Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Vita e morte delle aragoste, storia di un’amicizia destinata a finire

Vita e morte delle aragoste, storia di un’amicizia destinata a finireNicola H. Cosentino in Vita e morte delle aragoste, edizioni Voland, racconta una lunga e inestricata storia di amicizia tra Antonio e Vincenzo.

Se ne sono sentite e lette tante di storie di questo genere, ma la penna di Cosentino incide particolarmente sull’immaginario adolescenziale, per chi adolescente lo è stato almeno negli anni Novanta/Duemila, quando si ascoltavano “a palla” e con un leggero imbarazzo Hey Ya!, Dragostea Din Tei, In the Shadows.

Con uno sguardo lucido, quindi, l’autore ci offre la nostalgia di un periodo che abbiamo attraversato tutti, inevitabilmente. Ciascuno nella propria provincia, nel proprio quartiere, nel proprio più o meno sano contesto familiare.

Quei tempi in cui il futuro sembrava un “pianeta irraggiungibile”e non codificabile, e la felicità era sintetizzabile in birre scadenti ma ghiacciate pronte all’uso, in scorpacciate di maiollo – il modo più comodo per chiamare un piatto di maiale e pollo – e in lunghe passeggiate sulla spiaggia senza avere alcuna direzione, senza l’inquietudine di nessuna scadenza.

La provincia nel romanzo è quella calabrese che si allarga fino alla capitale, Roma, per poi conquistarsi esperienze al di fuori dei confini nazionali.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Vincenzo Teapot è l’amico dell’infanzia, dell’adolescenza e della maturità, un amico, naturalmente, fin al momento in cui non muoiono le aragoste, o meglio non si spogliano del loro carapace.

Nel frattempo, incroceranno molti destini, quello di Ariane, Silvia, Paola, Nicole, e molte esperienze, il viaggio in Spagna, a Siviglia, la pubblicazione dei libri, Frida Ohm e Arcipelago Thorvaldsen, le sbornie al grido ancestrale di botellon, i falò in spiaggia o ai piedi della Torre dell’Oro.

La storia dell’amicizia tra Antonio e Vincenzo è anche la storia di una fascinazione che il primo subisce dalla frequentazione simbiotica con il secondo.

Sono quelle trappole che riservano le amicizie di un determinato periodo della vita, quando sembra naturale, ovvio e indiscutibile, condividere tutto; quando la personalità, il carattere non si sono del tutto formati e si cerca, nell’approvazione dell’amico, un diritto all’esistenza.

Vita e morte delle aragoste, storia di un’amicizia destinata a finire

Vincenzo era l’amico che amava con lo stesso trasporto con cui abbandonava l’amata, Vincenzo era l’amico fragile, passionale ma sempre precario e instabile nei suoi sentimenti e nella capacità di gestirli, Vincenzo amava scrivere, amava le corride, amava viaggiare, Vincenzo aveva le ambizioni dell’eroe tragico, era un ragazzo che temeva tanto il fallimento da rincorrerlo, da sfidarlo.

Ed è così che sfila il romanzo di Nicola H. Cosentino, quasi che Antonio, più che un caro amico, o solo in quanto tale, fosse lo spettatore delle vittorie e delle sconfitte, semmai riconosciute, di Vincenzo Teapot. E se non uno spettatore, un suo lettore.

 

Quanti aneddoti conosceva in cui io non sembrassi Sancho e lui Don Chisciotte?

 

E, quindi, nella fantasia di Antonio, l’amico sarebbe stato un uomo ricco d’ideali, di un amor cortese e gentile, quell’amore che cattura e abbandona e comunque si affeziona, e lui, invece, un sempliciotto, un accompagnatore che sostiene le stravaganze del suo avventuriero.

Vita e morte delle aragoste, storia di un’amicizia destinata a finire

Vincenzo, forse, dava per scontata, per ovvia o per data, l’amicizia di Antonio al quale non riconosce alcuno spazio nei libri che una piccola casa editrice gli aveva pubblicato. Antonio è espunto dalla biografia dell’amico e nonostante questo patrocinava la sua causa.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Le aragoste sono aneddoto e metafora di questo romanzo che è, al contempo, ironico, veloce, bizzarro e malinconico. Il corpo dell’aragosta non smetterà di crescere fino a quando non troverà il suo ultimo carapace dentro il quale cercherà di adattarsi. Antonio e Vincenzo faranno proprio questo, ciascuno abbandonerà il vecchio carapace dal quale traeva nutrimento e riparo, e ne cercherà un altro, uno nuovo.

Le loro vite prenderanno, pertanto, direzioni diverse, non si vedranno più. Conserveranno un’amicizia lontana, distante e risentita, dove le illusioni prevarranno sui ricordi.


Per la prima foto, copyright: Ben White.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.