Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Una madre e la malattia del figlio. “L’equilibrio perfetto della felicità” di Anna Alagi

Una madre e la malattia del figlio. “L’equilibrio perfetto della felicità” di Anna AlagiL’equilibrio perfetto della felicità è un concentrato di emozioni piuttosto forti. Un mix di malinconia e di speranza, che afferra il lettore e lo trascina in un vortice lungo poco più di duecento pagine. È un libro che ti stringe il cuore.

Scritto con grazia e accuratezza stilistica da Anna Alagi – giovane scrittrice residente ad Alessandria ma di origini calabresi – narra la storia, ispirata a un fatto realmente accaduto, di una madre che si trova a combattere contro il mostro moderno della malattia. Una cardiopatia congenita, per la precisione. Un problema che interessa non direttamente la protagonista, Federica, bensì il suo secondogenito, Mattia. Un bambino in fasce che deve subire un’operazione e che, tra le corsie e i letti di un ospedale nella periferia di Torino, lotterà per la vita.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

A narrare i fatti è proprio la giovane madre che, giorno dopo giorno, racconta le tappe di un percorso irto di ostacoli. Un cammino inaspettato che la conduce nella situazione tragica in cui si trova oggi. Una situazione fatta di paura, solitudine e ricordi dolorosi. Ma anche di incoraggiamento, amicizia e solidarietà.

Una madre e la malattia del figlio. “L’equilibrio perfetto della felicità” di Anna Alagi

Federica, durante questo percorso, incrocerà l’appoggio dei medici e la fermezza delle infermiere, il garbo e la comprensione delle altre mamme, la debolezza di Martina – incapace di gestire il suo dolore –, la forza e la tenacia di Paola ­ «guerriera difronte alla malattia di suo figlio» – e il distacco e la condiscendenza di suo marito. E infatti, «la sua solitudine – si legge nel libro – è affiancata da un coro di voci e di volti […]». Tutti personaggi che, nella mente della protagonista, assumono un ruolo particolare. Un modo di essere diverso, visto con gli occhi di una madre disperata perché inadeguata e impreparata ad affrontare un avvenimento del genere. Sorpresa, stanca, speranzosa e coraggiosa.

L’autrice lo racconta bene, questo stato di cose: il probabile crollo delle certezze di madre e la resistenza, della stessa, a non abbandonarsi a quel senso d’impotenza che potrebbe portarla alla disperazione.

«Ma se a liberare la sua mente dall’inganno fosse proprio chi ha pagato il prezzo più alto?».

 

L’equilibrio perfetto della felicità è un libro che ti stringe il cuore.

Parte lento: la storia, nella prima parte, stenta a decollare, ma ha comunque la forza di trattenere il lettore, per poi dipanarsi in un’altalenante serie di capitoli che – almeno per quanto riguarda la suspense – nulla ha da invidiare a un thriller ben strutturato.

Una madre e la malattia del figlio. “L’equilibrio perfetto della felicità” di Anna Alagi

Il linguaggio è semplice e diretto: niente termini complessi o inutili virtuosismi stilistici; solo parole ben selezionate e posizionate nei punti giusti.

Frasi, paragrafi e capitoli brevi spingono alla lettura. Digressioni e retrospezioni frequenti definiscono fin nei minimi particolari i background dei vari personaggi.

Ciò che colpisce di più in questo testo è, comunque, l’esposizione dettagliata e ben fatta di un pensiero non comune, come appunto quello di una madre che scopre della malattia di un figlio. Una malattia che potrebbe anche portare alla morte.

L’angoscia, la paura e la voglia di tornare alla normalità che sono sempre presenti; le azioni più banali che assumono connotati diversi; la routine, a cui viene attribuito un valore differente; i luoghi visti con altri occhi; i ricordi che rivivono più forti di prima.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

È la fotografia di uno stato d’animo trafitto dal dolore e dall’aspettativa. Dalla forza di volontà di proseguire la propria vita.

Pubblicato da Edizioni della Sera, L’equilibrio perfetto della felicità di Anna Alagi è un buon libro, che riesce nel suo intento di far affezionare i lettori alla protagonista, raccontando – con dovizia di particolari – il punto di vista di una madre che, per la vita, deve farsi coraggio e affrontare anche ciò che non può controllare.


Per la prima foto, copyright: Bruno Nascimento.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.