In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

Vivere nella repubblica del fai-da-te: libro, scrittori e futuro

Scrittori nel web 2.0Domenica anticipavo i contenuti di oggi, parlando di una rivoluzione in corso nell’editoria. Partiamo con ordine. Il 23 giugno scorso ascolto il video di Rowling, la mente di Harry Potter: «Bum!» penso «Qui cambia tutto!». In questo momento che sto scrivendo (domenica 26 giugno) è già a 1.262.862 di click e sono certo che voi, se ci fate caso, potrete adesso notare un numero ancor più rilevante. Perché cambia tutto? Perché Rowling non ha mai avuto grandi simpatie per la tecnologia e-book e ora lancia Pottermore, decidendo, di fatto, di mettersi in proprio per i contenuti non legati alla filiera classica del libro, quindi per tutto ciò che riguarda la lettura non cartacea. Non un arrivederci agli editori, un addio, o meglio, un inizio di addio, con un occhio rivolto al futuro. Il marketing è stato calibrato con cura, avremo altre notizie a fine luglio (un gruppo selezionato testerà il prodotto innovativo) e poi a ottobre il sito aprirà ufficialmente le danze.

I blog letterari e la stampa anglosassoni si stanno scatenando da giorni, chi pro chi contro, l’attesa era forte. Venerdì scorso Alison Flood, giornalista del Guardian, parlando del self-publishing, non manca di citare la Rowling, un’autrice da milioni di copie, leggiamolo in altri termini, milioni di potenziali lettori che si immergeranno nella lettura di un e-book. Se il primo test funzionerà (ricordiamo che la base degli utenti dei suoi libri è in particolare quella dei giovani), non vi sono dubbi: lo scacco matto all’editoria tradizionale è alle porte, aprendo scenari imprevedibili nel suo caso.

 

Si legge su paidcontent.org, un sito che si occupa dell’economia dei contenuti digitali:

 

Interesting experiments with pricing.Since Rowling is selling the e-books directly, she can do what she wants with pricing. Her UK publisher, Bloomsbury, and her U.S. publisher, Scholastic, are getting a cut, but these books are being published under the Pottermore Publishing imprint, not by Bloomsbury or Scholastic”.

 

Il concetto è chiaro, bye bye grandi editori, see you later, ma forse no. Si parla addirittura nell’articolo di singoli capitoli a pagamento, per questo motivo scenari imprevedibili. Che cosa accadrà se milioni di potenziali lettori si getteranno sui prodotti innovativi di Rowling, condizionando senza dubbi il mercato degli e-book? Quelle stesse persone porteranno consapevolezze nuove sull’economia, alterando abitudini e preferenze di lettura. Problemi di compatibilità con i formati? No, l’autrice stessa ha dichiarato che si stanno stringendo rapporti in tale senso con Kindle, Apple, Google e gli altri del settore.

 

RowlingGià giovedì scorso qualcuno si chiedeva: «Se i grandi autori non hanno bisogno dei grandi editori, allora a che cosa servono i grandi editori?». Su Twitter si vocifera che Rowling si sarebbe accordata coi due suoi più importanti editori per un 10% di introiti a loro e 90% per lei, vero o falso? Non è ancora dato sapersi. Si interroga sulla situazione Wired Uk, andando oltre la contesa con Bloomsbury e Scholastic, rispettivamente casa editrice inglese e americana di Harry Potter, chiedendosi le conseguenze dell’operazione per la Sony e la Warner Bros. Un fatto è certo, Rowling non può girare le spalle ai suoi editori come se niente fosse, se non altro per la macchina da soldi che ancora le permette di avere in maniera capillare i suoi libri in tutto il mondo, infatti Bloomsbury ha inserito un comunicato fra le news, stessa cosa Scholastic, con la replica del video che annunciava la novità. 

 

Tutto qui? Rowling divide et impera? No. C’è altro, molto altro. Seguitemi.

 

Negli Stati Uniti la comunità degli scrittori si organizza con strutture, diversamente da quanto accade nel nostro paese. Non parlatemi di TQ, vi prego. Nulla contro l’esimia esperienza italiana dei trenta-quarantenni, ma qualcosa di più *aperto*, democraticamente aperto, non un gruppo che si sceglie e si invita da solo nelle sue componenti, in modo arbitrario. Per esempio la San Francisco Writers Conference, non è l’unica. Desiderio di interpretare, desiderio di incontrarsi, desiderio di prevedere il miglior modo per stare sul mercato, lontano da logiche *isolazioniste* frequenti in Italia. Indipendentemente dalla partigianeria come stile (fattore tuttavia rilevante, se non altro perché negli Stati Uniti si percepisce con più velocità i cambiamenti dentro la comunità degli scrittori: ne scaturiscono studi, articoli, dibattiti più orientati e ordinati), qualcosa sta cambiando in maniera ineludibile.

 

Sam Missingham, collaboratore di FutureBook, scrive a chiare lettere ieri (lunedì 27), nel suo articolo We are all postmodernists now che ora stiamo davvero vivendo una fase da postmodernisti, una fase nella quale tutti, realmente tutti, possono comunicare, grazie alle nuove tecnologie, arrivando dritti ai lettori, senza intermediari; i numeri del cambiamento, almeno negli Stati Uniti, sono a dir poco sbalorditivi: “With the models that have been so reliable for so long consigned to the dustbin, we’re at the mercy of two things: technology, and the market. Around 300,000 books were published last year, alongside another 2.9 million self-published titles. It's a bottom-up culture like we've never known before”.

Numeri che crescono non di anno in anno, ma di mese in mese, con un’accelerazione che per certi versi mi ha ricordato La singolarità è vicina di Ray Kurzweil, celebre tecnologo e autore di libri di enorme successo sull’evoluzione della scienza. Tecnologia al servizio degli scrittori che in qualche caso sconvolge ogni regola consolidata, come nel caso di John Locke, il quale superando il milione di copie con i suoi e-book è entrato di diritto nel Kindle Million Club (otto persone nel gruppo, nomi come Michael Connelly o Stieg Larsson). Forse qualcuno potrà criticare la debolezza letteraria dei testi o la furbizia improvvisatrice di taluni, ciononostante credo che dal punto di vista editoriale oggi, per uno scrittore esordiente, non sia mai stato più vero il seguente concetto:

 

Spesso uno dei modi migliori per svolgere un compito, da montare degli scaffali a trovare un lavoro, è semplicemente iniziare, anche se non si ha un’idea chiara sul modo migliore di procedere. Si fa un tentativo, si impara e ci si corregge. «Il mondo» ha detto una volta il matematico e storico della cultura Jacob Bronowsky «può essere afferrato solo con l’azione, non con la contemplazione»

[L’atomo sociale di Mark Buchanan]

 

Credere nella scritturaMilioni di scrittori esordienti hanno in questa fase di forte cambiamento l’opportunità di mettere in moto un’azione nel mondo dell’editoria, senza intermediari: il pubblico sarà l’unico vero metro di giudizio.

 

Rachelle Gardner, un’agente letteraria di Denver, in un articolo dello scorso 20 giugno, si chiede: Perché pubblicare è così lento?, un problema serio, pure nel nostro paese. Persone che attendono da sei mesi o da un anno o anche più un giudizio sulla loro opera inedita, creando uno stato di frustrazione in alcuni non indifferente. Gardnersi spinge ad affermare: I imagine the next five years will see more change in the business of bringing book-length works to the masses than has occurred in the last 571 years. Un cambiamento epocale non in 20 o 50 anni, ma in cinque anni. Follia? No, direi di no. Per quale ragione?

 

Sempre con i dovuti accorgimenti per la diversità del mercato editoriale italiano è bene ricordare alcuni punti:

 

1-     Gli scrittori esordienti italiani sono stanchi dei tempi geologici di risposta delle case editrici e degli agenti letterari.

2-     Gli scrittori esordienti italiani sono insofferenti verso le basse percentuali sui diritti d’autore offerte dai contratti delle case editrici.

3-     Gli scrittori esordienti italiani sono individualisti, farebbero volentieri a meno delle case editrici.

 

Generalizzazioni esagerate? Certamente, ma quanto? Non troppo dal mio punto di vista.

 

Domanda finale che introdurrà l’argomento di venerdì prossimo: può uno scrittore esordiente essere del tutto indipendente dalle case editrici, dagli agenti letterari e dalle librerie?

A presto.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (5 voti)

Commenti

Mi trovo perfettamente d'accordo con quanto scritto, mi ci sono scontrato con tutti questi problemi e sì, è davvero frustrante. Anche io però ho trovato "il nuovo modo", la novità che mi permette di non lasciare il mio manoscritto in un cassetto anche se di certo non mi farà fare soldi, ma magari mi permetterà di farmi conoscere un po'.
La mia idea è molto semplice, un blog dove pubblicare il mio libro a puntate e gratuitamente, ogni settimana 4/5 pagine sino alla completa stesura... ci vorrà del tempo prima che sia completamente leggibile ma se uno ha pazienza avrà il mio libro gratis, se uno invece viene incuriosito da ciò che legge, e non vuole aspettare troppo, può tranquillamente acquistare la copia cartacea direttamente online.

Ci vuole un po' di tempo, un po' di passaparola tra amici e conoscenti, io ad esempio ho aperto una pagina facebook, ma pian piano la voce gira e la gente comincia ad interessarsi.....

Ciao, Roberto

In effetti i tempi "biblici" di risposta delle case editrici sono angoscianti, e non si parla di quelle grandi, ma anche dei piccoli e piccolissimi editori che non credo ricevano individualmente così tanti manoscritti da giustificare certe attese, anche perché immagino che buona parte di ciò che ricavano venga (giustamente) scartato dopo averne lette solo poche pagine. Ancora più angosciante è spesso l'attesa tra il momento in cui un editore ti dice che ti pubblicherà (evviva!) e quello in cui avrai finalmente in mano una copia stampata, cosa questa che ormai non si giustifica più: sappiamo tutti che la stampa digitale si fa in pochissimo tempo, quindi perché dover aspettare per mesi e mesi?
Ben vengano gli ebook se serviranno ad accorciare i tempi. Del resto, considerando i "lauti" diritti d'autore che si possono ricevere da un libro stampato ( a meno ovviamente di arrivare a vendere diverse migliaia di copie, ma chi ci riesce fra gli esordienti?), credo che io ne farei a meno in favore di una maggiore ed effettiva diffusione in rete.

Caro Morgan,

purtroppo, credo che tu abbia colto nel segno...
Perché purtroppo?
Semplicemente perché questo articolo mi ha chiarito un sacco di dubbi riguardo il mondo dell'editoria.
Dubbi che provenivano dal "sentito dire" si sono purtroppo materializzati nel tuo articolo.

Sapere che l'editoria "è lunga come la quaresima" (come si diceva un tempo) mi secca non poco in quanto, il mio sogno nel cassetto sarebbe quello di pubblicare.
Ciò mi scoraggia molto, ma non mi darò sicuramente per vinto.
Anche se il sogno dovesse essere molto lontano dall'avverarsi.

Morgan. Sono d'accordo con molte cose che dici.
Non vorrei stressarti troppo per cui dico solo due cose su cui invece il discorso è lungo e non la vedo come te.
1. Se parliamo di usare il print on demand al posto di usare le stamperie del nulla ok...se parliamo di autopubblicazione ed e-book non vedo quali benefici possa averne la letteratura...la cosa si commenta da se e ho già detto altrove perché a mio avviso. E' semplice proliferazione del nulla con altri mezzi.
2. La frase che hai usato e che più mi preoccupa in realtà è "IL PUBBLICO sarà il vero metro di giudizio".
Sarà un lapsus ma gradirei che fossero I LETTORI e non IL PUBBLICO semmai ad esprimere il giudizio, ma proprio il rischio che si diventi tutti solo pubblico passivo e non lettori è il problema vero.
Credo anch'io che sia giusto riconsegnare ai lettori la possibilità di scelta ma non attraverso la moltiplicazione della quantità di cose che non produrrà sicuramente più possibilità di scelta ma solo più superficialità.
Inoltre, se parliamo di cultura questa tua frase mi suona tanto male quanto quella di Berlusconi quando dice, in soldoni "Gli elettori mi votano e quindi sicuramente hanno ragione e io faccio come mi pare". No, no, questa non è cultura, non è cultura politica e tantomeno cultura letteraria, è l'inizio della fine, specie in un paese come il nostro dove la realtà è che soffriamo di analfabetismo di ritorno ma vogliamo scrivere tutti, comunicare tutti qualche cosa, senza chiederci nemmeno se abbiamo qualcosa da comunicare...

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.