Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Valentino Zeichen, un uomo libero in un mondo contraddittorio e difficile

Valentino Zeichen, un uomo libero in un mondo contraddittorio e difficileSabato, 1º luglio 2000

 

«Ho scelto gli amici non per avere dei congiunti, ma

perché li concepisco simili a soggetti di una comunità di persone libere.

Affinché rispettino la libertà di vederci quando ci pare e piace.

E alle donne applico il medesimo criterio.

Ma se un amico pretende speciali diritti di prelievo della mia persona,

io non ci sto.

Preferisco la solitudine».

 

 

 

 

Il 5 luglio 2016 Valentino Zeichen muore all’età di 78 anni in seguito alle complicanze di un ictus. Il mondo della cultura si era mobilitato per lui istituendo una raccolta fondi: c’era il rischio, al termine del percorso di riabilitazione, che non potesse più rientrare nella sua casa-baracca situata in via Flaminia a Roma, dove viveva da tanto tempo in modo instabile e insicuro. Due anni dopo esatti, il suo storico editore Fazi inizia la pubblicazione di una raccolta di pensieri e versi sotto il titolo di Diario 1999. Dopo questo è arrivato puntuale Diario 2000.

Valentino Zeichen, un uomo libero in un mondo contraddittorio e difficile

Una pubblicazione che rende omaggio al poeta-profugo istriano ma capitolino di adozione, il quale ha lasciato un vuoto non facile da colmare nel panorama culturale e poetico contemporaneo del nostro Paese. Per prima cosa perché non era uno qualunque: la personalità acuta e ironica e il suo stile di vita e di pensiero lo differenziavano dalla massa, e la citazione indicata in esergo di articolo (e contenuta nel testo) ne costituisce perfetta sintesi. Questo libro si può definire dunque un ulteriore tassello che va a comporre un mosaico; un libro nel quale facciamo un salto indietro nel tempo di quasi vent’anni.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Giunge infatti il 2000 ed escluso chi era molto piccolo e non può ricordare, il suo arrivo fu atteso e vissuto in maniera diversa e speciale un po’ da tutti. Valentino Zeichen mentre registra con chi ha festeggiato, in realtà si guarda attorno con amarezza, denuncia quel guizzo che manca a certi artisti, una ripetitività e una povertà spirituale che non gli è confacente. Ma non è tutto. Annota che il Presidente della Repubblica di allora, al momento del tradizionale discorso, parla di terzo millennio: peccato che «si è ancora nell’ultimo anno del secondo... non c’è scampo», dice rivolgendosi idealmente a un amico. Uno dei tanti e tante che troviamo menzionate. Persone appartenenti al mondo editoriale (Elido Fazi appunto), letterario (in particolare Franco Cordelli e Valerio Magrelli) e artistico, e, più in generale, quella mondanità barocca rappresentata nel 2013 da Paolo Sorrentino, frequentata e osservata da Zeichen con una lucidità mentale fuori dal comune. Può essere attraverso un aneddoto, uno sberleffo, una critica. Ma sempre essenziale, asciutto, anti-narrativo. I fronzoli non gli appartengono.

 

Martedì 7 marzo

«Un’amica di mezza età m’invita:

vuoi venire a una

festa mascherata?

Che bisogno c’è di pararsi?

Non indosso già la maschera del tempo?»

 

A volte invece è sufficiente una sola riga ma in quella riga c’è comunque sempre tanta vita vissuta: il film visto, i pranzi o le cene a cui veniva spesso invitato, oppure ancora la celebrazione dell’arte culinaria, alla quale amava dedicare del tempo. Gli piaceva cucinare e poi commentava, con il suo proverbiale piglio, quanto cucinato per gli altri.

Nella seconda parte di Diario 2000 il registro è poetico: vi è infatti contenuta la raccolta Ogni cosa a ogni cosa ho detto addio – titolo dalla bellezza struggente – pubblicata proprio in quell’anno. Versi che con immagini non liriche e un po’ scanzonate esprimono l’eleganza marmorea e scultorea ma anche le strade, gli obelischi o altri luoghi della Capitale. Città dalle tante patrie e dalle mille leggende che lo accolse, come detto, dopo essere riparato dalla nativa Fiume nel periodo tragico e immediatamente successivo alla Seconda guerra mondiale.

Valentino Zeichen, un uomo libero in un mondo contraddittorio e difficile

Quella dedicata a Piazza del Popolo tra l’altro è significativa in quanto piazza più vicina alla sua particolare dimora creando una sorta di incontro dal sapore beffardo tra precarietà e salotto borghese:

 

«Molte generazioni

hanno creduto che

Piazza del Popolo

fosse sinonimo di folla,

mentre il nome deriva

da popolus: pioppo.

Lì dov’era piantato

l’incerto toponimo si erge

l’obelisco granitico

del Faraone Ramses II,

l’architetto Valadier

come un cuoco estroso

l’ha guarnito ai lati

con quattro vaschette

sormontate da leoni

che invece di ruggire

spruzzano rinfrescanti

ventagli d’acqua

che freddano doppiamente

secondo lo stile Neoclassico».

 

La scrittura è sacrificio, dedizione, passione, e Zeichen viveva (anche se sarebbe meglio dire sopravviveva) da e per essa.

Non scrisse solo poesie: con il suo unico romanzo, La sumera, concorse al Premio Strega nel 2016 (come già ricordato, l’anno in cui morì) e fu scartato dalla selezione finale con non poche polemiche.

Una scrittura con la quale si è sempre distinto dall’ordinario facendosi portavoce di una ribellione e di un pessimismo mai pesanti perché temperati da intelligenza e vivacità intellettuale. In questo risiede la sua cifra letteraria e stilistica.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Valentino Zeichen è stato un uomo libero in un mondo contraddittorio e difficile, e Diario 2000 costituisce per i lettori essenza del suo lascito verbale. «Mi pongo la seguente domanda: ma posso io, dopo sette o otto libri pubblicati, considerarmi ancora un dilettante? Un disinteressato attore che interpreta il ruolo di autore in questa commedia della letteratura?»

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.