Interviste a scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Curiosità grammaticali

Una donna in fuga con suo figlio. “Il sale della terra” di Jeanine Cummins

Una donna in fuga con suo figlio. “Il sale della terra” di Jeanine CumminsJeanine Cummins presenta al suo numeroso pubblico la sua ultima fatica letteraria dal titolo Il sale della terra edito in Italia da Feltrinelli nella traduzione di Francesca Pe’. Un libro non facile per tematiche e contenuti, che però non dovrebbe scoraggiare un lettore di buona volontà in quanto, nonostante l’intrinseco valore di pathos offerto, è soprattutto un validissimo giallo mozzafiato, che si beve tutto d’un colpo per quanto coinvolga emotivamente.

La storia ben confezionata non è certamente di facile appeal, anzi direi che è alquanto intricata e appassionante, tanto che quando la cominci a leggere, non riesci a fermarti perché ti trovi all’improvviso catapultato in altri lidi, in altre atmosfere.

Il tutto prende vita in quel di Acapulco, località messicana lontana anni luce dall’immagine patinata che abbiamo. Infatti qui Acapulco diventa triste sinonimo di luogo in balia dei narcotrafficanti.

Sono gli stessi Boss che agiscono indisturbati quasi con la silenziosa accondiscendenza della popolazione, che, come struzzo impaurito, nascondendo la testa sottoterra, assiste inerme alla moltitudine di omicidi che purtroppo sono all’ordine del giorno. Quindi per la stessa gente comune diviene assai rischioso uscire di casa, e camminare per strada significherebbe mettere in conto la possibilità di non far più ritorno nelle proprie abitazioni.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Ma c’è una ragazza, una donna con gli attributi che diventa suo malgrado eroina dell’intero affaire. È proprio lei che, con la grinta e la sagacia tipicamente femminili, affronta con grande impegno e abnegazione questa situazione quasi grottesca.

Lei è aLydia: un impiego in libreria, i suoi cari a casa, tra cui Sebastiàn, il marito giornalista, e il piccolo Luca, un tenero ragazzino di appena otto anni.

Sembrerebbe quindi una vita serena, quasi una sorta quadro idilliaco dell’esistenza umana; ma nulla, ahimè, è mai come sembra.

Una donna in fuga con suo figlio. “Il sale della terra” di Jeanine Cummins

Anche la nostra Lydia, senza rendersene davvero conto, dovrà cercare a ogni costo di vincere i suoi fantasmi più remoti e spaventosi, per preservare così il suo piccolo mondo antico e i suoi affetti più cari.

Il fattaccio accade nel momento in cui la donna si trova alla festa di compleanno di una nipote, e all’improvviso un commando di narcotrafficanti irrompe a tradimento e vigliaccamente compie una strage di inaudita ferocia. Tanta è la paura e lo smarrimento iniziale, ma miracolosamente Lydia resta illesa e si salva perché imboscata nella toilette. Che fare a questo punto? si chiede la donna ancora sconvolta da quell’insolito gioco al massacro.

L’unica cosa saggia che resta da fare a Lydia è quella di prendere subito il suo piccolo e impaurito Luca e fuggire lontano dalla sua amata patria, perché restare in Messico per lei e la sua stirpe avrebbe certamente significato, senza nessuna esagerazione o forzatura, morte sicura.

Ma nella testa della donna tante erano le domande che lei stessa, senza risparmiarsi, si poneva a più riprese. Ad esempio quale fosse stato il motivo alla base di così tanta cattiveria e crudeltà durante la festa della nipote.

Nonostante dubbi e tarli, Lydia non può che intraprendere una sorta di peregrinazione lungo le desolanti rotte dei migranti centroamericani che, ogni anno, tentavano invano di varcare il confine con gli Stati Uniti d’America.

Tutto ciò significa quindi salire a bordo “della Bestia”: un nome, una storia! La Bestia non era che il famigerato treno merci su cui gli stessi fuggiaschi si arrampicano al volo, col reale rischio di finire stritolati sulle rotaie.

Una donna in fuga con suo figlio. “Il sale della terra” di Jeanine Cummins

Nella rocambolesca fuga di madre e figlio ci saranno pure due figure come quelle di Soledad e Rebeca, due sorelle scappate dall’Honduras per dare una svolta in positivo alla loro triste condizione umana. Assieme attraverseranno il deserto sperando nella solidarietà dei compagni di viaggio.

La Cummins ha firmato, con innegabile abilità e comprovata sensibilità, un romanzo bello, forte e soprattutto coraggioso visti i tempi in cui viviamo; ha offerto su di un vassoio d’argento un lavoro certosino che riproduce con una certa lucidità la cronaca incalzante di un’odissea in cui si snodano e intrecciano le vicende più dure ed emozionanti della migrazione latino-americana.

Si può dire perciò che l’autrice è davvero riuscita a creare, con grande dovizia di ingegno e verità, una specie di thriller famigliare, in cui madre e figlioletto se vogliono sopravvivere ai perché della vita non devono far altro che scappare, per non finire nelle grinfie della malavita.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Jeanine, scrittrice americana, è un gran talento purtroppo conosciuto prevalentemente in patria, dove questo suo libro è stato assai apprezzato da scrittori del calibro di Don Winslow e Stephen King. Quindi è inevitabile che questo suo ultimo lavoro punti a sbancare il mercato europeo. In America gli scommettitori danno per certa la realizzazione di questo traguardo e pare che molto presto Il sale della terrasarà anche spunto per la sceneggiatura di un film al cardiopalma.


Per la prima foto, copyright: Pablo García Saldaña su Unsplash.

Per la terza foto, la fonte è qui.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.