Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Interviste a scrittori

Conoscere l'editing

Curiosità grammaticali

Visual journalism: fra narrazione visiva e cronaca

GiornalismoÈ ormai fatto culturale consolidato, la progressiva integrazione tra narrazioni di natura differente, con all’orizzonte, comunque, scopi narrativi o, più in generale, espressivi. In questo senso, abbiamo avuto l’opportunità di mettere a fuoco alcuni esempi “cruciali”: che si tratti, infatti, di ipertesti, progetti fotografici, avventure testuali, non ci si sgancia mai dalla dimensione della letterarietà e dell’affabulazione.

Ci sembra opportuno, però, lanciare uno sguardo anche a un ambito giornalistico figlio di quella transmedialità evocata più e più volte, e non solo della semplice “multimedialità”. Visual journalism è l’espressione inglese che definisce nella maniera più chiara questo modo diverso e nuovo (almeno nel nostro Paese) di presentare fatti, proporre argomentazioni, condurre analisi economiche, politiche, sociali.

Non si tratta, in maniera banale, solo di grafici, tabelle, infografiche. Si parla di istituire un rapporto inedito fra testo e immagine e, di conseguenza, ri-attivare la capacità, troppo spesso sopita, di mettere in relazione dati e teorie.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: EditorialiWeb ed Eventi.

Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

Giornalismo visuale è anche l’opportunità, come è stato evidenziato, di comprendere meglio, con maggiore rapidità e possibilità di approfondimento. In altre parole, dati in grande quantità, organizzati in rappresentazioni grafiche significative.

Numerose sono le strategie da adottare, non pochi gli accorgimenti necessari, anche per il lettore. Di certo diversa la forma mentis sottostante; d’altro canto, le potenzialità che il visual journalism è capace di dispiegare vanno ben al di là di certi paludati corsivi ai quali, ahinoi, siamo ormai assuefatti.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3.7 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.