Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

“Unbroken”: un’incredibile storia vera dal libro al film

Angelina Jolie, UnbrokenEsce oggi nelle sale italiane Unbroken, il film che Angelina Jolie, al suo secondo film come regista, ha tratto dall’omonimo libro scritto nel 2010 da Laura Hillenbrand, giornalista americana, e già pubblicato in Italia nel 2012 come Sono ancora un uomo da Mondadori, che ora lo ripresenta con titolo e copertina collegati alla trasposizione cinematografica, sempre nella traduzione di N. Lamberti.

Protagonista della vicenda è Louis “Louie” Zamperini (interpretato dal giovane attore inglese Jack O’Connell), figlio di emigrati italiani e cresciuto in una cittadina californiana. Per sottrarlo a un’adolescenza da bullo di strada, il fratello maggiore Pete lo convince a sfruttare la sua velocità nella corsa, utilizzata principalmente per scappare dopo furtarelli e atti di teppismo, e lo costringe ad allenarsi per partecipare ai 5000 metri.

Dalle gare locali alle selezioni più importanti, la bravura di Louie lo porta a partecipare, appena diciannovenne, alla finale olimpica del 1936 a Berlino, dove si classifica ottavo. Il suo obiettivo diventa quindi la partecipazione alle Olimpiadi previste per il 1940 a Tokio, dove è convinto di poter vincere una medaglia, ma non ha fatto i conti con lo scoppio della seconda guerra mondiale: arruolatosi in aviazione, Louie partecipa a numerose missioni nel Pacifico a bordo di un bombardiere B24, fino al giorno in cui, colpito dai giapponesi, l’aereo precipita in mare.

Zamperini e i compagni Phil e Mac restano per 47 giorni alla deriva nell’oceano su un canotto, cibandosi saltuariamente di pesci e uccelli catturati con mezzi di fortuna e bevendo la rara acqua piovana. Mac, stremato, muore poco prima che il canotto venga intercettato da una nave da guerra giapponese, mentre per Louie e Phil iniziano due anni di spaventosa detenzione in alcuni campi di prigionia in Giappone: i giapponesi trattano infatti i prigionieri con estrema crudeltà, senza rispettare le convenzioni internazionali vigenti, perché ritengono disonorevole lasciarsi catturare vivi dal nemico, e di conseguenza considerano meritevole del peggior disprezzo chi non è morto in combattimento.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: EditorialiWeb ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Pinterest e YouTube]

UnbrokenZamperini, in particolare, viene preso di mira dal sadico comandante del campo dove è recluso, ed è costretto a subire torture e angherie inimmaginabili, di cui pagherà le conseguenze a lungo anche dopo la fine della guerra. Tornato a casa e accolto come un eroe, l’uomo considerato unbroken, ovvero non spezzato dalle sofferenze patite, soffre in realtà per anni di attacchi d’ansia e incubi tali che lo portano a rifugiarsi nell’alcolismo, da cui lo salveranno solo la benefica influenza di un giovane predicatore e il sostegno della moglie.

Dotato comunque di un fisico indistruttibile, Louie Zamperini è morto a 97 anni nell’estate del 2014, dopo aver partecipato come tedoforo a ben tre olimpiadi, di cui l’ultima, quella invernale del 1998 a Nagamo, in Giappone, alla bella età di ottant’anni.

Il film si concentra soprattutto sul periodo bellico della vita di Zamperini, informando in breve sui fatti successivi solo nei titoli di coda, e questo permette una maggiore incisività, oltre che spettacolarità, della narrazione, che nelle 464 pagine del libro non riesce a mantenere un ritmo altrettanto serrato.

Molto puntigliosa nella sua ricostruzione, basata su ore e ore di colloqui diretti con Zamperini, oltre che su scrupolose ricerche, Laura Hillenbrand cade a tratti in qualche lungaggine, soprattutto nelle minuziose descrizioni dei luoghi e dei personaggi di contorno della vicenda. Nonostante queste occasionali cadute di tensione, però, Unbroken resta un libro capace di colpire profondamente il lettore, che non può fare a meno di appassionarsi alla drammatica, incredibile vicenda umana del protagonista.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.