Interviste a scrittori

Conoscere l'editing

Curiosità grammaticali

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

“Una storia straordinaria”, intervista a Diego Galdino

“Una storia straordinaria”, intervista a Diego GaldinoUna storia straordinaria (Leggereditore, 2020) è il nuovo romanzo di Diego Galdino. Lo scrittore romano, che ha raggiunto la notorietà con Il primo caffè del mattino (Sperling&Kupfer, 2013), frutto della sua esperienza di lavoro nel bar di famiglia, ha pubblicato in seguito altri romanzi di genere sentimentale, di solito ambientati a Roma e che collocano sempre le vicende d’amore dei protagonisti in contesti particolari, portando alla luce realtà differenti o problematiche.

In questo caso i due protagonisti di Una storia straordinaria devono entrambi affrontare eventi traumatici che li costringono a modificare in maniera radicale le proprie vite: Luca ha perso improvvisamente la vista a causa di una malattia e deve abituarsi a un’esistenza da non vedente, mentre Silvia, aggredita in un parcheggio, si scopre vulnerabile e incapace di tornare a una normale vita di relazione.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

L’incontro casuale che avviene tra loro grazie alla comune passione per il cinema li mette di fronte a nuove possibilità, ma il cammino per superare le difficoltà personali non è affatto facile né scontato. Terza protagonista del romanzo è Roma, città per la quale Galdino nutre un amore sconfinato, come ci conferma in questa intervista, e che descrive sempre con molta passione.

“Una storia straordinaria”, intervista a Diego Galdino

Cosa l’ha spinta a scrivere romanzi sentimentali, che sono spesso considerati appannaggio delle scrittrici più che degli scrittori, anziché di altro genere?

Mah! Forse sono posseduto dallo spirito di Jane Austen, o forse perché considero il libro della mia vita il suo Persuasione, o forse perché sono semplicemente innamorato dell'amore e da sempre mi piace scrivere la verità e lo faccio senza pensare che qualche donna potrebbe trovare la cosa un'invasione del mondo dei sentimenti da parte di un uomo che come Stephen King o Jo Nesbø poteva dedicarsi più opportunamente al genere horror o al thriller... In realtà credo che l'anima non abbia un genere maschile o femminile, ma come nel mio caso sia semplicemente un'anima romantica.

 

Lavorare in un bar, a contatto continuo col pubblico, è un buon modo per stimolare la fantasia di uno scrittore?

Se i clienti sono Antonio l'idraulico e Tonino il meccanico assolutamente no. Ho iniziato a scrivere per una donna e per fuggire dal mio contesto quotidiano, poi una nemesi storica si è palesata facendomi diventare uno scrittore pubblicato in otto paesi europei e Sudamerica grazie ad un romanzo dedicato al caffè.

“Una storia straordinaria”, intervista a Diego Galdino

In Una storia straordinaria si parla di tante cose: di come affrontare la cecità, di come superare una violenza, di una passione sfrenata per il cinema… qual è stata la prima idea che ha messo in moto tutta la storia?

Guardando le mie figlie belle come la protagonista di un film ambientato a Roma e pensando a cosa avrei fatto se mi fosse stata tolta improvvisamente la possibilità di guardare e proteggere le persone che amo, la città più bella del mondo e i film.

 

Luca ha dovuto adattarsi a una vita da non vedente, Silvia ha perso la fiducia negli uomini: in quale dei due ha trovato più faticoso immedesimarsi per raccontarceli?

In nessuno dei due, per fortuna ho avuto una buona maestra che sapeva rendere leggendario l'ordinario e come lei ho sviluppato la capacità di descrivere il pensiero e l'animo di Darcy ed Elizabeth Bennet facendoli miei alla stessa identica maniera.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Nei suoi libri Roma è spesso una grande coprotagonista, descritta quasi con occhi da innamorato. Cosa predilige in assoluto della Roma contemporanea e cosa, invece, le piace di meno?

Come direbbe la principessa Anna di Vacanze Romane..."In questi giorni di città ne ho visitate tante...ma la mia preferita è di sicuro stata Roma!" Per dirla invece alla Marco Coccia del film Amarsi un po'..."A me de Roma me piace tutto..."

 

C’è un tema che le sta a cuore in modo particolare e che le piacerebbe inserire in un romanzo futuro?

La stregoneria...


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la prima foto, copyright: Carlos Ibáñez su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.