In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Vittoria, la regina imperatrice nel racconto di Antonio Caprarica

Vittoria, la regina imperatrice nel racconto di Antonio CapraricaLa regina imperatrice è l’ultima attesissima fatica letteraria dello scrittore e giornalista Antonio Caprarica, noto volto della rete ammiraglia pubblica.

Con questo romanzo edito da Sperling & Kupfer l’autore torna un po’ alla sua origine, ovvero quella di occuparsi di vicende e vicissitudini della tanto chiacchierata corona inglese.

Il titolo di questo lavoro potrebbe portare a credere che il tutto non sia altro che un ritratto dell’attuale sovrana britannica, l’intramontabile e inaffondabile Elisabetta II, e dei suoi disastrosi eredi. Ma non è così!

Infatti qui si parla e si analizza la sovrana inglese, seconda per longevità di regno (1837-1901), la tanto amata e discussa Vittoria.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

La vicenda così ben narrata ne “La regina imperatrice” si snoda nell’anno 1870, quando Vittoria era al suo trentatreesimo anno di potere. La sovrana in questione era stata incoronata il 20 giugno dell’anno 1837 e il popolo britannico l’aveva accolta a braccia aperte: con benevolenza ed entusiasmo, con quel grande ottimismo che accompagna sempre una persona nuova e carismatica, dalla quale ci si aspetta sempre una sorta di romantico miracolo.

Vittoria, la regina imperatrice nel racconto di Antonio Caprarica

Faceva certamente tanta tenerezza quella diciottenne così piccola e rotondetta, con quei vispi e sporgenti occhi azzurri che di sicuro non le donavano charme e raffinatezza. Ma la ragazza suppliva alla sua poco e coinvolgente beltà con una spiccata intelligenza e vivacità intellettuale, non dimenticando il suo essere stacanovista e assai volitiva nelle sue azioni.

Ma nel 1870 lei era decisamente cambiata, aveva più di cinquant’anni ed era irriconoscibile. Infatti Vittoria dopo la scomparsa dell’amatissimo consorte, il principe Albert, era caduta in depressione e della sua persona e della sua femminilità se ne era persa ogni traccia.

E ora quel suo popolo così attonito e preoccupato vedeva una regnante malinconica, appesantita da un costante dolore e da quei troppi chili di tristezza e di solitudine. Andava in giro infagottata con quegli abiti improponibili e improbabili, rigorosamente neri e austeri che la mortificavano come donna.

Alle sontuose ed effimere feste di corte preferiva lunghi soggiorni sull’isola di Wight, oppure in Scozia. Luoghi, questi, immersi nella natura più profonda e vera, dove certamente poteva farsi cullare nel ricordo appassionato di un amore sincero, pulito, che le aveva regalato quella gioia impalpabile di essere donna e moglie. In questi luoghi bucolici aveva l’opportunità di piangere e di vivere in fondo quel dolore così sottile e al tempo stesso distruttivo. Si ostinava a non presenziare alle cerimonie pubbliche londinesi, mentre suo figlio Bertie, poco incline a quei doveri e a quel protocollo tipico del suo rango, trascorreva le intere nottate al tavolo del baccarat, perdendo ingenti somme di danaro, oppure gozzovigliando con l’ultima puttana di turno.

Vittoria, la regina imperatrice nel racconto di Antonio Caprarica

E non solo le disgrazie della corona erano causa di preoccupazione nella Londra di quegli anni: un’assai aspra crisi metteva in ginocchio un popolo ormai esasperato che era sul punto di una crisi di nervi o peggio ancora stava per crollare in modo definitivo.

Lo scontento tra la povera gente andava sempre più dilagando e il prestigio stesso della corona vacillava sempre più … tanto è vero che gli stessi repubblicani scalpitavano ed erano già pronti a fare le scarpe alla stessa famiglia reale.

Tuttavia proprio in questo drammatico frangente, Vittoria faceva un guizzo e come se si fosse risvegliata da un lungo sonno ristoratore rialzava il capo, rimboccandosi le maniche e dimostrando al mondo intero di possedere quegli attributi giusti per governare.

Riprese dunque nelle sue salde mani le redini del potere a dispetto di intrighi, di scandali che coinvolgevano gli stessi membri della sua blasonata famiglia.

Sullo sfondo di queste vicende appassionate e appassionanti, l’autore ci propone anche l’analisi di personaggi secondari, ma non poco importanti: Melbourne, Gladstone, e Disraeli, figure che hanno contribuito a scrivere la medesima storia del Regno Unito.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Ne scaturisce quindi un affresco affascinante e intrigante che ha l’innata capacità di accompagnare la curiosità del lettore in una dimensione parallela, dove la materia narrativa mescola realtà e immaginazione con grande maestria e attenzione, creando un favoloso connubio tra passione degli eventi e cronaca storica. Questo romanzo non è semplicemente un freddo reportage di date e accadimenti, ma soprattutto una malinconica e avvolgente preghiera di una donna sola e infelice che non può crogiolarsi nel suo perpetuo dolore perché ha la sola colpa di essere regina e di dover rendere conto alla più fredda e bieca ragion di stato.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.