In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Una visione della riforma scolastica: la sintesi di Remo Ceserani

Remo CeseraniSi parla di riforma della scuola; lo fa anche il ministro Carrozza nell'intervista condotta da Fabio Fazio a Che tempo che fa, spiegando che tale tema sarà oggetto della costituente della scuola. Si dovrà discutere dell'impianto della riforma, del reclutamento dei docenti, del riordino della scuola secondaria di primo grado, nel cinquantesimo della riforma della scuola media unificata.

Con la consueta ponderatezza interviene nel dibattito, senza per altro mai nominarlo, Remo Ceserani, in un articolo per «Le parole e le cose». Il punto sembra essere il destino delle Scienze Umane negli Stati Uniti, ma in realtà l'autore è più attento a "un uguale spirito di difesa delle scienze umane sotto attacco nel mondo scolastico e accademico italiano". Difesa, sì: perché tanto oltreoceano quanto qui la cultura umanistica sembra ormai al canto del cigno (si confronti, eventualmente, il testo citato da Ceserani, Un appello per le scienze umane, firmato tra gli altri da Alberto Asor Rosa, Ernesto Galli della Loggia e Roberto Esposito, apparso sulla rivista «Il Mulino»).

Ciò che colpisce, nell'articolo, è però la visione d'insieme sul sistema del sapere, che dovrebbe poi essere calato nel mondo della scuola. Ceserani riesce a prescindere da una logica di dipartimento o di conteggio orario, e punta piuttosto a rivedere la scuola dal punto di vista degli obiettivi che le discipline si pongono. Questo dovrebbe essere a mio avviso il punto di svolta per la nuova scuola: riflettere sugli obiettivi che ciascuna disciplina si pone, e che pare dimentichiamo.

 

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Continuare a chiedere a cosa serve la cultura umanistica non fa che svilirla, perché la risposta è abbastanza semplice: non serve a nulla, se intendiamo quel "servire" in senso pratico. Ma serve invece alla costituzione della persona e del cittadino, e a questo deve puntare la nuova scuola media. La crisi delle discipline umanistiche può portare a un ripensamento delle sue funzioni e soprattutto può aiutare a rimodulare la scuola come scoperta e formazione prima di tutto della persona.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.