Corso online di Editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Scrittura Creativa

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

“Wild cards vol.2: l’invasione” a cura di George R.R. Martin

George R.R. Martin, Wild cards, L'invasioneState aspettando l’imminente uscita della nuova stagione de Il trono di spade?  Avete finito tutti i libri della serie e state aspettando che l’editore di Martin si decida a tirare fuori dalla cassaforte l’ultimo tomo per pubblicarlo?

Perché non ingannare il tempo con il ciclo Wild cards curato da George R.R. Martin, edito da Mondadori? Questa recensione riguarda in particolar modo il secondo volume, tradotto in italiano da Giusi Valent, che ha come sottotitolo L’invasione (qui abbiamo parlato del primo libro). Dopo gli eventi già narrati, ritroviamo i personaggi invecchiati di trent’anni, su una terra colpita da un virus alieno che ha modificato geneticamente, o ucciso, quasi la totalità della popolazione. La caccia alle streghe degli “Assi”, le persone che hanno ottenuto poteri, è finita. Comincia un’epoca in cui essere un Asso è un status privilegiato. Anche Jokertown, il quartiere-ghetto dei Joker, ovvero le persone mutate in modo grottesco dal virus, sembra essersi stabilizzato e godere di un momento di tranquillità.

Ma come le migliori storie di supereroi ci hanno insegnato, niente è immobile. Infatti fanno la comparsa i primi veri “cattivi” della storia. Vengono delineati i caratteri di questi avversari che rientrano nei profili tipici, quasi canonici, di come deve essere un antagonista da manuale. Abbiamo la setta di massoni guidata da un oscuro Asso chiamato l’Astronomo che ha come progetto, ovviamente, la distruzione e la conquista del mondo. Per farlo, cercherà nuove persone mutate, con poteri, che lo assistano nel suo piano. Forse, più che nella figura dell’Astronomo, troviamo proprio nei personaggi secondari una forte caratterizzazione, e ciò, spesso, salva la storia dalle cadute di attenzione.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: EditorialiWeb ed Eventi.

Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

Pat CadiganMa la minaccia più grande che si presenta ai nostri protagonisti è l’invasione da parte dello Sciame che, descritto in tre parole, sarebbe un planetoide-vivente-multimente. Se la cosa vi sembra un po’ esagerata o ridicola, forse non avete visto certi nemici dei fumetti americani come “L’uomo calendario” o “L’uomo aquilone”.

Ritroviamo le dinamiche dei comics che l’avevano fatto da padrone anche nella prima raccolta. Repetita iuvant: non aspettatevi di ritrovare il tipo di struttura a cui ci siamo abituati. I racconti non sono stati scritti solo da Martin, ma sono presenti altri autori, più o meno celebri, i quali facevano parte di un collettivo di scrittura nato da un gruppo di gioco di ruolo che è stato d’ispirazione per questo ciclo narrativo. C’è un racconto, in particolare, che voglio segnalare. Si intitola Per strade perdute di Pat Cadigan e mi ha particolarmente interessato perché riprende un interessante argomento: qual è la motivazione che spinge qualcuno ad unirsi ad un gruppo di supercattivi?

La domanda sembra lasciare il tempo che trova, "confinata" al solo mondo dei fumetti o del cinema. In realtà è un processo umano che ogni giorno avviene in milioni di scuole e che porta i giovani a scegliere questa o quell’altra serie di amicizie. È un racconto sulla solitudine che a volte ci spinge fra le braccia di persone senza scrupoli. Vi invito a leggere questa parte con una sfumatura diversa. Con un occhio attento che spesso viene lasciato da parte perché sono storie di fantascienza (o fumetti, visto che li ho citati più volte, per attinenza).

Rimane così da leggere solo il libro finale della prima trilogia, Wild cards vol.3: l’assalto, sperando che gli autori rimangano al livello a cui ci hanno abituato.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.