Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Una trama assai coinvolgente. “Re dei re” di Wilbur Smith

Una trama assai coinvolgente. “Re dei re” di Wilbur SmithRe dei Re, ultima fatica letteraria dello scrittore Wilbur Smith edito da HarperCollins nella traduzione di S: Caraffini, è il seguito ideale del romanzo Il trionfo del sole, bestseller mondiale che racconta in modo appassionante le avventurose vicende di una donna che, dopo l’improvvisa rottura con il proprio fidanzato, è coinvolta in una spedizione nel continente africano.

Re dei Re è ambientato nel Nord dell’Africa di fine Ottocento e racconta, con brio, una spedizione, creata ad hoc per la conquista di una ricca vena d’argento nascosta tra le montagne del Tigrai.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Gli indomiti attori di questa ardua impresa sono: Ryder Courtney, sua moglie Saffron e la di lei gemella Amber, la quale era in procinto di convolare a giuste nozze con lo storico fidanzato Penrod Balantyne… ma l’inaspettata ricomparsa di una ex amante dell’uomo ha inevitabilmente mischiato le carte facendo mandare all’aria il tutto. E così la povera Amber era stata spinta a mettersi in viaggio con la sorella e il cognato.

Il viaggio per raggiungere la miniera in questione è alquanto avventuroso e costellato da mille pericoli. Più di una volta il nostro eroico trio ha rischiato di perdere tutto, ma alla fine come in ogni favola che si rispetti raggiunge a testa alta il risultato sperato.

Purtroppo però, nel momento in cui ogni cosa sembra andare per il verso giusto e gli affari sembrano prendere il volo, la situazione politica dell’intera regione si complica: tutta colpa delle lotte intestine per la successione al trono d’Etiopia.

Una trama assai coinvolgente. “Re dei re” di Wilbur Smith

A questo punto Ryder si vede costretto, causa forza maggiore, a negoziare un accordo con Menelik II, noto ai più come il “Re dei Re”.

Nel frattempo la matassa narrativa va ingarbugliandosi ancora di più, in quanto a sorpresa fa nuovamente la sua comparsa all’interno del racconto Penrod, che non si è mai rassegnato alla forzata separazione da Amber. L’uomo si arruola nell’esercito inglese nei panni di una spia: pareva che l’Italia avesse intenzione di invadere l’Abissinia e Mister Penrod aveva dunque l’oneroso compito di trovarne le prove per riuscire a scongiurare quella catastrofe.

Una volta giunto a destinazione Penrod si imbatte in Amber e l’atmosfera si fa sempre più calda, poiché i due giovani si accorgono di essere ancora attratti l’uno dall’altra come in un dèjà vu e di provare all’unisono quell’immenso amore, carnale e angelico, che fino a poco tempo prima li aveva visti come una coppia felice e indissolubile, solida e complice, pronta a consacrarsi a Dio.

Ma purtroppo ora è davvero tardi per tentare di riportare le lancette dell’amore indietro ai precedenti fasti: loro due – come in un terribile scherzo del destino – si erano schierati su due fronti profondamente differenti che era assai difficile riuscire a far collimare.

E inoltre quei gelidi venti di guerra che avevano cominciato a soffiare sull’intera regione, certamente non potevano offrire a scatola chiusa la certezza di un riavvicinamento affettivo tra i due giovani, in quanto la distanza ideologica e di intento dei due schieramenti era enorme.

Come in tutti i suoi capolavori, anche in Re dei Re Wilbur Smith riesce con grande maestria e psicologia a offrire ai suoi fan e ai suoi lettori una trama assai coinvolgente, che ti prende e ti accompagna con veemenza fino alla fine dello stesso romanzo, che si legge quindi volentieri e lo si gusta tutto di un fiato.

È un racconto unico inimitabile che ti incalza grazie alla ricchezza di molti colpi di scena.

Una trama assai coinvolgente. “Re dei re” di Wilbur Smith

Ne scaturisce quindi un’opera epica in cui il tema dell’amore romantico va a giuste nozze con quello della guerra e del coraggio.

Un’opera così carica di pathos e di risvolti psicologici che può essere letta tranquillamente in chiave personale e intimista. Infatti ogni lettore leggendo queste pagine ha la facoltà di compiere una sorta di viaggio spirituale, una specie di introspezione filosofica che lo porta a confrontarsi con se stesso con il suo eroismo e le sue paure in quella costante battaglia quotidiana tra bene e male. Si può tranquillamente dire ancora che le pagine di questo libro rappresentano una sorta di specchio metaforico in cui proprio noi abbiamo la facoltà di ritrovarci e di ricongiungerci con la parte più vera di noi stessi.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Perché l’Africa nella produzione di Smith? La risposta è molto semplice perché lo stesso autore è cresciuto in Sudafrica, con un padre cacciatore di elefanti, che sicuramente non ha incoraggiato la verve letteraria del piccolo Wilbur, il quale si è visto bene dal demordere, anzi ha alzato il tiro pubblicando numerosi romanzi basati su ricerche ed esplorazioni.

Tra i filoni letterari a cui ha dato vita è necessario ricordare il ciclo dei Balantyne, quello dei Courtney e i libri di ambientazione tipicamente egiziana.


Per la prima foto, copyright: Damian Patkowski su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 2 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.