Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

“Verso la notte e le sue ignote costellazioni” di Andrea Emo

Andrea Emo, Verso la notte e le sue ignote costellazioniUna poderosa sistemazione teorica: questo è Verso la notte e le sue ignote costellazioni di Andrea Emo, a cura di Massimo Donà e Raffaella Toffolo, uscito a ottobre 2014 per i tipi di Gallucci all’interno della collana Alta Definizione.

Di sistemazione si tratta, poiché discende da una mole di appunti, riflessioni, speculazioni raccolti dal suo autore nel corso di molti anni, e mai pubblicate. Parlare di Andrea Emo, infatti, significa parlare di un filosofo per certi versi anomalo: aristocratico di nascita ma ancorato in maniera profonda, quasi viscerale, alla realtà; fautore di un pensiero non organizzato in forma organica ma non per ciò privo di logica oppure non ascrivibile a precisi edifici teorici.

Andrea Emo Capodilista nasce nel 1901 in provincia di Padova, in un contesto nobiliare. Rimane orfano di madre in tenera età, e dal 1911 comincia a frequentare Roma, assieme al fratello. In questa  città frequenta il liceo e successivamente, nel 1918, si iscrive all’università, presso cui segue i corsi di Giovanni Gentile. Proprio il pensatore di Castelvetrano, con il suo attualismo frutto di un tentativo importante di rifuggire, ripensare, sintetizzare l’idealismo prima kantiano e poi hegeliano, sarà alla base delle riflessioni di Emo. Quest’ultimo, da allievo e fautore del pensiero gentiliano, conoscerà un progressivo distacco dal maestro, pur mantenendo l’interesse e l’urgenza per alcune questioni fondanti, come la riforma della dialettica hegeliana, l’atto puro come principio di creazione che però, in Emo, conosce una sensibile trasmutazione, come ci suggerisce Emanuele Severino nella breve ma incisiva introduzione a Verso la notte e le sue ignote costellazioni: in sostanza, «l’assolutezza dell’“atto” (Io) trascendentale gentiliano viene trasformata nell’assolutezza dello star rinchiuso in sé da parte di ogni io empirico». Severino mette bene in evidenza l’inevitabilità, per Emo, di concepire il problema dell’essere e del divenire in continuità con la temperie in cui egli si forma e affina il proprio pensiero, facendo in particolare due nomi: Ugo Spirito e Gustavo Bontadini.

Come si diceva poco sopra, Andrea Emo non volle mai raccogliere i propri pensieri, che rimasero dunque custoditi in alcune centinaia di quaderni, per un totale stimato di circa 40mila pagine. Quaderni la cui scrittura prende avvio proprio in concomitanza con la conoscenza di Gentile da parte di Emo, e la cui redazione andrà avanti fino al 1981, quasi senza interruzioni. Un pensiero esposto, anche se in verità orchestrato secondo la forma di un diario “non in pubblico”, se ci si passa la locuzione, in una maniera volutamente a-sistematica, spaziando dalla filosofia teoretica alla teologia, dalle considerazioni sull’estetica fino alle gustose digressioni sul mondo “moderno”.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Andrea EmoLa “fortuna critica” di Emo ha preso le mosse proprio dal ritrovamento dei “Quaderni” e da Massimo Cacciari, il quale, riconosciuto l’indubbio interesse rivestito dal pensiero emiano, ha incaricato Massimo Donà e Romano Gasparotti di compiere una prima ricognizione del corpus sterminato del filosofo. A oggi, uno straordinario compendio è rappresentato proprio dai Quaderni di metafisica. 1927-1981, usciti presso Bompiani nel 2006, con la curatela degli stessi Donà e Gasparotti.

Il volume che invece è alla nostra attenzione, Verso la notte e le sue ignote costellazioni, reca come sottotitolo Scritti sulla Politica e la Storia, e appare in verità molto di più che un assemblaggio, seppur ragionato, di “interventi” e teorie. La già citata introduzione di Severino lascia presto il passo a una serie di veloci capitoli, da Politica a Democrazia, da Storia a Popolo, da Comunismo e fascismo a Valori. Ciascun capitolo riporta una serie più o meno nutrita di estratti dai quaderni di Emo; in questo caso, una lettura non sequenziale, anche se può sembrare un paradosso, riesce a restituire ancora meglio la sostanza della statura filosofica e dell’attualità del pensiero.

Molte sono le “linee” rintracciabili: a partire da quella che potremmo definire afferente alla filosofia politica, a proposito della quale leggiamo «Lo studio della Storia non vale se non in rapporto al futuro» (Quaderno 2, 1925), «La Storia è essenzialmente lo studio del tempo, lo studio, l’interpretazione della memoria come attuale conoscenza di noi» (Quaderno 12, 1931) ma anche che «La tendenza di ogni organismo politico, anzi di ogni organizzazione comprendente sotto di sé un numero più o meno grande di individui, è la tendenza all’unità» (Quaderno 25, 1934); passando per certe acquisizioni sul Cristianesimo, in particolare in relazione a Lutero con il quale, secondo Emo, «comincia forse il primo serio tentativo di superare non solo il Cattolicesimo, ma lo stesso Cristianesimo» (Quaderno 18, 1933), per giungere a riflessioni che, sebbene possano apparire alquanto estemporanee se non impressionistiche, ci danno comunque la misura dell’ampiezza e della portata, persino “eccessive”, dell’edificio filosofico di Andrea Emo: «Nella moderna società razionalizzata e socializzata, all’animo non sono più permessi i sentimenti, fuorché uno, che sembra essere il carburante del terribile e tecnicamente perfetto motore: l’odio» (Quaderno 253, 1962).

Numerose e intricate sono le vie che è possibile percorrere all’interno del pensiero di Emo, e ci sembra di poter dire che chi avesse voglia di batterle, queste strade, potrebbe trovare in Verso la notte e le sue ignote costellazioni un’ottima guida.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.