Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Interviste a scrittori

Curiosità grammaticali

Una storia tra il nero e il comico. Intervista a Christian Frascella

Una storia tra il nero e il comico. Intervista a Christian FrascellaIl titolo, Cadaveri a sonagli, corrisponde a un’immagine ben precisa del nuovo romanzo di Christian Frascella, uscito per Mondadori. È un’immagine intensa, vivida, che penetra e permane nell’immaginazione per tutta la durata della lettura.

Siamo in un paesino dove non accade mai nulla, finché a qualcuno viene l’idea di farlo accadere. Il progetto non è molto ambizioso. Rubare qualche gioiello, un piatto prezioso, un computer, insomma un bottino con cui tirare avanti. Invece, ai due malfattori capita l’imprevisto. C’è qualcuno in casa.

Da allora in poi le cose possono solo degenerare, e non soltanto per i malviventi, ma per tutti i personaggi. Per chi è in casa, per chi se n’è appena andato, per l’amante, per il poliziotto, per il suocero, per chi lo sa, per chi cerca di sfruttare a proprio vantaggio una situazione assurda.

È un domino. Meglio ancora: è l’effetto dello scontro di due placche tettoniche, del prima e del dopo, da cui nascono le colline, quelle colline così caratteristiche, ondeggianti, come una distesa marina. Ciascuna collina disegna l’esistenza di un personaggio creando nell’insieme una vastità armoniosa e coinvolgente.

In occasione dell’uscita del romanzo, con Christian Frascella ci siamo addentrati in alcuni dei temi che si celano dietro Cadaveri a sonagli.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Come nasce l’idea di Cadaveri a sonagli?

Ho immaginato un paese in un luogo caratteristico. Nel quale non succede quasi mai niente. E ho pensato a quanto un omicidio avrebbe potuto destabilizzare gli equilibri. Nella mente avevo questo marito fedifrago che vuole liberarsi della moglie, e due ladruncoli che entrano nella loro villa quando lui non c'è. Ho scritto le prime scene e il resto del romanzo è venuto giù come una valanga. Nessuno doveva risultare del tutto innocente.

Una storia tra il nero e il comico. Intervista a Christian Frascella

Gianni Romoli, dovesse definirlo, che tipo di uomo è?

Ne esistono a migliaia nelle cronache e in letteratura, per non parlare del cinema: bel fisico, ottima parlantina ma poveri in canna. Cacciatori di dote che sposano donne che non amano con un discreto patrimonio, ma che non riescono a impadronirsene perché le mogli si rivelano molto più furbe di loro. Gianni è così, e nella scena d'apertura che lo riguarda compare mentre è a letto con un’altra donna. Ha acceso una polizza sulla vita della moglie qualche mese prima, e in lui il delitto è maturato come un frutto malato ormai da tempo. Altri sprovveduti gli forniscono quella che sul momento lui ritiene essere la soluzione più scaltra. Ma non sarà così.

 

Gli assassinii ai tempi moderni devono tenere conto della tecnologia che complica le cose. Quali limiti e quali occasioni si aprono, da questo punto di vista, nella scrittura di un poliziesco?

Credo siano più i limiti che le occasioni. L'idea dei personaggi che si spostano per incontrarsi in un dato luogo per un dato motivo, e nel noir è quasi sempre criminale, può creare molta più tensione di una telefonata tra gli stessi individui. La telefonata non è mai particolarmente caratterizzabile. Però è anche vero che questo è solo il mio caso. Altri autori di thriller usano la tecnologia in modo da avere un ulteriore scatto nel ritmo nella storia. Ma a me non interessa granché.

Una storia tra il nero e il comico. Intervista a Christian Frascella

Tutto accade in un piccolo paese tranquillo. A rigor di logica, ci si aspetterebbe che un omicidio, in seguito a una rapina, susciti spavento, orrore, invece, molti personaggi vivono la situazione come un’occasione, un modo per raggiungere la ribalta, i riflettori. Perché succede questo secondo lei? È una reazione tipica dell’uomo contemporaneo, mediatico?

Consideriamo che sono personaggi di una storia nera che è anche comica in molti punti. Per cui la realtà criminale è condizionata dal carattere con cui ho impostato la storia, e tutti loro ai miei occhi si comportano come stupidi che cercano qualcosa che tanto non possono avere: soldi, successo, libertà. In realtà vivono in un pozzo, nel fondo di un pozzo dal quale non si vede mai la luce. Per continuare a vivere, allora la immaginano. Solo che in molti non continuano a vivere, in molti muoiono. Perché fuori dal pozzo sono diventati anche ciechi e pericolosi.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Dovesse redigere le cinque regole d’oro per scrivere un poliziesco avvincente e originale, quali sarebbero?

  1. Leggere molti polizieschi, di tutte le epoche.
  2. Il fatto criminale è importante, ma non fondamentale: ciò che conta sono i personaggi e i conflitti tra loro.
  3. Riscrivere i dialoghi fino a che non suonano come quelli della realtà, il romanzo nero è lo specchio della società e in una società sordida i dialoghi non possono essere all'acqua di rose.
  4. Scalettare per capire quando inserire un colpo di scena. Due colpi di scena ravvicinati sono mortiferi per la storia.
  5. Diffidare di chi impone regole. In generale.

 

Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la prima foto, copyright: Rowan Heuvel su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.