Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Una donna e il potere della magia. “Invisibile” di Carla Vasio

Una donna e il potere della magia. “Invisibile” di Carla VasioIl nuovo libro di Carla Vasio (Invisibile edito da Éxorma) è uno strano “oggetto” che metterà a dura prova il lettore abituato a ritmi sostenuti e lessico essenziale tipico di molta narrativa contemporanea. E non poteva essere altrimenti: la sua autrice, esponente del Gruppo 63 (gruppo di poeti, scrittori e studiosi artefici di una “rottamazione” ante litteram nel panorama letterario italiano della metà del Novecento), non è certo una scrittrice che segue la corrente.

Invisibilenarra la storia di una donna (Viviana): invisibile per tutti fino al momento in cui non diventa necessaria, dotata di un potere invisibile (a metà fra la pranoterapia e la magia), che sembra abitare in un luogo invisibile (una cittadina che tutti possiamo vedere, ma che solo lei percepisce fino in fondo). Con lei c’è sempre l’io narrante dell’autrice, che osserva con occhio rapito e curioso Viviana e prova a portarci dentro il suo mondo con parole che sono però incapaci di descrivere realmente ciò che prova una donna dotata di poteri che nessuno comprende fino in fondo (nemmeno lei stessa). Poteri che la costringono a privarsi non solo delle persone o delle cose, ma anche del loro desiderio.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

Una donna e il potere della magia. “Invisibile” di Carla Vasio

Il flusso narrativo è fondato su un tentativo di usare «impurità descrittive», schegge di memoria e metafore ardite, di cui la stessa autrice è conscia, per stanare il senso di un’esistenza di una persona che, pur dedicando tutta se stessa ad aiutare chi soffre attorno a lei, è sempre e comunque sola. Sola perché diversa, sola perché utilizza il linguaggio di un’energia che lei (e nessun altro) sente fremere in tutte le cose. Un’energia di cui malati di ogni genere si cibano e grazie alla quale guariscono, ma che poi preferiscono dimenticare appena escono dalla casa di Viviana per non doversi porre troppe domande sulla validità di alcune leggi fisiche e sociali che la loro “guaritrice” ha spazzato via con un solo tocco delle mani.

 

LEGGI ANCHE – Il rinnovamento culturale italiano degli anni '50 nell'autoritratto di Goffredo Petrassi

 

Maga, sensitiva, pranoterapeuta, strega, pazza, veggente, Viviana viene etichettata in molti modi dalle persone che incontra, fin da quando (da bambina) piegava le posate sfiorandole con un dito o attraversava le porte senza bisogno di aprirle, ma nessuno sembra essere interessato a conoscere la vera essenza di questa donna, nessuno tranne l’io narrante, che condivide con il lettore i suoi dubbi e le sue ansie nel trovarsi sull’orlo di un burrone emotivo da cui non sempre osa sporgersi. E qui forse c’è uno dei punti deboli di Invisibile: la necessità dell’autrice di continui stand-by della storia, per confrontarsi con i propri dubbi o per confermare al lettore quale sia il modo “giusto” per interpretare la storia di Viviana, come se non potesse bastare il flusso narrativo a spiegarlo.

Una donna e il potere della magia. “Invisibile” di Carla Vasio

La necessità di ribadire il proprio punto di vista sugli eventi turba il lettore più dell’evolvere della storia, indebolendola e frenando il flusso di pensieri e di dubbi che il lettore stesso sarebbe in grado di generare se non vi fosse la presenza così ingombrante dell’autore. Un altro elemento da considerare è che l’io narrante, nel raccontare la storia di Viviana, inserisce, ex abrupto, dei richiami a studi filosofici e testi della mitologia norrena, senza dare al lettore il minimo appiglio per collocarli coerentemente nella narrazione.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Peccato, perché l’idea di Carla Vasio di confrontarsi con il “magico”, senza utilizzare il linguaggio tipico di romanzi o saggi che hanno fatto di questa terra di mezzo fra realtà e immaginazione il loro terreno di caccia esclusivo, è davvero degna di interesse.


Per la prima foto, copyright: Rob Potter.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.