leopold relative a un’accoglienza paragonabile a quella delle altre città vengono deluse; Leopold, infatti, sarebbe apparso oltremodo idolatrico nel presentare le qualità del figlio trasmettendogli, agli occhi dei veneziani, un sentimento di onnipotenza.

Forse perché questo padre intravedeva, nelle note composte dal figlio e nella sua maturazione artistica, un brivido di vitalità, un’emozione, una sapienza che avrebbero resistito nei secoli, mantenendosi uniche e anche per questo esemplari.

Wolfgang Amadeus Mozart e il viaggio in Italia insieme al padre Leopold

Il 12 marzo i Mozart si allontanano da Venezia su un Borcello privato, un’imbarcazione che percorreva il Canale di Brenta fino a Padova e che veniva utilizzata dai benestanti; in particolare il viaggio fu presenziato dai signori Wider e Gian Maria Ortes. Il rientro nella casa familiare di Salisburgo è ormai vicino: il 25 marzo scrivono da Innsbruck e tre giorni dopo riabbracciano le loro amate donne.

Leopold e Wolfgang programmano il secondo viaggio in Italia nell’agosto dello stesso anno con l’obiettivo di ritornare a Milano per consegnare la composizione di Ascanio in Alba K 111: la lettera n. 239 indirizzata al conte Giovanni Luca Pallavicini conferma tali intendimenti.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Il 15 dicembre del 1771 termina il secondo viaggio in Italia che riprende, per la terza e ultima volta il 24 ottobre dell’anno successivo. La speranza di Leopold, purtroppo delusa, era quella di garantire al figlio un posto stabile in una delle corti italiane; il 27 febbraio 1773 egli scrive l’ultima lettera alla moglie aprendosi ad una inaspettata confessione: «Non puoi immaginare quanto io sia scosso per la nostra partenza; mi è difficile lasciare l’Italia».

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.