Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di editing

Corso online di scrittura creativa

Una Sardegna inedita alle prese con “La coda del diavolo” di Maurizio Maggi

Una Sardegna inedita alle prese con “La coda del diavolo” di Maurizio MaggiMaurizio Maggi ne La coda del diavolo (edito da Longanesi) scrive una storia ambientata in «una terra che nasconde segreti inconfessabili. Un protagonista a caccia di verità e giustizia. Un nuovo eroe, implacabile e ribelle.» E la terra a cui si riferisce è una Sardegna inedita, avulsa dagli stereotipi dei luoghi di vacanza. Ci troviamo di fronte a una terra arsa e solitaria, in una rara notte di temporale dove una ragazzina fugge, ma lui, il mostro, il suo rapitore e aguzzino, la cattura e la uccide ignaro del fatto che a pochi metri da lui ci sia una pattuglia dei carabinieri che lo arresta.

Il romanzo introduce il lettore in una scena di apertura disturbante e barbara, che mi ha riportato alla mente le fiabe torbide dei fratelli Grimm.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Non sempre i mostri hanno un aspetto particolare. Virdis ha un volto stanco e tranquillo, quasi rassegnato, di un uomo che torna a casa dopo una giornata di lavoro.

Ed è con questo viso che Virdis arriva al carcere dove ad attenderlo c'è Sante Moras, un carceriere che dall'età di tredici anni si punisce stando rinchiuso tra mura spesse e sbarre di ferro alle finestre a causa di una colpa mai confessata. Nessuno meglio di Sante sa come sia facile avere peccati inconfessabili e sembrare sereno. E l’arrivo di quell’assassino è forse la sua occasione di redimersi.

«I detenuti allungavano le braccia attraverso le sbarre, come posseduti dall'euforia più che dalla rabbia. È un'illusione comune pensare che le colpe dei peggiori possano cancellare le nostre. Ma il peccato di un altro, per quanto grave, non cancella il nostro. Un peccato più un peccato fanno due peccati. Ci vorrebbe una buona azione per cancellarne uno. O forse no...»

Una Sardegna inedita alle prese con “La coda del diavolo” di Maurizio Maggi

Il mostro è impietoso. Non si fa nessuno scrupolo a sollevare per un orecchio la sua giovane vittima come se fosse un coniglio sparandole alla tempia con una pistola ammazza buoi. La stessa vittima era in precedenza stata marchiata a fuoco con un simbolo sconvolgente: la coda del diavolo.

«...l'avevano marchiata come si fa con le bestie, per rivendicarne la proprietà. E quando aveva scavalcato il recinto, il suo padrone l'aveva rincorsa e abbattuta proprio come si fa con il bestiame.»

 

Ma il mostro che arriva in carcere è protetto, è altolocato e ha soldi per proteggersi.

Allora Sante si trova costretto a fuggire in cerca della verità. Una verità che emerge poco a poco in un quadro sempre più complesso. Sante corre contro il tempo ossessionato da grandi interrogativi. Sante scappa anche da se stesso cercando di perdonarsi facendo giustizia.

Ed è impossibile non immedesimarsi nei suoi panni e non domandarsi: come avrei agito al posto suo?

Il libro narra un’avventura al limite della brutalità a cui l'uomo può giungere. Una trama costruita alla perfezione. Siamo di fronte a un mondo senza scrupoli dove «le perversioni non si incoraggiano né si combattono. Al massimo, le perversioni si sfruttano.»

Una battaglia solipsistica contro una casta potente e in un luogo geografico mai definito con precisione. La coda del diavolo è un buon giallo dalla narrazione sostenuta che scivola via incessante. Non ci sono inutili melensaggini e la tensione è costantemente elevata fino all'inaspettato epilogo. L'intreccio lega il lettore e dispiace averlo finito. Maggi ci lascia con un insegnamento:

«E se c'è una morale che questa storia mi ha insegnato, è che pentimento o punizione non riaggiustano ciò che s'è rotto. Nemmeno una buona azione ne compenserà una malvagia. Ma se ha l'opportunità di fare una cosa giusta, falla e basta, non fare calcoli. Siamo poveri esseri umani, certi bilanci non appartengono a noi.»

Una Sardegna inedita alle prese con “La coda del diavolo” di Maurizio Maggi

Questo romanzo sarà molto apprezzato dai lettori abituali del britannico Lee Child sempre in bilico tra giustizia e vendetta. Anche nel caso di Child è Longanesi l'editore prescelto, guru delle pubblicazioni di questo genere.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Lo stesso Maurizio Maggi è stato già edito Longanesi con L’enigma dei ghiacci con il quale è stato finalista al premio Calvino nel 2014, conducendoci in un’avventura mozzafiato nel bianco dei ghiacciai antartici.

Ne La coda del diavolo Maggi cresce come scrittore e ha saputo costruire davvero un bel must da leggere per gli appassionati del genere giallo.


Per la prima foto, copyright: Andrea Proietti.
Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.