14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

“Via Ripetta 155” di Clara Sereni: autobiografia di una giovane sessantottina

Clara Sereni, Via Ripetta 155Via Ripetta 155, edito da Giunti, è il nuovo romanzo di Clara Sereni, una scrittrice che ha ricevuto già notevoli riconoscimenti, fra cui il Premio Marotta nel 1993 con Il gioco dei regni e il Premio Nazionale Letterario Pisa nel 2002 con Passami il sale, e in corsa, quest'anno, per il Premio Strega 2015. A distanza di otto anni dalla pubblicazione del suo ultimo libro, Il lupo mercante, Clara Sereni ritorna con una storia tutta autobiografica sullo sfondo del celebre decennio sessantottino.

1968 è il titolo del primo capitolo del romanzo, nonché l’inizio di una nuova vita per Clara Sereni, che lascia la casa paterna ad appena diciannove anni in nome della libertà personale e in fuga da un rapporto mai sbocciato con il genitore, per poi adattarsi a vivere da sola in una via non lontana dal centro di Roma: Via Ripetta 155. Per la figlia dell’ex dirigente del PCI Emilio Sereni comincia una fase di crescita e scoperta: la vita libera e libertina di una ragazza di quegli anni si fonde con un momento storico che la penisola italiana non potrà mai cancellare; non soltanto un anno, ma l’avvento di un’epoca fatta di idealismi ed energia che avrebbe dato una pesante sferzata all’Italia democristiana del decennio precedente.

Ogni anno un capitolo nuovo, un diario autobiografico dove la vita personale, con i suoi piccoli problemi di organizzazione abitativa – fra oggetti recuperati, verniciatura manuale, materasso e stufetta usata – si incrocia con gli spaventosi ricordi della storia italiana: i morti di Via Larga a Milano, gli scontri con i fascisti a San Babila, la battaglia di Valle Giulia a Roma, le bombe alla Banca dell’Agricoltura, la morte di Pinelli, l’uccisione del Commissario Calabresi, la strage di Brescia, la strage dell’Italicus e da lì a poco il misterioso omicidio di Aldo Moro. Il resoconto diaristico si fa dunque pubblico e spiattella al lettore cosa rappresentò per molti giovani quel periodo, come fu vissuto e quali false ideologie o disorientamenti politici portarono al vuoto di ideali di cui ancora oggi si avverte la mancanza.

Omicidio Aldo Moro

Nessun periodo pedante, abolita o quasi la presenza di subordinate; piuttosto dialoghi diretti, brevi e profonde riflessioni, poco spazio a un resoconto noioso ed eccessivamente cronachistico. Solo il desiderio finora sopito di svelare i ricordi dell’età giovanile: la lotta di classe, gli scontri con la polizia, le canzoni di protesta, le manifestazioni di piazza, i festival del cinema e i film semiclandestini. Una scrittura limpida, piacevole e scorrevole per narrare nove anni di vita in cui Clara Sereni cambia in maniera radicale, così come cambia la realtà che la circonda. Dai legami fatui e l’amore libero, nato nelle serate di gruppo al Folkstudio con Giovanna Martini o in casa fra canzoni, chitarra e svaghi di gioventù, si passa alla storia d’amore con l’uomo della sua vita, Stefano Rulli.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Clara SereniIn parallelo all’evoluzione della protagonista c’è lo sviluppo della storia. Dopo il turbine del Sessantotto, l’Italia sceglie lo strumento della protesta violenta (fascista o comunista) tra cortei e feste dell’Unità, le stragi di Piazza Fontana, di Piazza della Loggia e la strage di Bologna, con il terrore di vedere fra quei morti persone conosciute o con cui s’erano condivisi capodanni. In contrappeso a questo decennio, caratterizzato da un climax di violenza, si innesta il rapporto ritrovato con il padre, personalità imponente e distaccata, con cui Clara non era mai riuscita a imbastire un rapporto di fiducia e serenità.

Ogni anno un capitolo della biografia della scrittrice, ognuno il sunto di 365 giorni di novità, delusioni, speranze e contraddizioni di un’adolescente impegnata nella lotta sociale e politica che diventa una giovane donna in grado di assumersi responsabilità importanti. Una maturazione, quella dell’autrice, che va di pari passo con l’evoluzione italiana, un Paese che passa dalle accese discussioni politiche alla “medietà” della borghesia democristiana. L’io narrante, che coincide con il personaggio di Clara Sereni, è interno alla storia e non prende le distanze dagli avvenimenti raccontati. In realtà, sebbene sia cosciente delle supposizioni ideologiche errate che guidavano la gioventù dell’epoca, non emette giudizi, non rinnega; piuttosto riporta tutto sulla pagina, compiacendosi delle azioni ingenue e degli sbagli commessi. Ecco perché, nella sua ottica, il Sessantotto arriva a caratterizzarsi soltanto come una sconfitta a metà.

Il piccolo appartamento di Clara è l’emblema di un rifugio per scappare dal disagio paterno, per sedare le proprie inquietudini giovanili e per allontanarsi dalle urla della società in subbuglio. Cosa rappresenta quella casa arredata con sudore e pochi soldi, luogo di notti d’amore e ritrovi festaioli? È il luogo dove più forte si sente il maggior punto di contatto fra l’io della protagonista e il “noi” collettivo della contestazione giovanile, colta nella sua bellezza più che nell’immaturità delle sue scelte.

How many souls in my apartment?, pic by Riccardo Bonuccelli

Il trasloco in via Monteverde, invece, rappresenterà la chiusura definitiva con quel mondo e il convincimento che l’amore e il “non matrimonio” con Stefano sono la spalla sicura su cui poggiarsi per realizzarsi pienamente. Cosa resta di quel frastuono che tentò di rivoluzionare idee, costumi e strutture societarie del Bel Paese? Da una parte il rimpianto per una rivoluzione pacifica mancata, travolta dal terrore, dal terrorismo e dalla confusione; dall’altra il rammarico per degli anni in cui non solo la libertà era sfrenata, ma i giovani, come quelli di Via Ripetta 155, anziché litigare “per le ciliegie”, discutevano accanitamente per un mucchio di idee che avrebbero dovuto modificare il futuro di tutti.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3.3 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.