Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Una graphic novel ispirata a Franz Kafka

Una graphic novel ispirata a Franz KafkaViviamo in un momento di grande fioritura per le graphic novel, opere che sempre più riescono ad assurgere al livello di letteratura, considerate anzi vere e proprie opere di narrativa da critici e lettori amanti del genere.

Non sorprende quindi trovarci di fronte al tentativo di raccontare la vita di Franz Kafka, uno dei massimi scrittori del secolo scorso e autore di capolavori come La metamorfosi e Il processo, scegliendo come medium narrativo non il tradizionale saggio, ma una graphic novel, pubblicata nel 2007 con il titolo semplice ma esemplificativo di Kafka.

Gli autori sono due americani: Davi Zane Mairowitz, autore della biografia, e R. Crumb, icona della controcultura degli anni Sessante e Settanta del Novecento, che ha curato la realizzazione delle tavole.

 

LEGGI ANCHE – David Foster Wallace commenta Franz Kafka – il video originale

 

Si tratta di una breve e illuminante biografia, che copre vari aspetti della vita di Kafka, dalla problematica relazione con il padre alla sua paura delle donne fino all’idea della propria morte con cui convisse per gran parte della sua vita per concludere con le incomprensioni culturali di cui è oggetto il termine”kafkiano”.

Una graphic novel ispirata a Franz Kafka

Una graphic novel ispirata a Franz Kafka

Una graphic novel ispirata a Franz Kafka

LEGGI ANCHE – Cosa significa “kafkiano”? Un video animato lo spiega con chiarezza

Una graphic novel ispirata a Franz Kafka

In un passaggio particolarmente interessante Mairowitz esamina il senso dell’identità in Kafka e analizza i meccanismi di difesa messi in atto dall’autore nel clima culturale antisemita di Praga:

Franz Kafka non è mai stato tra quelli molestati o picchiati in strada per il solo fatto di essere, o semplicemente di somigliare a un ebreo. Eppure, per quanto possa essersi rinchiuso in se stesso e per quanto abbia spinto questi eventi fuori dalla sua portata, sarebbe stato impossibile, come per la maggior parte degli ebrei, assentarsi intellettualmente dal destino collettivo.

Una graphic novel ispirata a Franz Kafka

Una graphic novel ispirata a Franz Kafka

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

Una graphic novel ispirata a Franz Kafka

Una graphic novel ispirata a Franz Kafka

 

Come tutti gli ebrei assimilati, una delle cose che dovette “assimilare” fu una misura del “sano antisemitismo”. Molti ebrei del tempo (o di qualunque altro tempo) assorbirono la minaccia quotidiana dell’antisemitismo e l’hanno rivolta internamente verso se stessi. Kafka non fece eccezione per quanto riguarda questi sentimenti di odio verso di sé.

 

LEGGI ANCHE – I disegni di Franz Kafka

Una graphic novel ispirata a Franz Kafka

Una graphic novel ispirata a Franz Kafka

Prima o poi, però, anche il più odioso degli ebrei preso da quest’odio verso di sé dovette fare marcia indietro e ridere di se stesso. In Kafka la dualità della nera melanconia e dell’esilarante auto-annientamento è quasi sempre in opera. “Kafkiano” è di solito confuso con le nozioni di terrore e angoscia amara. Ma le storie di Kafka, per quanto truci, sono quasi sempre anche… divertenti.

Una graphic novel ispirata a Franz Kafka

Una graphic novel ispirata a Franz Kafka

LEGGI ANCHE – Orson Welles legge Franz Kafka

 

Mairowitz e Crumb esplorano come la relazione di Kafka con il tirannico padre abbia modellato la sua scrittura, inclusa la sua famosa opera, La metamorfosi.

Una graphic novel ispirata a Franz Kafka

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Questi paralleli tra le esperienze vissute da Kafka e i suoi mondi immaginari sono continuati fino alla sua morte, anche nei momenti finali: nel giugno del 1924, mentre stava morendo a causa della tubercolosi, era infatti occupato a correggere le bozze di una sua raccolta di racconti, la cui pubblicazione avvenne molti mesi dopo e perciò non riuscì a vivere abbastanza per vederla.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.