Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Veronica Gussoni: «Il cammino delle parole mi ha portata lontano»

Veronica Gussoni, Il cammino delle paroleHa un entusiasmo incontenibile Veronica Gussoni, autrice de Il cammino delle parole, con cui si è aggiudicata il concorso BigJump indetto da Rizzoli, Kindle Direct Publishing (KDP) di Amazon e la startup italiana 20lines. Una vittoria inaspettata la sua, ottenuta con perseveranza e quel pizzico di sana follia e incoscienza che a volte spingono a gettarsi in avventure incredibili. Impiegata in un ufficio commerciale, e lettrice onnivora («Amo tutto Baricco»), Veronica Gussoni crede fermamente che nella vita ci siano segnali da cogliere e treni da afferrare al volo. E così si è lanciata, quasi per caso, nella stesura del suo primo romanzo Il cammino delle parole.

 

Come mai ha deciso di partecipare a questo concorso?

Devo dire grazie a un’amica che mi ha mandato una mail, segnalandomi questo concorso. Lei era l’unica a sapere che avevo questo romanzo nel cassetto, che però non era completo. Mancava una settimana e non sapevo come fare, però la proposta mi allettava parecchio. Conosci quella sensazione che avverti quando senti che qualcosa è rivolta a te? Ebbene, sentivo che quella mail era per me. Era un segnale. Allora mi sono gettata a capofitto in un’impresa impossibile, lavorando e scrivendo di notte per completare il romanzo. Il titolo Il cammino delle parole è venuto naturale, a conclusione di tutto il lavoro. È stato uno sforzo, certo, ma che ho fatto perché sentivo di doverlo fare, principalmente per me. E credo che i risultati che ho ottenuto abbiano confermato che la mia intuizione era giusta.

 

Che cosa ha significato per lei scrivere questo libro?

Ha avuto un effetto terapeutico, nel senso letterale del termine. Quando ho scritto il romanzo, ho convogliato tutta l’energia che avevo dentro, dopo aver fatto anni di terapia. Posso dire tranquillamente che la stesura del libro è stata la degna conclusione di questo mio percorso personale, quasi una sublimazione che mi ha fatto stare meglio e mi ha dato una sensazione di profondo benessere interiore. Il successo dell’iniziativa, poi, mi ha galvanizzato ancora di più. Bisogna credere sempre in ciò che si fa, purché con l’umiltà di cercare di dare il meglio di sé.

Che tipo di lettrice è?

Mi piace leggere di tutto, e sono sensibile ai consigli e ai suggerimenti degli altri lettori, premesso che amo tutti i libri di Baricco sopra ogni cosa. Ora mi sono dedicata a Mangia, Prega, Ama di Elizabeth Gilbert, ma presto leggerò anche Il Dio delle piccole cose di Arundhati Roy.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+ e Pinterest]

Veronica GussoniCome si sta muovendo adesso?

Beh, per essere un’esordiente, sono più soddisfatta del risultato che ho ottenuto. Ho venduto più di 3000 copie dell’e-book e la menzione nella rubrica del «Corriere della Sera» tra i dieci e-book da leggere per l’estate mi ha reso più che felice. Ora, anche grazie ai consigli di «Sul Romanzo» sto approfondendo la mia conoscenza del mondo dell’editoria e certamente la pubblicazione in versione cartacea sarebbe la coronazione di un sogno. Ora sto seguendo gli sviluppi di questa vittoria e sono molto presa.

 

Qualche nuovo progetto all’orizzonte?

Confesso che ho una storia, c’è qualcosa su cui mi piacerebbe lavorare e ho già buttato giù qualcosa. Ma aspetto che arrivi, come nel primo caso, la spinta creativa e allora non mi ferma più nessuno.

 

Ha offerto una pizza alla sua amica che le ha proposto di partecipare al concorso?

Anche qualcosa di più. Stiamo progettando insieme una vacanza nei luoghi che frequentavamo da bambine.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (5 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.