In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Una donna che si libera e rinasce. “Ogni tuo respiro”, il nuovo romanzo di Irene Cao

Una donna che si libera e rinasce. “Ogni tuo respiro”, il nuovo romanzo di Irene CaoIrene Cao torna in libreria con Ogni tuo respiro (Rizzoli, 2016) dopo il successo della sua prima trilogia erotica Io ti guardo, Io ti sento, Io ti voglio (Rizzoli, 2013) e della duologia Per tutto l’amore, Per tutti gli sbagli (Rizzoli, 2014).

Questa volta si tratta di un romanzo singolo, in cui l’autrice di Pordenone ci fa incontrare una nuova protagonista, in un contesto nettamente diverso da quello dei romanzi precedenti.

Bianca conduce una vita in apparenza soddisfacente in una cittadina della provincia veneta. La convivenza con Sebastiano, figlio di una famiglia di industriali che ha fatto fortuna producendo grappe, sembra garantirle un’esistenza tranquilla e agiata, anche se dentro di lei cova il rimpianto di aver rinunciato alla possibilità di diventare una étoile della danza classica, limitandosi a insegnarla in una piccola scuola locale. Tutto però si spezza nel momento in cui il rapporto con Sebastiano entra violentemente in crisi: sconvolta dal tradimento di lui, Bianca fugge via, imbarcandosi in fretta e furia su un aereo che la condurrà a Ibiza, dove la madre morta prematuramente aveva vissuto un’esperienza indimenticabile molti anni prima, in compagnia di un’amica che è rimasta a vivere sull’isola. È da lei che Bianca si rifugia, trovando modo di ricostruire giorno per giorno la sua vita attraverso una serie di nuove esperienze e di scelte imprevedibili.

Abbiamo posto all’autrice qualche domanda a proposito di questo suo nuovo romanzo.

 

Ogni tuo respiro, il suo nuovo romanzo uscito in questi giorni, è una bellissima storia d’amore, in cui però il sesso appare relegato in secondo piano rispetto ai suoi libri precedenti. Quali sono le ragioni di questo cambiamento di registro? È solo in funzione della storia o l’etichetta di “scrittrice erotica” inizia a starle un po’ stretta?

Sinceramente non ho mai capito il significato dell’etichetta “scrittrice erotica”: mi è sempre sembrata una sineddoche mal riuscita, che dall’inizio ho accolto con un enorme sorriso. Vede, quando mi metto a scrivere, io non penso ai generi, alle etichette, alle sovrastrutture varie. Mi concentro sulla storia che mi ribolle in pancia, cerco di catturarne il centro, e di capire, strada facendo, cosa vogliono dirmi i personaggi. Scrivere questo romanzo è stato un viaggio di emozioni, che io stessa, attraverso l’evolversi del plot, ho vissuto sulla pelle. Ho lasciato parlare il cuore, prima che la mente. Il sesso non è assente dalla storia, ma è una musica che arriva come esito di una trasformazione profonda: via la meccanica, largo al sentire.

Una donna che si libera e rinasce. “Ogni tuo respiro”, il nuovo romanzo di Irene Cao

LEGGI ANCHE – Sul desiderio e sulle chimere. Note attorno a Eros e Tànatos

 

Anche se Bianca, la protagonista, non è giovanissima, potremmo considerare la sua storia alla stregua di un romanzo di formazione, perché le esperienze che affronta sono destinate a modificare radicalmente la sua vita. Lei l’ha immaginata così?

Assolutamente no. Le ripeto, quando scrivo non penso mai alle dinamiche dei generi letterari. È la storia di Bianca. Punto. Che a trentasei anni si ritrova a ricominciare daccapo, e con coraggio va incontro a una nuova vita. Ma non è l’età a fare la persona e c’è un tempo giusto per ogni cosa. Siamo in continua evoluzione e sempre in tempo per cambiare, anche a ottant’anni, se è la vita a chiedercelo.

 

Bianca, che da ragazzina sognava di diventare una étoile della danza classica, trova la sua nuova dimensione esibendosi come cubista nelle discoteche alla moda. Questo cambio così drastico di genere, di pubblico, di stile, non è un po’ spiazzante?

Sono cresciuta studiando i Classici greci e latini e ascoltando musica house dal mio stereo e dai cubi delle discoteche. Secondo lei è spiazzante? Bianca non rinnega la danza classica, ma con naturalezza la declina in maniera nuova, modulandola su altre frequenze. Sarà un percorso che le permetterà di entrare in contatto con la parte più vera del suo corpo: una liberazione e una rinascita. Spero che, insieme a Bianca, anche i lettori possano accogliere il cambiamento con amorevolezza.

 

L’isola di Ibiza è la seconda protagonista del romanzo, che lei descrive come un luogo quasi magico, a differenza della pubblicistica corrente che tende a dipingerla più che altro come un paradiso del divertimento giovanile. Esiste quindi un mondo isolano che non si è fatto travolgere del tutto dal turismo di massa e dalle mode?

Certo che esiste! Ibiza non è solo l’isola del divertimento sfrenato: è anche questo, ma sarebbe un errore ridurla solo a questo. È l’isola degli estremi: da un lato lo sballo, dall’altro una forte spiritualità, concentrata soprattutto nella parte Nord, dove sopravvivono reminiscenze autentiche del movimento hippy che negli anni Settanta aveva trovato lì salde radici. Se vai oltre Playa d’en Bossa e provi a esplorare il cuore dell’isola, puoi sentire il respiro di una Natura che ti avvolge: piccole baie, spesso deserte, luoghi mistici come la roccia di Es Vedra, paesini rurali dove è normale imbattersi in un gregge di pecore. Ecco, Ibiza è tutto questo: se sei in equilibrio con te stesso, ti accoglie e ti regala il meglio; se non sei in pace, c’è il rischio che ti rispedisca a casa con le ossa ammaccate. Va capita, amata per la sua natura cangiante; ma, soprattutto, va trattata con rispetto, perché è un’isola che non perdona.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Ho trovato interessante il contrasto stridente tra il mondo in cui Bianca s’imbatte rifugiandosi a Ibiza e l’accoglienza fredda e accusatoria che riceve quando, in seguito, torna al suo luogo d’origine, Bassano del Grappa. La provincia, in questo caso veneta ma possiamo parlare anche di altre regioni, non cambierà dunque mai?

La provincia può essere anche accogliente, dipende molto dalle zone. Di sicuro, in provincia è più facile la propensione al chiacchiericcio: si tende a credere alla verità del più forte e a non considerare le seconde voci del coro, i pregiudizi trovano terreno fertile e la noia spesso accende la miccia della maldicenza. Tuttavia, io ho deciso di crearmi il mio “eremo” creativo in un piccolo paese di provincia e, mi creda, mi sento in pace, circondata da buone energie e da persone dotate di grande cuore. Probabilmente, anche Bianca, se avesse avuto il tempo di spiegare le sue ragioni, sarebbe stata capita: la provincia è fatta di tempi lunghi, non si può avere fretta quando si torna a casa. Ma non si può nemmeno restare, se casa nostra è altrove.

Una donna che si libera e rinasce. “Ogni tuo respiro”, il nuovo romanzo di Irene Cao

Bianca è una donna che, sia pure a fatica, riesce a liberarsi dalla gabbia dorata di un rapporto in apparenza felice, ma in realtà dominato dal compagno Sebastiano, che non esita a tradirla e a umiliarla. La cronaca ci ha raccontato, proprio in questi ultimi giorni, storie atroci di donne uccise da uomini incapaci di accettare la fine di un rapporto: cosa vorrebbe dire, alle donne, a questo proposito?

Di avere coraggio. Imparare a essere, prima ancora che a difendersi. Se ti stai difendendo, significa che hai già permesso all’altro di non rispettarti. E, allora, imparare a dire “no” al primo gesto sbagliato, perché, come anche Bianca ci insegna, è la scintilla di un semplice “no” che innesca la svolta della rinascita.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.