Corso online di Scrittura Creativa

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Virginia Woolf secondo Emmanuelle Favier

Virginia Woolf secondo Emmanuelle FavierC'è una versione tra le tante edizioni de La signora Dalloway che posseggo cui tengo particolarmente. È stata stampata nel 1949 da Mondadori con otto illustrazioni di Luigi Broggini che, con la folle indefinizione dell'acquerello, accompagnano il lettore nelle caverne di personaggi scavati da Virginia Woolf.

Questo per dimostrarvi che sono un Woolf-addicted e dubito si possa essere un appassionato e vorace lettore della prosa della Woolf senza diventarne dipendente. È una droga che scava nelle tue certezze, facendole implodere su loro stesse, costringendoti a guardare lì dove non vorresti, a soffrire e allo stesso tempo a godere di questa esposizione alle debolezze umane: «una tomba su cui stendersi a piangere, zattera di pietra dove gemere del proprio naufragio». Sì, per amare la Woolf, bisogna essere un po’ masochisti, vedere il bicchiere mezzo vuoto e concentrarsi almeno una volta al giorno sul senso della propria esistenza. Rispecchiandomi in questo ritratto, sulla carta ero il lettore ideale per il romanzo Virginia di Emmanuelle Favier (edito in Italia da Guanda e tradotto da Alba Bariffi) dedicato all’autrice di Gita al Faro, Orlando e Una stanza tutta per sé. Sapevo che c'era una ricerca approfondita fatta dalla Favier fra le carte, le foto e gli oggetti personali della giovane Virginia e contavo in un sagace romanzo che strizzasse l’occhio alla biografia, riempendo i buchi con l'immaginazione di una scrittrice più Woolf-addicted di me.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Purtroppo, la Virginia di Emmanuelle Favier non è un romanzo, ma un saggio. Un saggio di pregevole fattura, scritto con un linguaggio curato, a tratti ricercato ed enfatico, che non riesce però ad arrivare al cuore del lettore. E se da un lato non posso che inchinarmi, con un poderoso chapeau, davanti alla cura della ricostruzione dei primi anni di vita di Adeline Virginia Alexandra Stephen (divenuta solo nel 1912 Virginia Woolf, sposando lo scrittore ed editore Leonard Woolf), una delle figlie di sir Leslie Stephen e di Julia Prinsep Jackson, lui famoso critico letterario e autore di numerose biografie, fra cui quella di Jonathan Swift, lei modella per pittori preraffaelliti come Edward Burne-Jones, dall’altro cresce, a ogni pagina, il rammarico per un’occasione sprecata: trasformare gli anni della fanciullezza e dell’adolescenza di una delle più grandi scrittrici del XX secolo in un romanzo di formazione in cui scoprire la donna dietro l’icona.

Virginia Woolf secondo Emmanuelle Favier

Peccato, perché grazie alla Favier, scopriamo che la famiglia di Virginia poteva diventare la cornice perfetta anche per una saga storica e politica, ambientata nell'Inghilterra vittoriana di fine XIX secolo, dove l'arte regna sovrana e le emozioni vengono controllate e valorizzate in funzione del loro effetto sulle produzioni artistiche dei membri della famiglia Stephen. Una famiglia che ha visto passare dai corridoi della sua casa personaggi come Henry James, T.S. Eliot e James Russell Lowell, padrino di Virginia, artisti che si fermavano a bere una tazza di tè nella stessa dimora londinese di Hyde Park dove la Woolf fonda, con il fratello Thoby, un giornale dedicato alle avventure della famiglia Stephen. Senza considerare ciò che accade attorno alla famiglia e alla società britannica in quegli anni. È la stessa Favier a ricordare al lettore, capitolo per capitolo, il ribollire delle pubblicazioni scientifiche, poetiche e letterarie che si rincorre sotto l’apparente staticità del modello vittoriano. Il pensiero inizia a cambiare e alcune antenne, come Virginia, percepiscono e anticipano questo mutamento, iniziando a mettere in discussione idee e certezze, una per tutte la differenza in termini di diritti fra uomini e donne.

Virginia Woolf secondo Emmanuelle Favier

E se nel 1897 il giornalista britannico Walter Bagehot scriveva che sarebbero stati necessari ancora duemila anni affinché il gap di sviluppo fra il cervello di un uomo (giunto all’età adulta) e di una donna (ancora nella sua iniziale fase di sviluppo) potesse essere colmato, interpretando così il pensiero comune del tempo, Virginia di lì a pochi decenni avrebbe dimostrato un’acutezza e un’abilità nell’analisi psicologica dei suoi personaggi sconosciuta a molti scrittori maschi del suo tempo.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Per questo, se l'occhio non può che godere nel soffermarsi su alcuni passaggi preziosi dell’opera di Emmanuelle Favier, come un ricamo di rugiada su un prato d'aprile, il cuore palpita infelice per un'occasione perduta, continuando imperterrito a seguire le “grandi falcate divoranti e solitarie” di Virginia Woolf.


Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.