In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Viaggio a Bruxelles – Cinque libri da leggere

BruxellesMenzionare cinque libri da leggere prima di un viaggio a Bruxelles ha stavolta una doppia funzione: la prima, come per tutti i passati consigli contenuti nella nostra rubrica settimanale su viaggi e letture, anticipare e accompagnare le atmosfere del viaggio grazie ai libri, i quali sono un valido aiuto per penetrare e comprendere a fondo lo spirito di un luogo; la seconda, puntare i riflettori su Bruxelles in quanto meta da visitare. Sì, perché la città è da sempre nota per la sua funzione di “capitale dell'Unione Europea”, ma, a parte questo, un turista potrebbe anche chiedersi cosa ci sia effettivamente da vedere lì. Al contrario, Bruxelles è una città affascinante, ricca di storia, di monumenti, culturalmente viva. Insomma, un centro particolarmente bello, anche se non la pensava proprio così il buon Baudelaire...

Partiamo con Fantomas contro i vampiri multinazionali di Julio Cortázar (DeriveApprodi, 2006): siamo nel '75 e Cortazar sta passeggiando per le strade di Bruxelles, invasa dagli esuli latinoamericani, fuggiti dalle dittature dei loro Paesi. Cortázar ha appena partecipato ai lavori del Tribunale Russell, un'assemblea in cui centrale era la questione della violazione dei diritti umani nei Paesi dell'America Latina: quindi, i problemi di quegli esuli Cortázar li conosce bene e a fondo, però ancora si domanda come aiutare concretamente quella gente. Per fortuna si materializza in suo aiuto il supereroe Fantomas.

Non può mancare nella nostra top five un libro feroce come La capitale delle scimmie di Charles Baudelaire (Mondadori, 2002), scritto qualche anno prima della morte dell'autore e che racconta il suo drammatico soggiorno belga. Il titolo si riferisce, in senso dispregiativo, agli atteggiamenti poco eleganti della popolazione di Bruxelles: l'opera, rimasta incompiuta, raccoglie una serie di appunti, riflessioni, citazioni, in cui il padre dei Fiori del male si scaglia contro lo stato fiammingo, il quale «incurante del proprio glorioso passato, è divenuto specchio di ogni decadenza, bruttura, del rifiuto di tutto ciò che è bello e dolce».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Amélie Nothomb è un'autrice piuttosto interessante e proprio per questo vogliamo consigliarvi il suo L'entrata di Cristo a Bruxelles (Voland, 2008). Qui troverete due racconti della Nothomb mai apparsi in libreria: nel primo il protagonista commette un'azione terribile mosso dalla gelosia, è per questo costretto a fuggire e farà poi ritorno nella sua città a distanza di vent'anni, dopo essere diventato molto ricco; nel secondo racconto, invece, si narra la storia di un uomo alla ricerca della donna dei suoi sogni.

Passiamo a un classico di Charlotte Brontë intitolato Il professore (Dalai Editore, 2003). In Italia pubblicato anche come Quel dolce sorriso, il romanzo è in parte autobiografico: infatti, ad un certo punto è descritto il rapporto insegnante-allieva, che richiama l'amore (non corrisposto) dell'autrice per un suo professore. Nel libroun ragazzo cresce in collegio fino al completamento degli studi e, successivamente, riesce a costruire una piccola fortuna in Belgio grazie alla sua dedizione, al coraggio e all'umiltà. Il professore è stato scritto prima di Jane Eyre ma, in seguito al rifiuto di molti editori, venne pubblicato postumo nel 1857, due anni dopo la morte della Brontë.

E visto che abbiamo iniziato parlando delle bellezze di Bruxelles, l'ultimo consiglio di lettura non può che essere una guida, ossia Brugge e Bruxelles. Con cartina della Lonely Planet: tutti i luoghi da vedere, gli itinerari da compiere a piedi, fra locali, ristoranti, musei, biblioteche, siti architettonici, ma anche dove fare shopping e trascorrere le serate (e nottate).

Pronti per il viaggio? Mancano solo i vostri cinque libri in valigia!

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (9 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.